lupo-una-minaccia-per-l-identita-e-l-economia-contadina
Ti-Press
Sì alle pecore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 min

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
34 min

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
59 min

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
1 ora

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
1 ora

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
1 ora

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
2 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
3 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
3 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
02.08.2022 - 22:28

Lupo, una minaccia per l’identità e l’economia contadina

Forte presa di posizione della Fondazione Valle Bavona insieme ai Patriziati di Bignasco e Cavergno a difesa degli alpi della Vallemaggia

Combattere il diffondersi del lupo per salvare la cultura contadina. È l’appello della Fondazione Valle Bavona insieme ai Patriziati di Bignasco e Cavergno. "Il lupo continua a colpire sugli alpi della Vallemaggia – scrivono in un’accorata presa di posizione –. Recentemente l’ultimo allevatore di pecore in Valle Bavona ha deciso di abbandonare l’alpe di Antabia dopo l’ennesima predazione di pecore a cui vanno aggiunti molti capi ancora dispersi. L’apprensione si estende anche per l’alpe di Robiei che ospita attualmente 240 capre. È una situazione inaccettabile che mette fortemente a rischio le attività di pastorizia e, di conseguenza, la preservazione e la gestione di territori di grande valore ambientale e culturale". Da qui una richiesta ben precisa alle autorità cantonali e federali: "Adottare finalmente le decisioni necessarie per limitare drasticamente il numero dei lupi presenti nel territorio dell’alta Vallemaggia e per proteggere efficacemente le greggi di capre e di pecore". E soprattutto a "finalmente considerare la diffusione dei lupi per quello che è in realtà: non un romantico ritorno al primato di un predatore sui territori alpini, ma una grave minaccia all’identità e all’economia contadina, a reale rischio di estinzione in ampi territori alpini".

‘Proteggere il territorio di una valle modello’

Per Fondazione e Patriziati, infatti, "la Valle Bavona è un territorio protetto a livello federale e una valle modello per tutto l’arco alpino; costituisce infatti con i suoi villaggi, le sue costruzioni rurali, i suoi alpi e i suoi sentieri, un raro e straordinario esempio di insediamento umano che ha dato valore aggiunto al territorio naturale". Proprio trent’anni fa la Fondazione Valle Bavona è stata costituita con lo scopo "di tutelare e di promuovere l’identità della valle nel rispetto degli equilibri naturali e ambientali, ma parimenti promuovendo la tutela e la valorizzazione di ciò che l’uomo ha creato per rendere abitabile un territorio impervio". I Patriziati di Bignasco e di Cavergno, aggiungono dal canto loro, "realizzano fra le altre cose, come molti patriziati delle regioni periferiche, progetti di fondamentale importanza per preservare dal degrado opere e territori che appartengono alla storia e alla cultura delle nostre valli".

Una cultura messa in pericolo: "L’aumento incontrollato del numero di lupi – si legge nella presa di posizione – non costituisce una minaccia soltanto per gli allevatori e per le loro greggi ma anche, anzi soprattutto, per una civiltà contadina che merita di essere tutelata perché è garanzia di rispetto del territorio naturale e al contempo espressione di grande sensibilità nei confronti dei valori della natura. Nonostante l’aumento del carico dell’alpe di Antabia, così da giustificare la presenza continua di un pastore e dei suoi cani, le ripetute predazioni dei lupi hanno indotto gli allevatori ad abbandonare l’alpe. Stessa sorte purtroppo sta toccando altre realtà dell’arco alpino".

Un momento di grande difficoltà: "La loro partenza non può essere salutata come la vittoria della natura sull’uomo ma come la sconfitta di una cultura che aveva saputo colonizzare territori difficili rispettandone pienamente l’identità naturale".

Leggi anche:

Il lupo colpisce ancora in Vallemaggia, allevatori in fuga

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lupo patriziati valle bavona
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved