sul-sedime-della-cappelletta-di-gordola-c-e-un-piano-in-piu
Il complesso residenziale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
19 min

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
22 min

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
45 min

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
53 min

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
56 min

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
1 ora

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
1 ora

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
2 ore

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
2 ore

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
2 ore

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
Locarnese
3 ore

Locarno, due nuovi membri nel Cda della Raiffeisen

L’assemblea generale degli oltre 1’500 soci approva (per corrispondenza) nomine e conti
Locarnese
5 ore

Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione

Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
Mendrisiotto
7 ore

Auto in fiamme sulla A2 direzione sud, disagi al traffico

Secondo quanto riporta il Tcs, la corsia di destra dell’autostrada è chiusa fra la galleria San Nicolao e l’uscita di Mendrisio
Locarnese
11 ore

Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione

Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Luganese
11 ore

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
laR
 
15.06.2021 - 20:32
Aggiornamento : 22:33

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Come può un’Autorità che ha promesso (o giurato) di rispettare la Costituzione e le leggi esprimere verità parziali? Il Municipio sembra speculare sul fatto che la planimetria non mostra la morfologia del terreno, che è di sua natura molto ripido e per di più gira verso il riale in direzione sud-est. Stando alla Legge edilizia, l’altezza dell’edificio va misurata nel punto più alto del medesimo”.

Sono passaggi di una lettera inviata alcuni mesi fa all’Ufficio domande di costruzione del Dipartimento del territorio, e in copia al Municipio di Gordola, riguardo a presunte irregolarità edilizie sullo stesso terreno che a Gordola attende il ritorno della cappelletta votiva distrutta per errore, fretta o imperizia da una ruspa. Firmatario della missiva non è una persona qualunque, ma Benedetto Antonini, che sul terreno in questione, come presidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan) ha lungamente lavorato proprio in vista della ricostruzione della cappelletta; prima ancora, Antonini è stato a capo della Sezione della pianificazione urbanistica del Dipartimento dell’ambiente, direttore della Divisione della pianificazione territoriale del Dipartimento del territorio, nonché consulente per il Dipartimento stesso e docente di urbanistica al Politecnico di Milano.

‘Sdegno irrefrenabile’

Il fatto che Antonini esprima “sdegno irrefrenabile” per quanto, secondo lui, starebbe accadendo sul sedime, è significativo. E lo è forse ancora di più che le sue recriminazioni, o richieste di chiarimento, siano rimaste fino ad oggi senza nessun riscontro concreto (in realtà, stando a nostre verifiche, il Dipartimento ha nel frattempo invitato il Municipio a fornire determinate informazioni e a effettuare ulteriori verifiche dopo quelle già svolte. Il tema verrà nuovamente affrontato in una delle prossime sedute).

Ricordando la sua prolungata presenza sul posto, Antonini nella lettera ricordava di aver “espresso meraviglia per l’insolita altezza dell’edificio allora appena al termine delle opere grezze”. Da lì, invitato a intervenire, l’esecutivo aveva fatto esperire una misurazione al geometra revisore, secondo il quale – così come secondo il capodicastero Roberto Balemi – le altezze sarebbero senza alcun dubbio state rispettate.

Ma la versione di Antonini, raggiunto ieri dalla “Regione”, non cambia. E rimanda al testo della segnalazione al Dipartimento. Vi si legge anche che secondo il Commentario della Legge edilizia (Scolari) “l’altezza massima va computata a tre metri dal filo della facciata”, ma verificando questo assunto da una fotografia allegata “si nota come a 3 metri dal filo della facciata, la verticale sul terreno naturale cadrebbe oltre 3 metri poi in basso”. Personalmente, rilevava e ancora oggi sostiene l’ex capo della Sezione della pianificazione urbanistica, “ho buone ragioni per supporre che quell’edificio sia un piano troppo alto rispetto a quanto ammissibile nel rispetto delle Norme di applicazione del Piano regolatore”, le Napr. Riportandone alcuni articoli, Antonini parlava di “un superamento importante dell’altezza massima consentita (...). Chiunque può avvedersi che lo squarcio nel terreno praticato per ottenere l’accesso all’edificio a valle e i posteggi aperti, lungo quasi come la metà della facciata, è alto circa 2,83 metri + 0,97 metri + 1,50 metri = metri 5,30 circa”.

E se c’è un’imprecisione, “non è sostanziale poiché qui ballano metri e non centimetri”. Infatti, “l’altezza totale consentita in corrispondenza dell’entrata dell’autorimessa potrebbe essere di metri 9 + 2 = 11, mentre l’altezza di progetto si aggira sui metri 9 + 5,53 = metri 14,53”. Tutto sommato, erano le parole di Antonini, “se ne deduce che, in questo caso, a fronte di un crasso dispregio della Legge e di un impoverimento del paesaggio, assistiamo a un massiccio illecito arricchimento del promotore”; arricchimento quantificato in “un piano supplementare”. Sospetti, quelli documentati, riguardanti l’edificio a valle del complesso, ma che per Antonini possono estendersi anche a quello a monte, “dove le altezze sembrano superare in misura altrettanto grave quanto consentito dalle Napr”.

Nel frattempo, si è sempre in attesa della ricostruzione della cappelletta votiva che una ruspa malandrina aveva cancellato dalla faccia della terra nel febbraio del 2018, proprio durante le prime operazioni di cantiere del complesso residenziale. L’azione aveva suscitato grande riprovazione a Gordola (e non solo), visto che il manufatto, per il suo valore storico, culturale e religioso, avrebbe dovuto essere tutelato e trattato a mo’ di reliquia.

‘Ricostruzione quanto prima’

Nel luglio dello stesso anno erano state consegnate 500 firme per la sua ricostruzione filologica, in ottobre era stata negata una domanda di demolizione in sanatoria ed era stata concessa una licenza edilizia proprio per la ricostruzione fedele all’originale. Il basamento su cui poggerà la nuova cappelletta, fronte strada, fa bella mostra di sé ormai da qualche mese. La speranza che «quanto prima i promotori si impegnino nella ricostruzione» viene espressa dal sindaco, Damiano Vignuta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benedetto antonini cappelletta complesso residenziale demolizione gordola
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved