a-sobrio-monta-la-polemica-sull-auditorium-di-mario-botta
Lo schizzo dell'architetto Mario Botta indica la possibile forma della sala concerti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
14 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
19 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
19 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
1 gior

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
1 gior

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
11.05.2021 - 12:20
Aggiornamento : 18:47

A Sobrio monta la polemica sull’auditorium di Mario Botta

‘Progetto nebuloso e faraonico’: l'ex sindaco e alcuni abitanti chiedono al Municipio di Faido chiarimenti e un incontro informativo pubblico

“Non siamo contro la cultura”, ma il nuovo auditorium musicale progettato a Sobrio da Mario Botta “è un’iniziativa privata del tutto discutibile”. Dopo le prime critiche emerse l’anno scorso sul piano locale e le censure sollevate dal Cantone nell’esame preliminare per il cambiamento di destinazione necessario al terreno individuato (aspetti relativi all’ubicazione, all’inserimento paesaggistico e alla gestione del progetto, nonché alla sostenibilità della sala da 150/180 posti a sedere), dopo le successive modifiche apportate al progetto di massima dal celebre architetto, ora c’è chi mette fuori la faccia e tira il freno a mano sul Villaggio della musica che l’associazione Ars Dei, presieduta dal pianista Mauro Harsch, sta promuovendo da una decina d’anni nella località della Traversa medioleventinese. L’ex sindaco Adriano Milani affiancato da tre abitanti (Giuliana Giandeini, Chantal Bianchi e Moreno Defanti) ha infatti inviato al Municipio e al Consiglio comunale di Faido una presa di posizione critica con la quale si chiede anche di fissare, in tempi stretti, un incontro pubblico informativo: “Queste osservazioni riassumono i malumori della parte della popolazione con la quale siamo in contatto. Sicuramente altri abitanti e villeggianti condividono l’impostazione, secondo noi, nebulosa e faraonica del progetto”.

Il punto dolente

Le frequenti notizie apparse sui media, attaccano gli scriventi, “sembrano indicare come i sogni del signor Harsch godano del sostegno di tutta la popolazione e delle istituzioni. Finora la popolazione non ha reagito a quelle che possono sembrare informazioni oggettive se non con coloriti commenti di strada”. Una premessa è doverosa: “Abitanti e villeggianti non hanno nulla in contrario all’iniziativa privata: il Villaggio della musica negli anni ha permesso a numerose persone di godere di diversi concerti nella chiesa di San Lorenzo e in Casa Mahler”. Il punto dolente, come detto, è la progettazione di un nuovo auditorium, perché “avrebbe un importante impatto sulla vita del paese e questo ci lascia perplessi”. Secondo l’ex sindaco e i tre co-firmatari le persone che hanno scelto Sobrio come paese di domicilio o nel quale trascorrere dei periodi di ferie “sono preoccupate perché, se nell’ambito del Villaggio della musica si dovessero realizzare tutte le proposte elencate dal promotore, la tranquillità del villaggio ne sarebbe compromessa”.

Il ‘fantomatico Villaggio della musica’

Detto in altre parole, diventare abitante di un polo culturale, come Harsch ama definire l’iniziativa, “è incompatibile con la scelta di vivere a Sobrio. Non siamo contro la cultura, intesa in senso lato. Per beneficiare della cultura ci spostiamo volentieri altrove; qui invece godiamo della tranquillità, della calma, del paesaggio, di un silenzio impagabile e di un contatto esclusivo con la natura”. In paese una cinquantina di case portano una targhetta con i nomi di alcuni grandi compositori, ciò che potrebbe indurre a credere che il progetto sia tutto sommatto accolto positivamente. Ma per gli scriventi “non si tratta di una particolare sensibilità musicale”. Semplicemente “i rispettivi proprietari hanno accettato di assecondare la richiesta del promotore”, ma questo non vuole ancora dire che cinquanta case facciano parte di un “fantomatico Villaggio della musica”.

Che fine ha fatto l'ecocentro?

L’elenco delle criticità contempla anche “alcuni problemi che si fanno man mano più importanti”. Per esempio, a suo tempo era stato elaborato un progetto di massima per realizzare un ecocentro nella struttura del vecchio caseificio: “Lì avrebbe dovuto confluire un lascito erogato a più riprese dal Comune di Brügg fino alla fusione di Sobrio con Faido. Questa donazione – rammentano Milani e co-firmatari – sarebbe stata idealmente destinata alla realizzazione di opere a favore della popolazione di Sobrio. Mentre ora il vecchio caseificio è stato definito dal signor Harsch come possibile sala d’aspetto, ciò che ci lascia sconcertati”. Ma non è tutto: l’associazione Ars Dei afferma di prevedere la creazione di posti di lavoro nei settori della ristorazione, dell’industria alberghiera dell’intera regione, dei trasporti e di altre attività e di offrire opportunità lavorative a tanti giovani artisti. “Nei primi 10 anni di esistenza Ars Dei ha dato lavoro ad alcune ditte della regione per la riattazione di casa Mahler, ma da lì a creare posti di lavoro ne corrono”.

‘Evitare doppioni’

Gli scriventi sostengono poi che a Biasca si realizzerà a breve una sala da concerto nel futuro polo multiculturale abbozzato dalla Supsi: “A questo punto si creerebbe un doppione con grande spreco di denaro ed energie, mentre a parer nostro bisognerebbe cercare di incentivare le collaborazioni”. Quanto al recente appello di Harsch rivolto a persone di buona volontà affinché si facciano avanti per collaborare, “ne troverà ben poche a Sobrio”. Non da ultimo “temiamo che in un futuro tutti i cittadini di Faido dovranno assumersi anche delle spese”. Le criticità coinvolgono infine gli abitanti della Traversa, che “saranno confrontati ai disagi collegati al progetto”.

Leggi anche:

Sala concerti Botta a Sobrio: i timori dei promotori

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

Il SobrioFestival cresce e cerca volontari e fondi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
harsch mario botta villaggio musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved