Ti-Press
Locarnese
15.05.2019 - 17:250
Aggiornamento : 20:42

Morte alla Rotonda, cinque anni di carcere: fu omicidio colposo

Pronunciata la sentenza a carico del 23enne che colpendo il 44enne ne provocò il decesso. 'Non poteva immaginare le estreme conseguenze del suo agire'

Cinque anni da espiare per il 23enne che nell'aprile di due anni alla discoteca La Rotonda di Gordola colpì con un pugno e una spallata al collo un 44enne di Genestrerio provocandone la morte. La Corte presieduta da Amos Pagnamenta lo ha ritenuto colpevole di omicidio colposo, e non di omicidio intenzionale per dolo eventuale come invece chiedeva l'accusa. I giudici hanno ritenuto che pur colpendo la vittima il 23enne non poteva realisticamente immaginare quali potessero essere le conseguenze del suo agire. Riconosciuta comunque una “colpa di estrema gravità”, il suo agire sconsiderato e con egoismo.

Ai familiari della vittima - rappresentati dall'avvocato Diego Olgiati - per torto morale verranno riconosciuti 150mila franchi in totale.

Sia la difesa che l'accusa hanno annunciato l'intenzione di andare in Appello per un processo bis.

 

5 gior fa Delitto Rotonda: la difesa chiede il proscioglimento
6 gior fa Delitto Rotonda: 'Modalità abietta, assenza di scrupoli', chiesti 12 anni
6 gior fa Morte alla Rotonda: 'Innocente, non cambio versione'
1 sett fa Rotonda di Gordola, annunciata richiesta di pena oltre i 10 anni
1 sett fa Rotonda di Gordola: verità postume per una morte assurda
Potrebbe interessarti anche
Tags
anni
omicidio
23enne
morte
rotonda
omicidio colposo
cinque anni
© Regiopress, All rights reserved