ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 min

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
39 min

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
1 ora

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
16 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
19 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
22 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
29.07.2022 - 17:45
Aggiornamento: 19:42

Lupo, ‘l’iter per ottenere i rimborsi da Berna può essere lungo’

È per questo motivo che il Cantone ha stanziato mezzo milione di franchi. Putelli: ‘Serve a far avere subito i soldi ai contadini’

lupo-l-iter-per-ottenere-i-rimborsi-da-berna-puo-essere-lungo
Ti-Press
La questione resa aperta

Altri 500mila franchi per aiutare i contadini vittime degli attacchi del lupo. È quanto ha deciso di stanziare il Consiglio di Stato attraverso un credito "per agevolare l’accesso agli aiuti finanziari supplementari", si legge nel comunicato. L’importo deciso dalla Confederazione lo scorso mese di maggio, lo ricordiamo, è di 5,7 milioni di franchi e serve all’incremento della protezione del bestiame dai grandi predatori. Ma a cosa è destinato nello specifico questo credito supplementare? «L’iter che devono seguire i contadini per accedere a questi crediti federali non è proprio immediato» spiega a ‘laRegione’ Tiziano Putelli, capo dell’Ufficio della caccia e della pesca. «Possono esserci quindi anche dei tempi piuttosto lunghi, anche perché le richieste di rimborso vengono spedite attraverso l’Ufficio caccia e pesca a scadenze regolari e non singolarmente. Gli allevatori però hanno spesso bisogno subito dei versamenti. Il credito serve proprio a questo». Si tratta, in buona sostanza, di un credito che permetterà al Cantone di anticipare i rimborsi federali. «Il mezzo milione verrà poi recuperato tramite la Confederazione», rassicura Putelli.

‘Aiuti supplementari solo per chi ha già misure di protezione’

Con questo denaro i contadini possono acquistare recinzioni supplementari e assumere altri pastori per curare le greggi. Proprio nel termine "supplementare" si trova una condizione necessaria per poter ottenere gli aiuti. «Il credito è destinato agli allevatori che hanno già delle misure di protezione o che non possono attuarle per cause di forza maggiore, come la conformazione del territorio» afferma il capoufficio. Tra i beneficiari del credito stanziato dalla Confederazione non ci sono però solo i contadini. Anche i Cantoni possono infatti chiedere degli aiuti per attuare, ad esempio, misure di dissuasione. «Abbiamo chiesto di acquistare droni e camere termiche. Si vuole ampliare il materiale tecnico a disposizione per queste attività di prevenzione» conferma Putelli.

‘Abbiamo chiesto di poter regolare il branco dell’Onsernone’

Non c’è però solo la prevenzione nelle attività che occupano l’Ufficio caccia e pesca durante quest’estate decisamente "calda" anche per quanto riguarda l’alto numero di predazioni. È infatti tuttora pendente all’Ufficio federale dell’ambiente una richiesta proveniente dal Ticino di regolazione del branco dell’Onsernone. «C’era stato l’ordine di abbattimento da parte del Consiglio di Stato, poi annullato perché i test in laboratorio hanno dimostrato che si trattava di più esemplari» dichiara Putelli. La competenza è quindi passata nelle mani della Confederazione. «Abbiamo preparato il dossier e fatto domanda di regolazione. L’incarto è già stato inoltrato e abbiamo ricevuto una prima richiesta di complemento». Non è però possibile, afferma il capo dell’Ufficio caccia e pesca, stimare le tempistiche necessarie per avere una risposta. « È una questione abbastanza complessa, ci sono diversi parametri che entrano in gioco. Tra questi anche l’effettiva riproduzione annua del branco».

Mesi intensi, tra proteste e avvistamenti record

Ma quante sono state le predazioni quest’anno? Negli ultimi mesi si sono susseguite, tra conferme e denunce rimaste in sospeso, le segnalazioni da parte dei contadini. A lanciare un primo grido d’allarme in marzo sono stati gli allevatori del Moesano, che denunciavano "una presenza del lupo fuori controllo". Aveva poi fatto scalpore a metà aprile la predazione di 13 ovini a Novazzano, la prima a essere registrata così a sud. Un susseguirsi di attacchi che ha scaldato non di poco gli animi di allevatori e contadini. Il malcontento è sfociato il 26 aprile nella rumoroso protesta di piazza della Foca, quando le carcasse delle 17 pecore sbranate a Cerentino (Val Rovana) sono state depositate davanti a Palazzo delle Orsoline. "Il vaso è colmo" aveva dichiarato Armando Donati, presidente della sezione ticinese dell’Associazione per un Territorio senza Grandi Predatori. Da lì non si sono fermate le segnalazioni. L’ultima in ordine di tempo, arrivata settimana scorsa dall’alta Vallemaggia, parlava di 5 capre e 6 pecore uccise.

Durante questi mesi di accese discussioni non è mancato il lavoro per le autorità. "Sono state 180 le ore di lavoro da parte dei guardacaccia e dei collaboratori per il monitoraggio intensificato sul periodo compreso tra il 26 aprile e il 19 maggio" fa sapere l’Ufficio caccia e pesca. A questo si aggiungono "una dozzina di voli di elicottero per il trasporto di personale e materiale d’impiego in zone particolarmente discoste" e "670 ore di lavoro per le azioni finalizzate all’abbattimento di un lupo in Val Rovana".

Leggi anche:

Lupo, stanziati 500mila franchi per proteggere le greggi

Gli allevatori del Moesano: ‘Presenza del lupo fuori controllo’

Sbranati dieci agnelli e tre pecore a Novazzano

Allevatori scaricano le pecore uccise dal lupo in Piazza Governo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved