il-sobriofestival-cresce-e-cerca-volontari-e-fondi
Mauro Harsch, promotore del villaggio della musica e direttore artistico de SobrioFestival (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
19 min

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
27 min

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
Locarnese
33 min

Quartino, tiro obbligatorio

Domenica sarà possibile effettuare pure il tiro federale in campagna
Locarnese
38 min

Gambarogno, distillatori in assemblea

La locale Cooperativa si riunirà venerdì sera nella sala dell’Azienda forestale al Parco
Locarnese
43 min

Minusio, commedia dialettale

‘Agenzia matrimoniale’, due atti di divertimento
Locarnese
1 ora

Abbattimento del lupo: ‘Decisione necessaria ma tardiva’

L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del governo all’uccisione del canide
Ticino
1 ora

Il Prix SVC 2022 va alla Tecnomec di Stabio

L’azienda attiva nel campo della meccanica di precisione si è aggiudicata il primo premio. Sul podio anche Jetpharma Sa e R. Audemars Sa
Bellinzonese
1 ora

La Ses inaugura la sua nuova sede a Biasca

Porte aperte sabato 21 maggio dalle 10.30 alle 15. Saranno proposte anche varie animazioni per i più piccoli
Ticino
1 ora

Argor-Heraeus ha acquisito la Erbas di Mendrisio

L’azienda attiva nella lavorazione dei metalli preziosi con l’acquisizione entra anche nel settore dell’orologeria di lusso
Ticino
1 ora

Uno studio per risparmiare acqua potabile ed energia

Lo chiede con un postulato al Consiglio federale Bruno Storni, anche per far fronte al crescente problema della siccità
laR
 
21.04.2021 - 21:25
Aggiornamento : 21:53

Il SobrioFestival cresce e cerca volontari e fondi

Leventina: per i 10 anni di attività appello del direttore e promotore del Villaggio della musica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Necessitiamo di persone volenterose che avendo a cuore il nostro progetto in continua espansione, abbiano tempo ed energie da investire nell’associazione e nella fondazione per molteplici mansioni e funzioni». A lanciare l’appello dalla Traversa della Leventina è il direttore artistico del SobrioFestival e ideatore/promotore del Villaggio della musica. «Mai avrei pensato che in così poco tempo il progetto potesse suscitare tanto interesse non solo in Ticino, ma anche nella Svizzera interna e all’estero», premette Mauro Harsch ricordando in tempi in cui gli davano del visionario quando tratteggiava le proprie idee. Oggi invece, a dieci anni di distanza, «molti concordano nell’affermare che Sobrio possiede i requisiti per diventare un piccolo ma esclusivo polo culturale immerso nella natura, a metà strada tra Milano e Zurigo». Basti pensare come le cinquanta case del Villaggio che portano i nomi dei più grandi compositori, unitamente alla bellezza e alla tranquillità del luogo, «continuino ad affascinare visitatori, studenti e artisti».

‘Mole di lavoro in aumento’

E siccome da idea nasce idea che prende corpo, oggi l’organizzazione del SobrioFestival, della rassegna Musica in Casa Mahler, della SobrioFestival Academy, dell’International Piano Project, di Artists in Residence, del Premio Tschaikowsky, de La Bella Compagnia e delle nuove Student Recital Series «comporta una mole di lavoro in continuo aumento». E per non farsi mancare nulla, anche la realizzazione di nuove strutture d’accoglienza, di una nuova sala concerti per la firma di Mario Botta, delle due case per musicisti della terza età e la creazione di progetti innovativi attualmente in fase di studio, «costituiscono un ulteriore e fondamentale passo da compiere». Rivolgendo un sentito ringraziamento a tutti coloro che in questi anni lo hanno sostenuto, a cominciare dai membri dell’associazione Ars Dei e della fondazione Amici del Villaggio della Musica, come pure i benefattori che hanno creduto in questa avventura, «è giunto il momento di pensare concretamente alle fasi future», e meglio «di trovare nuovi responsabili con mansioni specifiche e nuovi collaboratori per la gestione delle strutture e di tutto quanto necessario al buon funzionamento dell’organizzazione».

Volontari e ricadute

L’elenco è corposo: si va dal servizio logistico di accoglienza per musicisti e pubblico in occasione dei concerti, alla gestione dell’Infopoint durante le manifestazioni, dalle visite guidate al giardinaggio, dal coinvolgimento di nuovi membri di comitato per associazione e fondazione fino alla ricerca di nuovi benefattori e fondi necessari a sostenere finanziariamente attività correnti e progetti. «Il nucleo storico di volontari c’è – sottolinea Mauro Harsch – ma riteniamo che un’iniezione di nuove forze sarebbe davvero salutare per poter affrontare con slancio e concretezza le molteplici sfide. Penso principalmente a giovani musicisti, a studenti volenterosi e intraprendenti, ma anche a persone di buona volontà che credono nell’importanza di questo progetto unico». I membri dell’associazione e della fondazione, puntualizza il promotore, offrono gratuitamente le loro prestazioni. Quanto alle ricadute sul territorio, il Villaggio «creerà posti di lavoro nei settori della ristorazione, dell’industria alberghiera, dei trasporti e di altre attività, ma soprattutto offrirà opportunità lavorative a tanti giovani artisti, i quali proprio in questo particolare periodo storico si trovano in situazioni di precarietà desolanti». Per ulteriori informazioni consultare il sito www.arsdei.org

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
direttore leventina sobriofestival volontari
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved