ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
17 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
19 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
23 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
laR
 
13.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19.04.2022 - 11:41

Sbranati dieci agnelli e tre pecore a Novazzano

L’assalto nella notte di lunedì in zona Marcetto ai danni di un allevatore. Le autorità cantonali stanno verificando se si tratta di un lupo

sbranati-dieci-agnelli-e-tre-pecore-a-novazzano
Ti-Press/D. Agosta
C’è chi l’ha scampata e chi no

Nessuno se la sente sinora di gridare ‘al lupo, al lupo’. Tutti, qui nel Mendrisiotto come nei locali dell’Ufficio della caccia e della pesca a Bellinzona, ci vanno cauti. Quanto all’irreparabile, però, è già successo. Se lo è trovato davanti agli occhi ieri mattina, martedì, di buonora, Remo Albertoni. Oltre il recinto, lì a Novazzano, a pochi passi dal valico di Marcetto, giacevano sul prato dieci agnelli e tre pecore uccisi dall’attacco di un predatore, un canide che ora andrà identificato. Una scena sconcertante e impensabile a ridosso della zona urbana e un colpo al cuore per questo «allevatore per passione», ci dice ancora scosso per quanto accaduto. «Vedere i miei agnelli sbranati alla gola – racconta a ‘laRegione’ – è stato come ricevere una coltellata. Non è stata risparmiata neppure la più socievole del gregge. Una pecora con gli occhi neri che al mio arrivo mi veniva incontro sempre per prima, a prendersi la sua razione di pane». All’allevatore sono rimaste solo tre pecore in quel luogo, le uniche a essersi salvate dall’assalto.

‘Non immaginavo una cosa del genere’

Insomma, tutto si sarebbe aspettato Remo Albertoni, un ferroviere con l’amore per la terra, ma non di dover fare i conti con un fatto del genere. «In passato – fruga nella sua memoria – era capitato che un cane sbandato venuto da oltreconfine azzannasse i miei animali: ma parliamo di uno, due al massimo tre. E pensare – ci mette a parte – che ieri sera (lunedì sera per chi legge, ndr) mi hanno avvisato che in zona si aggirava qualcosa dalle sembianze di un lupo. Ma il fatto di aver cintato per bene l’area mi rassicurava: con il caldo primaverile, d’altra parte, le pecore la notte si godono il pascolo. Invece...». Per l’uomo il risveglio è stato così ancora più amaro.

Presenza avvistata la sera prima

In effetti, un avvistamento la sera precedente il fattaccio c’era stato. «Mi trovavo da quelle parti – ricostruisce Eros Deberti, consigliere comunale a Novazzano –, erano passate da poco le 19, quando ho visto qualcosa in mezzo al prato (e non era un capriolo) e ho chiamato un familiare per avere man forte; poi ci siamo muniti di cannocchiale: non ci sembrava possibile potesse essere un lupo o simile. Eppure, sebbene lontani, l’impressione era proprio quella. A quel punto – ci spiega– ho cercato di mettermi in contatto con l’Ufficio caccia e pesca e con il guardacaccia e ho messo sul chi va là il contadino del posto. Una presenza del genere, d’altro canto, ci ammutolisce: le abitazioni sono a due passi e in zona vi sono pure dei percorsi vita ben frequentati». Ciò che ha lasciato sul terreno il passaggio del canide, purtroppo, è cronaca delle ore successive.

Prelevati i campioni per le analisi

Se ne sono resi conto anche il guardacaccia e il veterinario che ieri in giornata hanno effettuato un sopralluogo per rendersi conto di quanto accaduto e avviare di seguito la procedura di rito. Già in mattinata, infatti, sono stati prelevati dei campioni – dei tamponi – per isolare la saliva dell’animale e verificare se si tratta di un lupo, di un lupo cecoslovacco o di un cane randagio: tutte le ipotesi al momento sono aperte. Così come sarà da capire la provenienza del predatore e se quella di lunedì è stata una incursione isolata o ne seguiranno altre. Per fare chiarezza a questo punto non resta, dunque, che attendere il riscontro delle analisi e quindi le risposte dagli specialistici. «Ci vorrà del tempo – ci dice Remo Albertoni – ma voglio capire come è andata».

Caccia e pesca, non ci si pronuncia

All’Ufficio della caccia e della pesca del Dipartimento del territorio, da noi contattato, per ora non ci si pronuncia sul caso. Prima si preferisce avere tutti gli elementi sul tavolo, ci fanno sapere. Ciò che è certo, da subito, è che davvero il Mendrisiotto non pensava di ritrovarsi ad avere a che fare pure con l’aggressione di un predatore. Sin qui, al massimo, agricoltori e viticoltori avevano dovuto vedersela con gli ungulati, cinghiali in particolare, non di rado finiti a scorrazzare anche nei giardini di qualche villetta a ridosso dell’area boschiva. Finora, in effetti, il lupo era rimasta una questione confinata piuttosto nel Sopraceneri, come hanno testimoniato gli ultimi episodi avvenuti nei giorni scorsi nel Locarnese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved