ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
8 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
19 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
19 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
19 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
Ticino
1 gior

Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre

Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
laR
 
24.07.2022 - 18:56

Il lupo colpisce ancora in Vallemaggia, allevatori in fuga

Giovedì scorso predate almeno cinque capre in Val Rovana (Sfille) e sei pecore in Val Bavona (Antabia), dove ormai al pascolo non rimangono più animali

il-lupo-colpisce-ancora-in-vallemaggia-allevatori-in-fuga

Non c’è pace per gli allevatori (e i loro animali) dell’Alta Vallemaggia, dove il lupo (verosimilmente più di uno) è tornato a colpire negli scorsi giorni, appesantendo ulteriormente il già drammatico bilancio che parlava di oltre una settantina di capi predati negli ultimi tre mesi nella zona. I nuovi attacchi, secondo nostre informazioni confermate anche dal presidente dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori Armando Donati, sono avvenuti entrambi giovedì 21 luglio ma in due luoghi differenti: il primo sull’Alpe Sfille, situata sopra Cimalmotto e caricata con bovini e caprini, dove sono state uccise due capre e altre tre sono rimaste ferite (sarebbero i primi caprini azzannati dal lupo in Ticino); l’altra predazione si è verificata sull’Alpe d’Antabia, situata sopra San Carlo (Val Bavona) e dove circa due settimane fa oltre una decina di pecore appartenenti a un’allevatrice leventinese erano state aggredite e uccise dal canide selvatico. Episodio che aveva spinto la stessa contadina a "scappare" al piano con i suoi animali da reddito. Altri due allevatori avevano invece deciso di provare a lasciare ancora gli ovini al pascolo, ma non è decisamente andata bene visto che il lupo è tornato e li ha attaccati, uccidendone 6-7. E costringendo infine anche questi due allevatori a lasciare l’alpe, dove delle circa 400 pecore che vi pascolavano fino a poche settimane fa, non c’è più traccia.

«Siamo ridotti a questo, i nostri allevatori con i loro animali devono scappare dal lupo – afferma Donati –. È davvero triste e crea non pochi problemi agli allevatori, perché chiudere gli animali in stalla con questo caldo è impossibile e trovare un altro posto per farli pascolare non è evidente. Le pecore sono animali che soffrono molto le alte temperature e posso solo immaginare la sofferenza degli animali scesi da Antabia l’altro giorno. Che io sappia, un allevatore dovrebbe essere riuscito a trovare un’alternativa, ma l’altro la starebbe ancora cercando e per il momento tiene le pecore a casa sua».

‘Dove una volta passavano gli spalloni, oggi passano i lupi’

Come detto i due attacchi appena descritti sono solo gli ultimi di una lunga serie nella zona, che si era aperta lo scorso 30 marzo a Cerentino con la predazione di una pecora e tre agnellini da parte di tre lupi penetrati all’interno della recinzione dov’era custodito il bestiame e messi in fuga dall’intervento del proprietario. Allevatore che si era visto nuovamente uccidere dai lupi 19 capi il 26 aprile, episodio che lo aveva spinto a scaricare le carcasse a Bellinzona davanti al governo ticinese in segno di protesta. Il 18 maggio era poi arrivato dal Consiglio di Stato il via libera per l’abbattimento di un lupo (erano di più gli esemplari accertati) ritenuto responsabile delle predazioni, decisione sulla quale le autorità avevano però fatto dietrofront meno di un mese dopo in quanto dagli esami del Dna era emerso che la responsabilità non fosse da attribuire a lupi singoli bensì a un branco transfrontaliero dell’Onsernone. Nel mezzo (il 30 giugno) circa altri 40 ovini, appartenenti sempre allo stesso allevatore, erano stati sbranati, pochi giorni dopo l’uccisione da parte del branco (presumibilmente) di un vitello poco oltre il confine svizzero (sull’alpe Cravariola, raggiungibile salendo anche dalla Rovana).

«È probabile che il lupo o i lupi che hanno colpito a Sfille siano gli stessi dell’Alpe Cravairola, che non è lontana, mentre da quello che si può presumere i predatori che hanno attaccato ad Antabia potrebbero arrivare dalla Val Antigorio. Dove una volta passavano gli spalloni con le bricolle, oggi passano i lupi. In ogni caso non è facile ricostruire la situazione esatta e le dinamiche, perché ad esempio se si tratta davvero di un branco (e c’è chi dice che potrebbero essere anche due quelli transfrontalieri) bisogna anche capire come si spostano i vari componenti. Di certo c’è che si tratta di lupi, ma per il resto noi allevatori brancoliamo nel buio e ci sentiamo abbandonati, così non si può andare avanti».

Già, ma chi dovrebbe intervenire? Nel caso del presunto branco, la palla è tornata a Berna, ma qualche settimana fa rispondendo a una lettera della stessa Associazione Svizzera per la protezione del Territorio dai Grandi Predatori, la consigliera federale Simonetta Sommaruga aveva affermato che il Consiglio federale "è pienamente cosciente della grave situazione", ma crede che non sia ancora il momento per un Decreto federale urgente", assicurando che "vi saranno nuove misure per il 2023, con la revisione della Legge sulla caccia che avanza in seno alle Camere e che potrebbe entrare in vigore nel 2024/2025, referendum permettendo". Nel caso di lupi singoli, tutto dovrebbe invece essere in mano al Cantone… «E chi lo sa, anche in questo ambito manca decisamente chiarezza. E le tempistiche sono sempre lunghissime. Ad esempio all’Alpe Antabia il numero di capi predati necessari per concedere l’abbattimento (10) è dato, ma per capire se si tratta di uno o più lupi serve l’esame del Dna, con i risultati che arrivano, se va bene, dopo 3-4 settimane. E intanto chissà cosa succederà ancora. Pensate che giovedì scorso oltre alle due segnalazioni nell’Alta Vallemaggia, ne abbiamo ricevuta una terza riguardante la predazione di diversi ovini in Val Calanca, dietro al Pizzo di Claro. La situazione sta decisamente sfuggendo di mano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved