sobrio-sala-concerti-botta-il-caseificio-potrebbe-rimanere
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
6 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
7 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
7 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
8 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
9 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
9 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
9 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
9 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
10 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
10 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
11 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
Locarnese
11 ore

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
17 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
laR
 
07.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:13

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

L'abbattimento del vecchio stabile comunale dove un tempo si producevano formaggi aveva sollevato critiche in paese. Il progetto potrebbe essere rivisto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il vecchio caseificio potrebbe essere integrato nella nuova sala concerti a Sobrio progettata dall’architetto Mario Botta. Negli ultimi mesi, nel paese leventinese, si sono levate voci critiche di abitanti e villeggianti riguardo alla realizzazione del progetto che prevedeva l’abbattimento del vecchio stabile comunale che un tempo ospitava il caseificio ora adibito a deposito. La nuova possibilità permetterebbe di trovare una soluzione condivisa in grado di accontentare promotori – l’associazione Ars Dei – e coloro che si sentono affettivamente legati alla struttura. «Potrebbe essere annesso e fungere da piccola sala di attesa», immagina il presidente di Ars Dei Mauro Harsch. Nel frattempo i promotori rimangono però in attesa della variante definitiva di Piano regolatore, attualmente in fase di elaborazione. Recentemente, come spiega da noi contattato il sindaco di Faido Roland David, è stato incaricato il pianificatore comunale di approfondire la variante di Piano regolatore in base all’esito dell’esame preliminare del Cantone per il cambiamento di destinazione necessario per il terreno individuato (di proprietà in parte comunale e in parte privata) e sulla base di altre esigenze del Comune relative a quel comparto. «Ora gli specialisti ci stanno lavorando, a breve ci sarà il cambio di legislatura, ma l’obiettivo è di sottoporre al Consiglio comunale la variante definitiva questo autunno», spiega il sindaco di Faido. L’elaborazione del nuovo Piano regolatore dovrebbe prevedere anche la creazione di nuove aree di parcheggio, necessarie in vista dell’apertura della sala e dell’ex albergo. Prossimamente, l’iter pianificatorio prevede l’organizzazione di una serata pubblica (appena la situazione sanitaria lo permetterà) per informare gli abitanti sul preavviso del Cantone e sui prossimi passi da intraprendere. Il progetto, ricordiamo, negli ultimi mesi è stato rivisto dall’architetto Botta, anche per rispondere a una parte delle osservazioni sollevate dal Cantone in occasione dell’esame preliminare. Le criticità emerse riguardavano infatti aspetti relativi all’ubicazione, all’inserimento paesaggistico, alla gestione del progetto e alla sua sostenibilità. A tal proposito la nuova soluzione è ridimensionata per quanto riguarda ampiezza e impatto paesaggistico, come anche il costo che è stato ritoccato verso il basso per un totale di 3,5 milioni di franchi circa. Riguardo alla gestione futura e alla sostenibilità Mauro Harsch si dice tranquillo: «La gestione della struttura sarà affidata alla Fondazione ‘Amici del Villaggio della Musica’ e all’Associazione ‘Ars Dei’», spiega. Aggiungendo che nel comitato di direzione, accanto a membri dell’associazione e della Fondazione, saranno regolarmente designati rappresentanti di Conservatori e Accademie di danza, che garantiranno continuità anche in futuro. «Il progetto suscita molto interesse, siamo stati contattati già da scuole della Svizzera tedesca che vorrebbero organizzare settimane culturali a Sobrio», afferma Harsch. Un interesse che, continua il presidente di Ars Dei, ha addirittura sconfinato: «Membri dell’orchestra Berliner Philharmoniker e dell’Accademia della Scala sono interessati a organizzare masterclass. C’è un grande interesse verso il progetto anche a livello internazionale, quindi sarebbe davvero peccato non svilupparlo». Anche il traffico era un punto che preoccupava alcuni abitanti del paese, poiché temevano che il nuovo progetto attirasse troppe persone. A questi timori Harsch risponde che la maggior parte degli studenti, artisti e visitatori, raggiunge Sobrio con i mezzi pubblici. Inoltre, fa presente, nell’ambito del SobrioFestival, ai concerti hanno preso parte anche oltre cento spettatori «e non abbiamo mai riscontrato problemi di traffico. Non da ultimo, in occasione di manifestazioni importanti che si terranno nella nuova sala, sono previsti servizi navetta».

Interesse per l’albergo

A Sobrio, ricordiamo, Ars Dei ha già ristrutturato due abitazioni – Casa Gustav Mahler e Casa Francis Poulenc – che ospitano delle camere per pernottamenti e delle sale per concerti. Tuttavia, fa presente Harsch, nella zona mancano posti letto per poter ospitare gruppi numerosi di musicisti. «Abbiamo molte richieste di studenti e gruppi di musicisti, ma ci capita di dover rifiutare proprio perché mancano strutture d’accoglienza». Proprio recentemente, una persona vicina alla Fondazione ‘Amici del Villaggio della Musica’ ha manifestato interesse riguardo all’ex albergo da tempo dismesso e ritirato lo scorso ottobre all’asta da BancaStato, che vorrebbe acquistare e ristrutturare. Un’operazione che, se andasse in porto, permetterebbe di creare una ventina di nuovi posti letto, ovviando quindi alla carenza di posti ricettivi per gruppi interessati al turismo legato alla musica ma non solo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario botta sala concerti sobrio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved