decisioni-covid-manuele-bertoli-evidenzia-alcune-complicazioni
Ti-Press
Il presidente del governo ticinese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 min

Nessun paziente Covid nei reparti di cure intense in Ticino

Non si registrano decessi da una settimana. Quello odierno è l’ultimo report quotidiano: i dati pandemici cantonali saranno ora diffusi ogni mercoledi
Locarnese
21 min

Rivapiana Rivasana a Minusio, e l’ambiente ringrazia

Un’ottantina di partecipanti all’operazione di ripulitura organizzata dall’Agis in collaborazione con l’Istituto scolastico e il Comune
Bellinzonese
1 ora

Sarà abbattuto il cedro secolare della Chiesa evangelica

Bellinzona: una malattia ha compromesso la stabilità della pianta secolare divenuta negli anni simbolo per i fedeli. Il pastore: ‘Non facile convincerli’
Mendrisiotto
5 ore

I momò si preparano al Tour de Suisse e aspettano il ‘loro’ Gino

Nel Distretto è presente l’unico fans club di Gino Mäder. ‘Siamo nati per caso a Innsbruck’. E per il 16 giungo si pensa a una ‘Casa Gino’.
Gallery
Locarnese
5 ore

Tegna: quel tesoro verde da valorizzare

Il querceto nei pressi del campo sportivo, un unicum dal profilo naturalistico, è al centro di un progetto selvicolturale di recupero e sfruttamento
Luganese
5 ore

Polizia del Vedeggio: un terzo degli agenti sotto inchiesta

Aperta un’indagine amministrativa, coinvolto il vicecomandante, ora sospeso. Si parla di violazioni ai regolamenti di servizio.
Mendrisiotto
11 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
17.12.2021 - 19:12

Decisioni Covid, Manuele Bertoli evidenzia alcune complicazioni

Il fatto che Berna non abbia optato per chiusure ‘è positivo’, ma i controlli per gli incontri privati e il booster possono comportare difficoltà

Il fatto che il Consiglio federale non abbia optato per ulteriori chiusure «è sicuramente una nota positiva». Manuele Bertoli, presidente del governo ticinese, è da un lato soddisfatto dalle misure adottate dal Consiglio federale per combattere la quinta ondata della pandemia. Dall’altro, tuttavia, la decisione odierna comporterà anche delle difficoltà, in particolare per quanto riguarda i controlli relativi agli incontri privati e per la somministrazione della dose di richiamo.

Dose di richiamo: crescerà la domanda, ma ‘siamo organizzati bene’

Il consigliere federale Alain Berset ha infatti annunciato che il tempo di attesa dopo la seconda iniezione per effettuare il cosiddetto ‘booster’ sarà ridotto da sei a quattro mesi. Una misura che «implicherà un’organizzazione logistica accresciuta, visto che da settimana prossima vi saranno più persone che vorranno effettuare il richiamo per non dover fare il test in caso di applicazione del sistema 2G+», sottolinea Bertoli. In ogni caso «in Ticino siamo organizzati bene a livello logistico. Quindi non penso che sarà un problema fare in modo che queste richieste accresciute siano soddisfatte rapidamente, anche se sarà un impegno non da poco».

Nell’ambito invece degli incontri privati limitati a dieci persone, riemerge poi «la problematica dei controlli», rileva Bertoli. «Verosimilmente, scatterà una sanzione solamente nel caso in cui emergesse una situazione non conforme alla legge a seguito del tracciamento dopo un caso positivo».

Il Ticino in consultazione si era detto contrario all’obbligo del telelavoro che invece è stato introdotto. «Ora il grande lavoro per tutti i Cantoni sarà quello di rispondere alle domande sulle possibili eccezioni», precisa il presidente del Consiglio di Stato. Inoltre, «sul territorio vi sono molte piccole aziende che con questa misura potrebbero avere delle difficoltà, in particolare a livello organizzativo».

Per il momento ancora no ai test ripetuti nelle scuole

Berset oggi ha anche nuovamente raccomandato di effettuare test ripetuti nelle scuole, una misura alla quale il Ticino si è sempre opposto. «Per il momento non è un tema, anche perché la capacità dei laboratori è già al limite», ribadisce il direttore del Dipartimento dell’educazione. «Ragioneremo se prendere eventuali misure dopo le vacanze scolastiche natalizie, valutando anche la situazione epidemiologica a inizio gennaio», conclude Bertoli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
booster controlli covid manuele bertoli scuole telelavoro test
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved