sobrio-sala-concerti-botta-il-caseificio-potrebbe-rimanere
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
19 min

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
1 ora

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
1 ora

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
2 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
2 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
19 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
20 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
laR
 
07.04.2021 - 05:30
Aggiornamento : 09:13

Sobrio: sala concerti Botta, il caseificio potrebbe rimanere

L'abbattimento del vecchio stabile comunale dove un tempo si producevano formaggi aveva sollevato critiche in paese. Il progetto potrebbe essere rivisto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il vecchio caseificio potrebbe essere integrato nella nuova sala concerti a Sobrio progettata dall’architetto Mario Botta. Negli ultimi mesi, nel paese leventinese, si sono levate voci critiche di abitanti e villeggianti riguardo alla realizzazione del progetto che prevedeva l’abbattimento del vecchio stabile comunale che un tempo ospitava il caseificio ora adibito a deposito. La nuova possibilità permetterebbe di trovare una soluzione condivisa in grado di accontentare promotori – l’associazione Ars Dei – e coloro che si sentono affettivamente legati alla struttura. «Potrebbe essere annesso e fungere da piccola sala di attesa», immagina il presidente di Ars Dei Mauro Harsch. Nel frattempo i promotori rimangono però in attesa della variante definitiva di Piano regolatore, attualmente in fase di elaborazione. Recentemente, come spiega da noi contattato il sindaco di Faido Roland David, è stato incaricato il pianificatore comunale di approfondire la variante di Piano regolatore in base all’esito dell’esame preliminare del Cantone per il cambiamento di destinazione necessario per il terreno individuato (di proprietà in parte comunale e in parte privata) e sulla base di altre esigenze del Comune relative a quel comparto. «Ora gli specialisti ci stanno lavorando, a breve ci sarà il cambio di legislatura, ma l’obiettivo è di sottoporre al Consiglio comunale la variante definitiva questo autunno», spiega il sindaco di Faido. L’elaborazione del nuovo Piano regolatore dovrebbe prevedere anche la creazione di nuove aree di parcheggio, necessarie in vista dell’apertura della sala e dell’ex albergo. Prossimamente, l’iter pianificatorio prevede l’organizzazione di una serata pubblica (appena la situazione sanitaria lo permetterà) per informare gli abitanti sul preavviso del Cantone e sui prossimi passi da intraprendere. Il progetto, ricordiamo, negli ultimi mesi è stato rivisto dall’architetto Botta, anche per rispondere a una parte delle osservazioni sollevate dal Cantone in occasione dell’esame preliminare. Le criticità emerse riguardavano infatti aspetti relativi all’ubicazione, all’inserimento paesaggistico, alla gestione del progetto e alla sua sostenibilità. A tal proposito la nuova soluzione è ridimensionata per quanto riguarda ampiezza e impatto paesaggistico, come anche il costo che è stato ritoccato verso il basso per un totale di 3,5 milioni di franchi circa. Riguardo alla gestione futura e alla sostenibilità Mauro Harsch si dice tranquillo: «La gestione della struttura sarà affidata alla Fondazione ‘Amici del Villaggio della Musica’ e all’Associazione ‘Ars Dei’», spiega. Aggiungendo che nel comitato di direzione, accanto a membri dell’associazione e della Fondazione, saranno regolarmente designati rappresentanti di Conservatori e Accademie di danza, che garantiranno continuità anche in futuro. «Il progetto suscita molto interesse, siamo stati contattati già da scuole della Svizzera tedesca che vorrebbero organizzare settimane culturali a Sobrio», afferma Harsch. Un interesse che, continua il presidente di Ars Dei, ha addirittura sconfinato: «Membri dell’orchestra Berliner Philharmoniker e dell’Accademia della Scala sono interessati a organizzare masterclass. C’è un grande interesse verso il progetto anche a livello internazionale, quindi sarebbe davvero peccato non svilupparlo». Anche il traffico era un punto che preoccupava alcuni abitanti del paese, poiché temevano che il nuovo progetto attirasse troppe persone. A questi timori Harsch risponde che la maggior parte degli studenti, artisti e visitatori, raggiunge Sobrio con i mezzi pubblici. Inoltre, fa presente, nell’ambito del SobrioFestival, ai concerti hanno preso parte anche oltre cento spettatori «e non abbiamo mai riscontrato problemi di traffico. Non da ultimo, in occasione di manifestazioni importanti che si terranno nella nuova sala, sono previsti servizi navetta».

Interesse per l’albergo

A Sobrio, ricordiamo, Ars Dei ha già ristrutturato due abitazioni – Casa Gustav Mahler e Casa Francis Poulenc – che ospitano delle camere per pernottamenti e delle sale per concerti. Tuttavia, fa presente Harsch, nella zona mancano posti letto per poter ospitare gruppi numerosi di musicisti. «Abbiamo molte richieste di studenti e gruppi di musicisti, ma ci capita di dover rifiutare proprio perché mancano strutture d’accoglienza». Proprio recentemente, una persona vicina alla Fondazione ‘Amici del Villaggio della Musica’ ha manifestato interesse riguardo all’ex albergo da tempo dismesso e ritirato lo scorso ottobre all’asta da BancaStato, che vorrebbe acquistare e ristrutturare. Un’operazione che, se andasse in porto, permetterebbe di creare una ventina di nuovi posti letto, ovviando quindi alla carenza di posti ricettivi per gruppi interessati al turismo legato alla musica ma non solo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario botta sala concerti sobrio
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved