ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 min

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
57 min

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
1 ora

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
2 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
3 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
3 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
3 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
4 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
4 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
13.05.2019 - 06:00
Aggiornamento: 10:31

Rotonda di Gordola: verità postume per una morte assurda

Si apre oggi a Lugano il processo al 23enne che due anni fa avrebbe causato, con un pugno, la morte di un 44enne

di Davide Martinoni
rotonda-di-gordola-verita-postume-per-una-morte-assurda

Omicidio intenzionale per dolo eventuale (subordinatamente omicidio colposo), omissione di soccorso, lesioni semplici ripetute, minaccia ripetuta, infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. È il massiccio muro di accuse dietro cui si affaccia, da oggi, in Tribunale a Lugano, il 23enne che nella primavera di due anni fa, all’esterno della discoteca La Rotonda di Gordola, avrebbe causato la morte di un uomo colpendolo proditoriamente e senza motivo da tergo. Questa, almeno – la relazione diretta fra la sconsiderata azione e il decesso – è la versione considerata dall’accusa durante l’intera indagine, condotta e coordinata dal procuratore pubblico capo Arturo Garzoni.
La vittima è un 44enne cittadino svizzero domiciliato a Genestrerio, nel Mendrisiotto, che pagò con la vita la scelta di trascorrere una notte di divertimento – quella di venerdì 21 su sabato 22 aprile – prima di ritornare ai ritmi e alle abitudini settimanali. Verso le 4.30 sostava nell’atrio esterno adiacente alla rampa di accesso alla discoteca di Gordola, preparandosi presumibilmente per tornarsene a casa dopo la chiusura dell’esercizio pubblico. Ma inesorabile arrivò l’appuntamento con un destino assurdo, inspiegabile: come un vento di disgrazia, stando alla versione accusatoria, sopraggiunse l’imputato il quale da dietro, senza motivi, avrebbe sferrato all’uomo un pugno appena sotto la testa, facendolo cozzare contro un cancello. Il colpo, secondo la perizia giudiziaria realizzata dai medici legali Antonio Osculati e Luisa Andrello, provocò verosimilmente “un’abnorme distensione del collo”, la quale a sua volta avrebbe determinato una lesione vascolare vertebrale, purtroppo risultata letale. Accasciatosi al suolo e immediatamente soccorso, il 44enne venne trasportato all’Ospedale Civico di Lugano, dove morì il giorno successivo.

L’imputato: non l’ho toccato

Ma le convinzioni dell’accusa sono ben diverse da quelle della difesa. Saranno portate in aula dai legali del 23enne, avvocati Yasar Ravi e Luisa Polli, tramite i risultati di una perizia di parte commissionata ad esperti italiani. Stando alla versione della dottoressa torinese Valentina Vasino – come riferito dalla Rsi – la rottura del vaso fu spontanea e causata da una malformazione congenita; non solo: la perita piemontese sostiene che non vi fu assolutamente nessun contatto con terzi. Ciò è perfettamente in linea con quanto sempre dichiarato dall’imputato, ovverosia di non aver nemmeno sfiorato il 44enne. Una versione, questa, smentita da uno dei buttafuori della Rotonda, che dice di aver visto l’aggressione con i suoi occhi. Un fatto certo – al di là della dinamica e della relazione fra il pugno e il decesso – è l’indole del 23enne, che già in altre occasioni (anche quella stessa notte) avrebbe creato problemi in discoteca prima bevendo oltre il lecito e assumendo cocaina, poi passando alle mani. Le responsabilità oggettive del giovane saranno stabilite in aula dalla Corte delle Assise criminali di Locarno costituita per l’occasione dal presidente giudice Amos Pagnamenta unitamente ai giudici a latere Renata Loss Campana e Fabrizio Filippo Monaci. Il dibattimento, che oggi inizia alle 9.30, dovrebbe estendersi su più giornate. Non è escluso che la sentenza possa essere emessa nel corso della giornata di mercoledì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved