ex-caserma-la-pianificazione-travolta-dal-tram
Ti-Press
L'ex Caserma di Losone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
46 min

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
1 ora

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
2 ore

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
2 ore

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
3 ore

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
3 ore

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
3 ore

Rinviato all’1 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
4 ore

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
4 ore

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
4 ore

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
Ticino
5 ore

Ukraine Recovery Conference, ecco un sito e una helpline

Attivati dalla Polizia, il loro scopo è quello di migliorare la comunicazione, con lo scopo di assicurare e mantenere i servizi di sicurezza
Ticino
5 ore

Ripresa la circolazione dei treni sulla linea del Gottardo

Risolto il problema che alle prime ore di stamane aveva provocato la paralisi dei convogli da e per il Ticino
Ticino
7 ore

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
Bellinzonese
7 ore

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
21.06.2021 - 17:29
Aggiornamento: 05.07.2021 - 10:10

Ex Caserma, la pianificazione travolta dal Tram

Losone, la moratoria cantonale sulle nuove zone edificabili affossa le intenzioni del Municipio e scontenta (fra gli altri) Film Festival e Accademia Dimitri

È tutto sbagliato, è tutto da rifare. Bisogna parafrasare il grande Gino Bartali, per tradurre in poche parole il colpo di spugna tracciato dal Tribunale amministrativo sulla pianificazione del comparto dell'ex Caserma di Losone. Un Tram che con una doppia sentenza boccia la variante di Pr approvata dal Consiglio comunale e poi confermata dal Consiglio di Stato, ma anche il “sistema” delle autorizzazioni provvisorie concesse dal Municipio per l'utilizzo di spazi da parte di terzi nel comparto. In concreto: fra pochi mesi tutti dovranno sbaraccare – a partire dall'Accademia Teatro Dimitri – e il Municipio rimboccarsi le maniche per ripartire con il suo cammino pianificatorio. Il sindaco Ivan Catarin, interpellato dalla “Regione”, si limita a confermare la situazione di impasse e annuncia che «con il Municipio se ne discuterà martedì sera. I temi sono sostanzialmente la pianificazione, ma anche l'uso provvisorio di alcuni spazi. Con l'aiuto del nostro giurista cercheremo di capire se vi siano margini per un ricorso al Tribunale federale». La comunicazione delle decisioni del Tribunale amministrativo è giunta lunedì in giornata dalla sezione della Lega dei Ticinesi di Losone, a firma Beatrice Duca.

“L'ente pubblico deve dare il buon esempio”

La legge c'è e va rispettata da tutti «e l'ente pubblico è il primo a dover dare il buon esempio, se no perde di credibilità». Lo sostiene uno dei ricorrenti che con le sentenze del Tram ha in pratica fatto “bingo”. La ricorrente ricorda che «i ricorsi vertono sulla moratoria, in Ticino, riguardante nuove zone edificabili. Il sedime, attualmente, non è edificabile. Il Consiglio di Stato era di avviso opposto, mentre il Tribunale cantonale amministrativo ha semplicemente applicato la legge, riconoscendo che il sedime non è mai stato azzonato a livello di Piano regolatore, che è evidente un vuoto pianificatorio perché si tratta di una “zona bianca” e quindi ciò che ha fatto il Comune, supportato dalla Sezione della pianificazione del Cantone, è creare una nuova zona edificabile, cosa invece vietata dalla Legge federale». In sostanza la pianificazione del comparto viene annullata e il malloppo torna al mittente.

C'è poi, come detto, una seconda sentenza del Tram, arrivata lunedì, che riguarda le autorizzazioni provvisorie per l'occupazione degli spazi dell'ex Caserma rilasciate dal Municipio. Il Comune ha permesso infatti all'Accademia Dimitri di prendere possesso di ampie superfici, ha affittato parte dei magazzini a privati per depositi e ha creato una zona rifiuti con la posa di alcune benne. «Avevo chiesto al Municipio di cessare immediatamente questo tipo di utilizzi fintanto che non ci fosse una pianificazione o una procedura edilizia. Ma il Municipio, basandosi sulla provvisorietà e su un presunto interesse pubblico preponderante, aveva in pratica confermato le sue intenzioni, sostenendo che comunque la nuova pianificazione sarebbe stata approvata», dice la ricorrente. «Dopo un primo ricorso al Consiglio di Stato, il presidente dello stesso aveva appoggiato l'agire del Municipio, ma in seguito il Tram ha ricordato che esiste un vuoto pianificatorio, che non stiamo parlando di una zona edificabile e che prima di utilizzare i sedimi è necessario pianificare e procedere con una procedura di rilascio della licenza edilizia». Essendo stati i primi a sollevare la questione, i vicini ricorrenti non sono quindi tenuti a sopportare utilizzi abusivi, «a maggior ragione se commessi da un ente pubblico», rileva la ricorrente. Il presidente del Consiglio di Stato è pertanto tenuto ad ordinare il divieto di uso della caserma, e tutti devono sloggiare. Avranno un certo periodo di tempo, ma alla prossima scadenza delle autorizzazioni provvisorie lo dovranno fare.

Un ultimo elemento importante viene sottolineato dalla ricorrente, e cioè che «la sentenza del Tram è particolarmente significativa perché è la prima che tratta la modifica di zona delle “zone bianche": quelle prima di utilizzo federale. 

Importante e significativo anche il fatto che il Tribunale amministrativo si sia determinato in tempo di record: una settimana dopo lo scambio di allegati. Questo, quando generalmente le sentenze richiedono mesi, se non anni.

Dimitri e Festival nelle ambasce

Raphaël Brunschwig, direttore operativo del Locarno Film Festival, ricorda che il Base Camp all'ex Caserma è in via di pianificazione: «Il Base Camp è uno dei progetti più avvincenti e dinamici promosso negli ultimi anni. Un progetto che porta nel Locarnese un importante numero di istituzioni culturali e un numero importante di giovani creativi svizzeri, i quali non solo fruiscono di tutto quanto il Festival può offrire loro, ma che al contempo contribuiscono ad arricchirlo». L'ipotesi di una cancellazione dell'edizione 2021, per una questione di opportunità, dovrebbe essere comunque scartata.

«È un problema serio», secondo la presidente del Cda Wilma Minoggio, anche per l’Accademia Dimitri, forte di accordi trimestrali con il Comune e già in corsa per il nuovo Master al via da settembre. «Gli spazi a Verscio sono limitati e le misure per arginare la diffusione del coronavirus hanno acuito ulteriormente il problema». Per il Master sarà necessario cercare e trovare in fretta delle alternative.

Leggi anche:

Ex caserma Losone, passa la Variante pianificatoria

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex caserma losone municipio pianificazione sentenza tram
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved