Yverdon-sport Fc
2
Sciaffusa
1
fine
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
fine
(0-0)
Aarau
2
Winterthur
0
fine
(2-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
2
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
0
fine
Zurigo
5
Bienne
2
fine
(2-0 : 0-1 : 3-1)
Friborgo
4
Berna
3
fine
(1-2 : 1-0 : 1-1 : 1-0)
Ginevra
2
Lakers
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Losanna
2
Davos
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
3
Langenthal
2
fine
(2-1 : 1-1 : 0-0)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Sierre
0
Visp
4
fine
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Ticino Rockets
4
GCK Lions
3
fine
(1-1 : 0-1 : 3-1)
Winterthur
1
Zugo Academy
3
fine
(0-0 : 0-1 : 1-2)
sul-sedime-della-cappelletta-di-gordola-c-e-un-piano-in-piu
Il complesso residenziale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
2 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
4 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
4 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
4 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
4 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
4 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
4 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
4 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
4 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
4 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
5 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
5 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
5 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
5 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
5 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Locarnese
 
15.06.2021 - 20:320
Aggiornamento : 22:33

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'

“Come può un’Autorità che ha promesso (o giurato) di rispettare la Costituzione e le leggi esprimere verità parziali? Il Municipio sembra speculare sul fatto che la planimetria non mostra la morfologia del terreno, che è di sua natura molto ripido e per di più gira verso il riale in direzione sud-est. Stando alla Legge edilizia, l’altezza dell’edificio va misurata nel punto più alto del medesimo”.

Sono passaggi di una lettera inviata alcuni mesi fa all’Ufficio domande di costruzione del Dipartimento del territorio, e in copia al Municipio di Gordola, riguardo a presunte irregolarità edilizie sullo stesso terreno che a Gordola attende il ritorno della cappelletta votiva distrutta per errore, fretta o imperizia da una ruspa. Firmatario della missiva non è una persona qualunque, ma Benedetto Antonini, che sul terreno in questione, come presidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan) ha lungamente lavorato proprio in vista della ricostruzione della cappelletta; prima ancora, Antonini è stato a capo della Sezione della pianificazione urbanistica del Dipartimento dell’ambiente, direttore della Divisione della pianificazione territoriale del Dipartimento del territorio, nonché consulente per il Dipartimento stesso e docente di urbanistica al Politecnico di Milano.

‘Sdegno irrefrenabile’

Il fatto che Antonini esprima “sdegno irrefrenabile” per quanto, secondo lui, starebbe accadendo sul sedime, è significativo. E lo è forse ancora di più che le sue recriminazioni, o richieste di chiarimento, siano rimaste fino ad oggi senza nessun riscontro concreto (in realtà, stando a nostre verifiche, il Dipartimento ha nel frattempo invitato il Municipio a fornire determinate informazioni e a effettuare ulteriori verifiche dopo quelle già svolte. Il tema verrà nuovamente affrontato in una delle prossime sedute).

Ricordando la sua prolungata presenza sul posto, Antonini nella lettera ricordava di aver “espresso meraviglia per l’insolita altezza dell’edificio allora appena al termine delle opere grezze”. Da lì, invitato a intervenire, l’esecutivo aveva fatto esperire una misurazione al geometra revisore, secondo il quale – così come secondo il capodicastero Roberto Balemi – le altezze sarebbero senza alcun dubbio state rispettate.

Ma la versione di Antonini, raggiunto ieri dalla “Regione”, non cambia. E rimanda al testo della segnalazione al Dipartimento. Vi si legge anche che secondo il Commentario della Legge edilizia (Scolari) “l’altezza massima va computata a tre metri dal filo della facciata”, ma verificando questo assunto da una fotografia allegata “si nota come a 3 metri dal filo della facciata, la verticale sul terreno naturale cadrebbe oltre 3 metri poi in basso”. Personalmente, rilevava e ancora oggi sostiene l’ex capo della Sezione della pianificazione urbanistica, “ho buone ragioni per supporre che quell’edificio sia un piano troppo alto rispetto a quanto ammissibile nel rispetto delle Norme di applicazione del Piano regolatore”, le Napr. Riportandone alcuni articoli, Antonini parlava di “un superamento importante dell’altezza massima consentita (...). Chiunque può avvedersi che lo squarcio nel terreno praticato per ottenere l’accesso all’edificio a valle e i posteggi aperti, lungo quasi come la metà della facciata, è alto circa 2,83 metri + 0,97 metri + 1,50 metri = metri 5,30 circa”.

E se c’è un’imprecisione, “non è sostanziale poiché qui ballano metri e non centimetri”. Infatti, “l’altezza totale consentita in corrispondenza dell’entrata dell’autorimessa potrebbe essere di metri 9 + 2 = 11, mentre l’altezza di progetto si aggira sui metri 9 + 5,53 = metri 14,53”. Tutto sommato, erano le parole di Antonini, “se ne deduce che, in questo caso, a fronte di un crasso dispregio della Legge e di un impoverimento del paesaggio, assistiamo a un massiccio illecito arricchimento del promotore”; arricchimento quantificato in “un piano supplementare”. Sospetti, quelli documentati, riguardanti l’edificio a valle del complesso, ma che per Antonini possono estendersi anche a quello a monte, “dove le altezze sembrano superare in misura altrettanto grave quanto consentito dalle Napr”.

Nel frattempo, si è sempre in attesa della ricostruzione della cappelletta votiva che una ruspa malandrina aveva cancellato dalla faccia della terra nel febbraio del 2018, proprio durante le prime operazioni di cantiere del complesso residenziale. L’azione aveva suscitato grande riprovazione a Gordola (e non solo), visto che il manufatto, per il suo valore storico, culturale e religioso, avrebbe dovuto essere tutelato e trattato a mo’ di reliquia.

‘Ricostruzione quanto prima’

Nel luglio dello stesso anno erano state consegnate 500 firme per la sua ricostruzione filologica, in ottobre era stata negata una domanda di demolizione in sanatoria ed era stata concessa una licenza edilizia proprio per la ricostruzione fedele all’originale. Il basamento su cui poggerà la nuova cappelletta, fronte strada, fa bella mostra di sé ormai da qualche mese. La speranza che «quanto prima i promotori si impegnino nella ricostruzione» viene espressa dal sindaco, Damiano Vignuta.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved