a-sobrio-monta-la-polemica-sull-auditorium-di-mario-botta
Lo schizzo dell'architetto Mario Botta indica la possibile forma della sala concerti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
6 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
9 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
9 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
15 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
17 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
11.05.2021 - 12:20
Aggiornamento: 18:47

A Sobrio monta la polemica sull’auditorium di Mario Botta

‘Progetto nebuloso e faraonico’: l'ex sindaco e alcuni abitanti chiedono al Municipio di Faido chiarimenti e un incontro informativo pubblico

“Non siamo contro la cultura”, ma il nuovo auditorium musicale progettato a Sobrio da Mario Botta “è un’iniziativa privata del tutto discutibile”. Dopo le prime critiche emerse l’anno scorso sul piano locale e le censure sollevate dal Cantone nell’esame preliminare per il cambiamento di destinazione necessario al terreno individuato (aspetti relativi all’ubicazione, all’inserimento paesaggistico e alla gestione del progetto, nonché alla sostenibilità della sala da 150/180 posti a sedere), dopo le successive modifiche apportate al progetto di massima dal celebre architetto, ora c’è chi mette fuori la faccia e tira il freno a mano sul Villaggio della musica che l’associazione Ars Dei, presieduta dal pianista Mauro Harsch, sta promuovendo da una decina d’anni nella località della Traversa medioleventinese. L’ex sindaco Adriano Milani affiancato da tre abitanti (Giuliana Giandeini, Chantal Bianchi e Moreno Defanti) ha infatti inviato al Municipio e al Consiglio comunale di Faido una presa di posizione critica con la quale si chiede anche di fissare, in tempi stretti, un incontro pubblico informativo: “Queste osservazioni riassumono i malumori della parte della popolazione con la quale siamo in contatto. Sicuramente altri abitanti e villeggianti condividono l’impostazione, secondo noi, nebulosa e faraonica del progetto”.

Il punto dolente

Le frequenti notizie apparse sui media, attaccano gli scriventi, “sembrano indicare come i sogni del signor Harsch godano del sostegno di tutta la popolazione e delle istituzioni. Finora la popolazione non ha reagito a quelle che possono sembrare informazioni oggettive se non con coloriti commenti di strada”. Una premessa è doverosa: “Abitanti e villeggianti non hanno nulla in contrario all’iniziativa privata: il Villaggio della musica negli anni ha permesso a numerose persone di godere di diversi concerti nella chiesa di San Lorenzo e in Casa Mahler”. Il punto dolente, come detto, è la progettazione di un nuovo auditorium, perché “avrebbe un importante impatto sulla vita del paese e questo ci lascia perplessi”. Secondo l’ex sindaco e i tre co-firmatari le persone che hanno scelto Sobrio come paese di domicilio o nel quale trascorrere dei periodi di ferie “sono preoccupate perché, se nell’ambito del Villaggio della musica si dovessero realizzare tutte le proposte elencate dal promotore, la tranquillità del villaggio ne sarebbe compromessa”.

Il ‘fantomatico Villaggio della musica’

Detto in altre parole, diventare abitante di un polo culturale, come Harsch ama definire l’iniziativa, “è incompatibile con la scelta di vivere a Sobrio. Non siamo contro la cultura, intesa in senso lato. Per beneficiare della cultura ci spostiamo volentieri altrove; qui invece godiamo della tranquillità, della calma, del paesaggio, di un silenzio impagabile e di un contatto esclusivo con la natura”. In paese una cinquantina di case portano una targhetta con i nomi di alcuni grandi compositori, ciò che potrebbe indurre a credere che il progetto sia tutto sommatto accolto positivamente. Ma per gli scriventi “non si tratta di una particolare sensibilità musicale”. Semplicemente “i rispettivi proprietari hanno accettato di assecondare la richiesta del promotore”, ma questo non vuole ancora dire che cinquanta case facciano parte di un “fantomatico Villaggio della musica”.

Che fine ha fatto l'ecocentro?

L’elenco delle criticità contempla anche “alcuni problemi che si fanno man mano più importanti”. Per esempio, a suo tempo era stato elaborato un progetto di massima per realizzare un ecocentro nella struttura del vecchio caseificio: “Lì avrebbe dovuto confluire un lascito erogato a più riprese dal Comune di Brügg fino alla fusione di Sobrio con Faido. Questa donazione – rammentano Milani e co-firmatari – sarebbe stata idealmente destinata alla realizzazione di opere a favore della popolazione di Sobrio. Mentre ora il vecchio caseificio è stato definito dal signor Harsch come possibile sala d’aspetto, ciò che ci lascia sconcertati”. Ma non è tutto: l’associazione Ars Dei afferma di prevedere la creazione di posti di lavoro nei settori della ristorazione, dell’industria alberghiera dell’intera regione, dei trasporti e di altre attività e di offrire opportunità lavorative a tanti giovani artisti. “Nei primi 10 anni di esistenza Ars Dei ha dato lavoro ad alcune ditte della regione per la riattazione di casa Mahler, ma da lì a creare posti di lavoro ne corrono”.

‘Evitare doppioni’

Gli scriventi sostengono poi che a Biasca si realizzerà a breve una sala da concerto nel futuro polo multiculturale abbozzato dalla Supsi: “A questo punto si creerebbe un doppione con grande spreco di denaro ed energie, mentre a parer nostro bisognerebbe cercare di incentivare le collaborazioni”. Quanto al recente appello di Harsch rivolto a persone di buona volontà affinché si facciano avanti per collaborare, “ne troverà ben poche a Sobrio”. Non da ultimo “temiamo che in un futuro tutti i cittadini di Faido dovranno assumersi anche delle spese”. Le criticità coinvolgono infine gli abitanti della Traversa, che “saranno confrontati ai disagi collegati al progetto”.

Leggi anche:

Sala concerti Botta a Sobrio: i timori dei promotori

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

Il SobrioFestival cresce e cerca volontari e fondi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
harsch mario botta villaggio musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved