ex-caserma-losone-passa-la-variante-pianificatoria
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
14 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
16 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Locarnese
17.12.2019 - 17:010
Aggiornamento : 18:41

Ex caserma Losone, passa la Variante pianificatoria

Il Consiglio comunale approva la proposta che spiana la strada a futuri progetti sul comparto da oltre 120mila metri quadrati

La Variante del Piano regolatore per l’ex caserma di Losone ha superato brillantemente lo scoglio del Consiglio comunale. Lunedì sera è stata approvata a larga maggioranza: 26 favorevoli e 3 contrari (Lega).
«Fornisce indicazioni importanti per i futuri progetti ed è da considerare uno strumento essenziale per chi li vorrà realizzare; inoltre ha già ottenuto il preavviso positivo del Cantone», ha affermato Andrea Porrini del Ppd. Sulla stessa linea Francesca Flammini (Udc): «Finalmente si potrà valorizzare un sedime che Losone ha deciso di dedicare a sport, cultura e tempo libero. Vengono fissati parametri precisi per le iniziative serie, che troveranno spazio sul sedime dell’ex piazza d’armi». Mentre il Plr, per voce di Gianluigi Daldoss, ha lodato la celerità del Municipio nell’iter pianificatorio, così come richiesto a suo tempo dal Legislativo.

Ricordiamo che il contratto d’acquisto di stabili e terreni ad ArmaSuisse, firmato dal Comune il 31 ottobre 2017 per un costo di 4,5 milioni di franchi, contemplava una clausola: la restituzione della proprietà alla Confederazione nel caso in cui non fosse stata approvato un cambio di destinazione entro il 2027.

Per la Lista della sinistra, Tiziano Belotti ha sottolineato come non sia facile trovare proposte e investitori solvibili: «In questo senso – ha consigliato – il Municipio dovrebbe rinforzare il coinvolgimento dei Comuni vicini con una sorta di “fusione tecnica”». I contenuti dovranno avere una valenza pubblica e, vista anche l’ampiezza dell’area (oltre 120mila metri quadrati), un’importanza regionale.

La Lega non ci sta

L’unica opposizione è giunta dai banchi della Lega. Beatrice Duca ha affermato che sarebbe meglio avere prima dei progetti, magari riportando in auge anche il Museo di storia naturale, che deve spostarsi da Lugano e per il quale l’opzpione Locarno – scelta dal Cantone – stenta a decollare. Inoltre Duca ha sottolineato la necessità di comprendere nella futura pianificazione anche il campeggio e il Silo, sull’altro lato di Via Arbigo. Tesi che però non hanno fatto breccia. Sul tema, prima dell’inizio della seduta, Melanie Grünenfelder Bizzozero, co-titolare del campeggio a lato dell’ex caserma, ha consegnato – per conoscenza – a tutti i consiglieri una copia dell’istanza d’intervento inviata al Consiglio di Stato per “inadempienze del Comune”. In sostanza, si riprovera l’autorità di non aver ancora appianato le divergenze pianificatorie legate alla presenza del silo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved