ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
5 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
6 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
8 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
8 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
8 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
8 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
9 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
9 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
9 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
10 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
10 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
10 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
10 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
11 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
03.05.2022 - 17:02
Aggiornamento: 19:41

‘Procedimento ancora aperto, prematuro trarre conclusioni’

Casa anziani Sementina: il Municipio non si esprime sui decreti d’accusa emanati dalla Procura. Con ogni probabilità il caso finirà in tribunale

procedimento-ancora-aperto-prematuro-trarre-conclusioni
Ti-Press
La casa anziani Circolo del Ticino

"Il procedimento risulta del tutto aperto e, di conseguenza, si rivela prematuro trarre delle conclusioni". Così il Municipio di Bellinzona sui decreti d’accusa emanati dal Ministero pubblico all’indirizzo di direttore generale, direttrice sanitaria e allora capocura della casa per anziani comunale di Sementina; dipendenti per i quali la Procura ha prospettato il reato di ripetuta contravvenzione alla Legge federale sulla lotta contro le malattie trasmissibili per il mancato rispetto di alcune direttive, istruzioni e raccomandazioni emanate dalle autorità competenti durante la prima ondata di Covid nel 2020. Prima ondata che nella struttura di Sementina ha purtroppo fatto registrare 21 decessi su un totale di 80 ospiti. Un caso che come anticipato alla ‘Regione’ dal legale del direttore generale e ora confermato dal comunicato stampa della Città finirà con ogni probabilità nell’aula della Pretura penale di Bellinzona. "Rilevato che i decreti d’accusa non contemplano il reato più grave prospettato a suo tempo, ovvero quello di omicidio colposo", il Municipio osserva che per "gli altri reati di carattere contravvenzionale i legali dei diretti interessati hanno già fatto sapere di voler presentare opposizione non condividendo le conclusioni del Ministero pubblico". Con un procedimento ancora aperto, l’esecutivo ritiene dunque prematuro trarre delle conclusioni. Stando a nostre informazioni, i decreti di accusa sono di cinque-sette pagine e prevedono multe effettive pari ad alcune migliaia di franchi.

Nessuna sospensione in vista

Per il momento dunque, conferma alla ‘Regione’ il sindaco Mario Branda, i due dipendenti ancora attivi a Sementina rimangono al loro posto e non saranno sospesi. Per il resto l’esecutivo conferma quanto riferito in Consiglio comunale nelle risposte alle interpellanze inoltrate sul tema. «Abbiamo sempre spiegato che il Municipio non ha competenze gestionali, e che quello che riferivamo lo facevamo sulla scorta di quanto ci veniva indicato dai nostri collaboratori», sottolinea Branda, che aggiunge: «Sulle conclusioni del rapporto del medico cantonale, a questo punto, visto che si profilano queste opposizioni, sarà un tribunale a fare la disamina dei diversi punti sollevati. A noi pareva che le osservazioni e le prese di posizione fatte a suo tempo dai nostri collaboratori erano pertinenti e avevano dei contenuti solidi». Le osservazioni a cui si riferisce il sindaco sono le repliche della Direzione amministrativa ai rapporti dell’Ufficio del medico cantonale. Un primo rapporto, molto critico, era stato allestito il 23 luglio 2020; la replica della casa anziani aveva indotto il medico cantonale a rivedere nell’autunno 2020 solo una minima parte delle proprie iniziali conclusioni, poi nuovamente contestate per iscritto dalla Direzione del Settore anziani comunale.

Adicasi: ‘Si chiude il periodo più difficile per la case anziani del nostro cantone’

"L’esclusione dell’accusa di omicidio colposo toglie alle strutture per anziani ticinesi un peso che ha gravato per molti mesi sulle coscienze e le scelte di chi si è trovato ad affrontare un virus completamente sconosciuto". Sul caso si esprime anche Adicasi, l’Associzione dei direttori delle Case per anziani della Svizzera italiana. "Pur nel più profondo rispetto delle sofferenze generate dalla pandemia a residenti e famigliari – si legge in un comunicato – le notizie odierne simbolicamente chiudono il periodo più difficile per le case anziani del nostro cantone. Due anni durissimi durante i quali le paure legate al virus, l’applicazione di rigide misure sanitarie e chiusure hanno messo a dura prova le direzioni, i collaboratori e i residenti delle strutture". Come interpretare questo comunicato stampa? Se da una parte cade l’imputazione più pesante di omicidio colposo, dall’altra anche i vertici delle altre strutture per anziani con vittime Covid devono temere un procedimento penale per violazione della Legge sulla lotta contro le malattie trasmissibili? Interpellato dalla ‘Regione’ il presidente di Adicasi, Eliano Catelli, ritiene opportuno non aggiungere altre considerazioni, ribadendo tuttavia il grande impegno profuso da tutti i dirigenti e operatori nel non far entrare nelle 70 strutture una malattia nuova che ha fatto vittime in tutto il mondo.

Il virus è entrato anche nell’ultima struttura finora risparmiata

Ormai non fa quasi più notizia. Ma risale a due giorni fa, al 1° maggio, l’ultimo decesso in una casa per anziani ticinese dovuto al Covid. In due anni caratterizzati da quattro ondate e due fasi intermedie, sono stati complessivamente 414 le morti dovute al coronavirus nella cinquantina di istituti ticinesi che gestiscono 69 strutture. Gli ospiti risultati positivi sono stati 3’091, quelli guariti dal Covid 2’491 e quelli deceduti per altri motivi 1’947. Da notare l’esplosione dei contagi tra la prima ondata (primavera 2020) e la seconda ondata protrattasi fra l’autunno 2020 e il febbraio 2021: i positivi sono stati rispettivamente 505 e 1’361 (quasi triplicati) e i decessi 151 contro 232 (+50%). Nelle ultime 24 ore sono stati registrati cinque nuovi casi. Attualmente si contano otto residenti positivi in tre strutture. Da segnalare che a fine aprile il virus è entrato e ha contagiato alcuni ospiti anche dell’ultima e unica struttura che era finora stata risparmiata.

Leggi anche:

Casa anziani Sementina: ‘Ci opporremo al decreto d’accusa’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved