ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

Yurii Colombo e la situazione politico-sociale in Russia

Il Comitato contro la guerra in Ucraina mercoledì 26 ottobre alla Casa del popolo di Bellinzona organizza una conferenza-dibattito
Luganese
10 min

Le aziende non scelgono Lugano solo per la banda larga

A interessare, spiega il Municipio rispondendo a un’interrogazione, sono fattori come il quadro fiscale, la posizione e l’offerta di collegamenti
Locarnese
20 min

Si cerca il miglior ratafià di noci del canton Ticino

L’evento è promosso dall’associazione Girasole Benefico e i proventi andranno in beneficenza, nello specifico alla Lega ticinese contro il cancro
Locarnese
44 min

Obesità infantile, serata di sensibilizzazione per i genitori

La propone il Centro Oto-logopedico dell’Istituto Sant’Eugenio il 13 ottobre alle 19.45 in Via al Sasso 1. Posti limitati, iscrizioni entro il 12 ottobre
Mendrisiotto
48 min

Riva San Vitale sensibilizza sul risparmio energetico

Il Municipio non rinuncerà a organizzare, nei mesi di novembre e dicembre, alcuni eventi tradizionali
Luganese
55 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta-Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
56 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
1 ora

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
Locarnese
1 ora

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
1 ora

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
1 ora

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
laR
 
06.03.2022 - 16:13

Solidarietà ‘incredibile’ in Valle di Blenio per l’Ucraina

A Dongio è stato aperto un punto di raccolta per beni di prima necessità a favore delle persone che si trovano nel Paese sotto attacco

solidarieta-incredibile-in-valle-di-blenio-per-l-ucraina
La sala multiuso di Dongio

Anche la Valle di Blenio si è attivata per aiutare la popolazione ucraina che sta subendo le drammatiche conseguenze della guerra. Ha infatti avuto un riscontro «incredibile» l’iniziativa per la raccolta di beni di prima necessità lanciata da alcune signore ucraine che vivono in valle a favore delle persone che si trovano nel Paese sotto attacco, spiega a ‘laRegione’ Michela Gardenghi, vicesindaca di Acquarossa. Iniziativa che si è così guadagnata il sostegno dei tre Comuni della valle (Acquarossa, Blenio e Serravalle) e che proseguirà nelle prossime settimane.

‘Già raccolto moltissimo materiale’

A seguito dello scoppio della guerra, alcune signore ucraine che abitano in Valle di Blenio hanno deciso di loro spontanea volontà di iniziare a raccogliere beni di prima necessità a favore delle persone rimaste in Ucraina. Grazie a WhatsApp e ai social l’iniziativa ha subito riscosso una grande attenzione, tanto che «nelle loro abitazioni non vi era più spazio per tutta la merce ricevuta», rileva Gardenghi. «Hanno quindi contattato il Comune chiedendo se poteva mettere a disposizione ulteriori spazi dedicati a questa iniziativa. In risposta abbiamo così aperto le porte della sala multiuso a Dongio che funge da punto di raccolta». Raccolta iniziata lunedì scorso e che ha subito avuto successo: «Le persone hanno portato vestiti, cibo a lunga conservazione, medicine, prodotti per l’igiene, beni per bambini piccoli come pannolini, latte in polvere e così via. In poco tempo siamo così riusciti a raccogliere tantissimo materiale». Una grande solidarietà riscontrata non solo tra la popolazione, ma anche tra ditte locali e associazioni che sono andate appositamente a procurarsi i beni richiesti.

Finanziato il noleggio di tre furgoni

Beni che inizialmente le signore ucraine volevano portare sul confine rumeno-ucraino con delle automobili. Tuttavia, ci si è resi quasi immediatamente conto che i veicoli non sarebbero stati sufficienti, vista la grande quantità di merce raccolta. «I tre Comuni della valle hanno quindi deciso di assumersi i costi del noleggio e delle spese di trasporto per tre furgoni», sottolinea la vicesindaca di Acquarossa. Nel frattempo il convoglio, partito mercoledì scorso, dopo circa venti ore di viaggio è giunto sul posto. La merce è così stata consegnata a volontari provenienti da Kiev per essere poi ridistribuita alla popolazione locale in base alle necessità.

A disposizione anche un magazzino a Biasca

Il successo dell’iniziativa è stato tale da coinvolgere anche la Protezione civile: «Ha messo a disposizione alcuni militi – prosegue Gardenghi – che ci hanno aiutato a inscatolare i beni di prima necessità secondo generi, taglie e così via. Inoltre ha anche messo a disposizione un magazzino a Biasca, dove sarà stoccata la merce in vista di ulteriori viaggi che saranno probabilmente effettuati da organizzazioni umanitarie».

Prossima raccolta venerdì 11 marzo dalle 9 alle 14

Infatti, sempre nella sala multiuso di Dongio, la raccolta di beni di prima necessità continuerà anche nelle prossime settimane, ogni venerdì fino a quando ce ne sarà bisogno. Il prossimo appuntamento è fissato per l’11 marzo: dalle 9 alle 14 si potranno portare alimentari di lunga conservazione, come ad esempio barrette; latte in polvere per neonati, omogeneizzati, e così via; medicinali e medicazioni; biancheria intima e calze calde nuovi; prodotti per l’igiene personale sia per uomini, sia per donne; torce, pile, batterie, candele e accendini; basi di ricarica wireless per telefonini. Visto che ne sono già stati consegnati a sufficienza, per il momento si prega di non più portare vestiti usati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved