laRegione
Nuovo abbonamento
ppd-di-lugano-quattro-candidati-per-la-presidenza
I candidati di Ppd (e Verdi Liberali) di Lugano alle elezioni comunali del 2020, poi annullate. Benedetta Bianchetti è la seconda da sinistra (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

‘Prima i nostri’ non sfonda a Bellinzona: no del Cc

Bocciata di misura la mozione Lega/Udc/Ind. che chiedeva l'applicazione del principio nell'assunzione dei dipendenti comunali
Bellinzonese
4 ore

Casa Marta incassa l'ulteriore aiuto di Bellinzona

Struttura per senzatetto: sì del Cc al nuovo credito di 450mila franchi che si aggiunge al precedente di 200mila e al diritto di superficie
Mendrisiotto
4 ore

Treni InterCity: per il Mendrisiotto se ne riparla nel 2023

Nessuna soluzione a breve per il Distretto, faccia a faccia con le Ffs. Che assicurano: 'Per noi non è una regione di serie B'
Locarnese
4 ore

Cittadinanza a mamma Tomic, Losone dice ‘no’ per la terza volta

Bocciata dal Consiglio comunale (con voto segreto) la richiesta di attinenza
Locarnese
4 ore

Iva sul Palacinema, un tarlo da 1,3 milioni di franchi

Dall'Amministrazione federale delle contribuzioni una pre-decisione sull'entità dell'imposta sull'investimento. Cda e Città valutano come reagire
Bellinzonese
4 ore

Ex Petrolchimica di Preonzo, primo milione per lo sgombero

Luce verde del Cc di Bellinzona al credito chiesto dal Municipio per eliminare le strutture ancora presenti
Ticino
6 ore

L'Ocst: ‘Più Contratti collettivi di obbligatorietà generale’

Il sindacato cristiano-sociale scrive alla Seco chiedendo più diffusione per questo ‘strumento fondamentale per regolare il mercato del lavoro ticinese’
Ticino
6 ore

Abusi sul posto di lavoro, la ricetta del Ps

Una mozione di Ivo Durisch chiede di 'prevenire, gestire e sanzionare atti contro l'integrità della persona' in ambito lavorativo
Bellinzonese
7 ore

Mercatino di Chironico annullato

A causa delle incertezze legate al Covid-19 quest'anno l'evento non si terrà
gallery
Ticino
7 ore

Novanta nuovi pompieri per il Ticino

3 donne e 87 uomini hanno concluso ieri il corso di formazione per nuovi pompieri organizzato dal Corpo di Lugano su incarico della Federazione Pompieri Ticino
Bellinzonese
7 ore

Madonna della neve, il progetto è della parrocchia

Il restauro della chiesa è promosso dalla parrocchia di Bellinzona
Luganese
13.08.2020 - 06:050

Ppd di Lugano, quattro candidati per la presidenza

È fissata al 24 settembre l'assemblea che darà una nuova guida al partito, dopo le dimissioni di Angelo Petralli all'inizio della scorsa campagna elettorale

Quattro candidati per una poltrona. Siamo ancora in piena estate, ma i motori per l'imminente prossima stagione politica si stanno già oliando. Lo sanno bene in casa Ppd di Lugano, dove fervono i lavori in vista del 24 settembre: per quella data è stata fissata infatti l'assemblea che avrà l'importante compito di eleggere il nuovo presidente sezionale, nella delicata fase che traghetterà il partito alle elezioni comunali dell'aprile 2021. 

Entro fine mese le audizioni

«Abbiamo già riservato il Capannone di Pregassona, l'assemblea si terrà con tutte le norme igieniche e di distanziamento in vigore» ci conferma il segretario Claudio Giambonini. Da un'iniziale rosa di una ventina di candidati, la commissione cerca – presieduta dal municipale uscente Angelo Jelmini – ha ristretto le proprie attenzioni su quattro nomi. «Sono profili diversi, ma tutti validi. Entro fine mese si terranno le audizioni, che porteranno alla designazione del o dei candidati da proporre all'assemblea».

Le voci parlano di Luca Campana e soprattutto Benedetta Bianchetti

Sui nomi Giambonini non si espone, come neppure Jelmini: «Sulle speculazioni preferisco non sbilanciarmi. Taccio e ascolto». Sì, perché sebbene le candidature sin qui avanzate siano ancora rigorosamente top-secret, qualche nome gira. Tra i giovani, ad esempio, potrebbe esserci Luca Campana, energico rappresentante della commissione di quartiere di Pregassona. Ma soprattutto, il nome che secondo nostre informazioni si fa con più insistenza è quello della consigliera comunale Benedetta Bianchetti. «Non ci sono candidature più sostenute di altre, tutti partono alla pari» replica il segretario. 

'Il partito ha ritrovato unità e fiducia'

Abbiamo sentito la diretta interessata dai rumor, che però sulla questione per il momento preferisce non esprimersi, sottolineando solo che ci sono numerosi fattori da ponderare. Bianchetti tuttavia già da diversi mesi, da aprile, è anche la vicepresidente facente la funzione di presidente della sezionale cittadina del partito. Pandemia a parte, il Ppd oggi è più sereno rispetto all'inverno scorso? «Ci sono state delle tensioni – ricorda la consigliera –, però sotto la guida di Angelo Jelmini (che è stato presidente ad interim nel delicato periodo gennaio-aprile, ndr) il partito ha ritrovato unità e fiducia per affrontare le elezioni che poi per forza maggiore sono state annullate. L'Ufficio presidenziale (Up) anche durante il lockdown si è riunito, facendo diverse videoconferenze, ponendo le basi per l'assemblea del 24».

Un inverno di passione

La prima parte della campagna elettorale del Ppd, ricordiamo, non è stata priva di tensioni e colpi di scena. Ad aprire il vaso di Pandora è stato, prima di Natale, l'ex presidente Angelo Petralli che in un'intervista ha criticato sia l'Up che la commissione cerca. Durante le feste si è esposta poi la granconsigliera Nadia Ghisolfi: le sue preoccupazioni si sono rivelate effettivamente fondate, sfociando nella sua esclusione dall'iniziale rosa dei candidati per il Municipio di Lugano. Da lì, in rapida successione: il sostegno alla deputata da una frangia della sezione, le dimissioni di Petralli, l'assemblea che ha visto Ghisolfi entrare in lizza e la clamorosa e inaspettata esclusione di Sara Beretta Piccoli e infine l'addio di quest'ultima al partito, accolta nel Movimento Ticino&Lavoro (Mtl). Mtl che, ricordiamo, vede tra i rappresentanti di spicco un altro consigliere comunale che ha abbandonato i popolari democratici, Giovanni Albertini.

A dare un freno alla sequenza di eventi ci ha pensato la pandemia e l'annullamento delle elezioni. In questi mesi il partito sembrerebbe aver ritrovato una certa stabilità, decisamente indispensabile per affrontare la campagna 2.0: il Ppd, con Jelmini uscente e non ricandidato, dovrà lottare per difendere il proprio seggio.

© Regiopress, All rights reserved