ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 min

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
2 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
3 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
3 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
3 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
3 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
4 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
4 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
17.12.2021 - 17:06
Aggiornamento: 19:12

Lunghe attese per i tifosi Hcap da tamponare dopo il derby

A Bellinzona anche un’ora in coda al freddo e in piedi. Il positivo a Omicron era vaccinato/guarito? L’Ufficio del medico cantonale non risponde

lunghe-attese-per-i-tifosi-hcap-da-tamponare-dopo-il-derby
Pazientemente in coda (Regione)

Attese fino a un’ora e un quarto oggi pomeriggio, in piedi e al freddo, adulti e bambini, all’esterno del posteggio per autoveicoli dell’Esercito a Bellinzona che Cantone e Confederazione hanno messo a disposizione per accelerare il depistaggio esteso a tutte le persone presenti nel settore spalti della Gottardo Arena di Ambrì, in occasione del derby con l’Hcl di venerdì scorso 10 dicembre. Curva sud dov’era presente un tifoso positivo al Covid e in particolare alla variante Omicron molto contagiosa. Ciò che ha costretto l’Ufficio del medico cantonale a lanciare ieri sera un appello generale affinché tutte quelle 2’500 persone si facciano tamponare quanto prima, così da ridurre il più possibile il rischio di moltiplicare i contagi. Per sdrammatizzare la situazione, qualcuno potrebbe dire che nella vecchia Valascia faceva ben più freddo di oggi a Bellinzona. Resta il fatto che non tutti hanno gradito le lunghe attese e che all’interno dello stabile si sarebbe potuto organizzare qualcosa in più delle due corsie presenti. Prese d’assalto anche le farmacie. Il risultato del test verrà comunicato entro 24 ore via messaggio se negativo, con una telefonata se positivo.

Documenti e Covid pass altrui? L’Hcap esclude problemi o elusioni

Peraltro si rincorrono gli interrogativi, le voci e le teorie sul tifoso risultato positivo a Omicron. Era vaccinato? Se sì, allora davvero i vaccini non proteggono dai contagi, tanto meno dalla nuova variante? Oppure non era vaccinato, ma solo guarito, e anche questo status nulla può contro il virus? Oppure, ancora, in un regime 2G applicato alla nuova Valascia dove si può entrare solo se vaccinati o guariti, il tifoso contagiato non era né uno né l’altro e allora sarebbe fondata la voce – non confermata – secondo cui nel nuovo stadio biancoblù i no-vax riescono a superare i controlli presentando agli addetti documenti d’identità e Covid pass appartenenti ad altre persone vaccinate/guarite complici? Interpellato dalla ‘Regione’, l’Ufficio del medico cantonale afferma di non poter rilasciare informazioni sui singoli casi, nemmeno quindi sul tifoso ammalatosi. Quanto ai controlli effettuati alle entrate della Gottardo Arena, il medico cantonale rimanda alle istanze competenti. Intervistato ieri dalla redazione, il direttore generale dell’Hcap Nicola Mona assicurava che i controlli del certificato Covid dai 16 anni (modalità in vigore alla Gottardo Arena già dalla sfida dell’8 dicembre) si sono svolti senza problemi. In un comunicato trasmesso stasera la direzione biancoblù afferma di “escludere che il caso in questione sia legato a problemi o elusioni dai controlli 2G all’entrata”. Restano però inevase alcune domande.

Leggi anche:

Caso di Omicron alla Gottardo Arena. Scatta il depistaggio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved