sbranati-dieci-agnelli-e-tre-pecore-a-novazzano
Ti-Press/D. Agosta
C’è chi l’ha scampata e chi no
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
3 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
6 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
6 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
12 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
14 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
21 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
21 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
21 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
laR
 
13.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19.04.2022 - 11:41

Sbranati dieci agnelli e tre pecore a Novazzano

L’assalto nella notte di lunedì in zona Marcetto ai danni di un allevatore. Le autorità cantonali stanno verificando se si tratta di un lupo

Nessuno se la sente sinora di gridare ‘al lupo, al lupo’. Tutti, qui nel Mendrisiotto come nei locali dell’Ufficio della caccia e della pesca a Bellinzona, ci vanno cauti. Quanto all’irreparabile, però, è già successo. Se lo è trovato davanti agli occhi ieri mattina, martedì, di buonora, Remo Albertoni. Oltre il recinto, lì a Novazzano, a pochi passi dal valico di Marcetto, giacevano sul prato dieci agnelli e tre pecore uccisi dall’attacco di un predatore, un canide che ora andrà identificato. Una scena sconcertante e impensabile a ridosso della zona urbana e un colpo al cuore per questo «allevatore per passione», ci dice ancora scosso per quanto accaduto. «Vedere i miei agnelli sbranati alla gola – racconta a ‘laRegione’ – è stato come ricevere una coltellata. Non è stata risparmiata neppure la più socievole del gregge. Una pecora con gli occhi neri che al mio arrivo mi veniva incontro sempre per prima, a prendersi la sua razione di pane». All’allevatore sono rimaste solo tre pecore in quel luogo, le uniche a essersi salvate dall’assalto.

‘Non immaginavo una cosa del genere’

Insomma, tutto si sarebbe aspettato Remo Albertoni, un ferroviere con l’amore per la terra, ma non di dover fare i conti con un fatto del genere. «In passato – fruga nella sua memoria – era capitato che un cane sbandato venuto da oltreconfine azzannasse i miei animali: ma parliamo di uno, due al massimo tre. E pensare – ci mette a parte – che ieri sera (lunedì sera per chi legge, ndr) mi hanno avvisato che in zona si aggirava qualcosa dalle sembianze di un lupo. Ma il fatto di aver cintato per bene l’area mi rassicurava: con il caldo primaverile, d’altra parte, le pecore la notte si godono il pascolo. Invece...». Per l’uomo il risveglio è stato così ancora più amaro.

Presenza avvistata la sera prima

In effetti, un avvistamento la sera precedente il fattaccio c’era stato. «Mi trovavo da quelle parti – ricostruisce Eros Deberti, consigliere comunale a Novazzano –, erano passate da poco le 19, quando ho visto qualcosa in mezzo al prato (e non era un capriolo) e ho chiamato un familiare per avere man forte; poi ci siamo muniti di cannocchiale: non ci sembrava possibile potesse essere un lupo o simile. Eppure, sebbene lontani, l’impressione era proprio quella. A quel punto – ci spiega– ho cercato di mettermi in contatto con l’Ufficio caccia e pesca e con il guardacaccia e ho messo sul chi va là il contadino del posto. Una presenza del genere, d’altro canto, ci ammutolisce: le abitazioni sono a due passi e in zona vi sono pure dei percorsi vita ben frequentati». Ciò che ha lasciato sul terreno il passaggio del canide, purtroppo, è cronaca delle ore successive.

Prelevati i campioni per le analisi

Se ne sono resi conto anche il guardacaccia e il veterinario che ieri in giornata hanno effettuato un sopralluogo per rendersi conto di quanto accaduto e avviare di seguito la procedura di rito. Già in mattinata, infatti, sono stati prelevati dei campioni – dei tamponi – per isolare la saliva dell’animale e verificare se si tratta di un lupo, di un lupo cecoslovacco o di un cane randagio: tutte le ipotesi al momento sono aperte. Così come sarà da capire la provenienza del predatore e se quella di lunedì è stata una incursione isolata o ne seguiranno altre. Per fare chiarezza a questo punto non resta, dunque, che attendere il riscontro delle analisi e quindi le risposte dagli specialistici. «Ci vorrà del tempo – ci dice Remo Albertoni – ma voglio capire come è andata».

Caccia e pesca, non ci si pronuncia

All’Ufficio della caccia e della pesca del Dipartimento del territorio, da noi contattato, per ora non ci si pronuncia sul caso. Prima si preferisce avere tutti gli elementi sul tavolo, ci fanno sapere. Ciò che è certo, da subito, è che davvero il Mendrisiotto non pensava di ritrovarsi ad avere a che fare pure con l’aggressione di un predatore. Sin qui, al massimo, agricoltori e viticoltori avevano dovuto vedersela con gli ungulati, cinghiali in particolare, non di rado finiti a scorrazzare anche nei giardini di qualche villetta a ridosso dell’area boschiva. Finora, in effetti, il lupo era rimasta una questione confinata piuttosto nel Sopraceneri, come hanno testimoniato gli ultimi episodi avvenuti nei giorni scorsi nel Locarnese.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agnelli caccia pesca eros deberti lupo novazzano pecore remo albertoni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved