laRegione
operatore-di-strada-a-bellinzona-si-ma-non-solo-per-giovani
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Casi di rigore, i correttivi nero su bianco

Gli emendamenti fatti propri dalla Gestione: a giorni in Gran Consiglio il voto sul credito da 75,6 milioni a sostegno delle aziende danneggiate dalla chiusura
Luganese
4 ore

Antenna 4G a Campione, interrogazione al governo ticinese

Andrea Censi segnala il tema al Consiglio di Stato e denuncia interferenze anche in centro Città ai danni di numerosi operatori telefonici
Ticino
5 ore

Lavoro ridotto, in una settimana un migliaio di domande

La Divisione dell’economia del Dfe si sta preparando a gestire le richieste delle aziende. Attivata una hotline
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
6 ore

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
7 ore

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
7 ore

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
7 ore

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
7 ore

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
7 ore

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
8 ore

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
9 ore

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
13.11.2020 - 15:440
Aggiornamento : 18:14

Operatore di strada a Bellinzona: sì, ma non solo per giovani

Il Municipio preavvisa favorevolmente la mozione e definisce gli scopi (per varie fasce d'età della popolazione) e le modalità (un team di due persone)

Dopo aver già espresso il proprio sostegno nelle osservazioni preliminari, ora il Municipio di Bellinzona lo ribadisce: serve un operatore di strada in città, anzi due. Nelle osservazioni finali in merito alla mozione inoltrata da Vito Lo Russo (Plr) e cofirmatari (giunta 9 anni dopo che analoga proposta era stata bocciata), l'Esecutivo spiega come intenda dar seguito all'idea che verrà sottoposta ai consiglieri comunali nella prossima seduta del 23 novembre. Nello specifico propone di inserire nell’organico comunale due operatori di prossimità, con percentuale lavorativa da definire, in modo che possano lavorare in team. "Per motivi di sicurezza, non è consigliato che l’operatore di prossimità svolga il proprio lavoro non accompagnato da un collega con analoga formazione e funzione, anche perché i suoi orari lavorativi, forzatamente, si adattano alle esigenze della popolazione interessata (sera, fine settimana, ecc)", si legge nella presa di posizione. Il lancio del concorso pubblico è ipotizzato nel corso del prossimo anno, con entrata in funzione da inizio 2022.

Questa nuova figura professionale, ravvisa il Municipio, non è però pensata per concentrarsi solo sui giovani. "La sua attenzione dovrà essere rivolta a tutte le fasce d’età, anche e non solo agli anziani, che pure rappresentano un nodo cruciale e di particolare fragilità, soprattutto nella fase in cui l’autonomia personale scema in modo importante oppure l’aspetto legato alla solitudine diventa motivo di particolare sofferenza", scrive il Municipio.

Le forze lavoro attualmente al servizio della città sono già molto sollecitate e operano sulla base della volontarietà dell’utente oppure su mandato dell'autorità (come i curatori cittadini sulla base di decisioni dell’Arp), quindi quando le problematiche presenti sono almeno in parte conclamate. Diverso il discorso per l’operatore di prossimità, continua l'Esecutivo: si tratta di un operatore sociale formato che agisce sul territorio facendosi conoscere dai cittadini e individuando le persone e le zone della città più a rischio. "Questo permette di anticipare i tempi e grazie al rapporto di fiducia che si instaura" ed è quindi possibile "intervenire a supporto diretto o per il tramite di altri servizi a favore dell’interessato".

Da mettere in rete con altri servizi

Anche la Commissione della legislazione che si stava orientando nella stessa direzione del Municipio ha confermato gli intenti nella sua relazione. All'unanimità i commissari ritengono fondamentale che sia il Comune ad attivarsi per introdurre tale figura. Se è vero che sul territorio sono già attive strutture o iniziative in questo ambito (ad esempio il Social Truck introdotto dalla Città lo scorso anno), la Legislazione ritiene che esse siano perlopiù riconducibili alla prevenzione secondaria (interventi di diagnosi precoce), e terziaria (cioè interventi riabilitativi oppure per evitare che la situazione si aggravi). "L’educatore sociale di prossimità fungerebbe, invece, da punto di riferimento per una prevenzione primaria, "ossia nel monitoraggio di situazioni potenzialmente problematiche con lo scopo di intervenire, dal punto di vista educativo, su situazioni che possono, se trascurate, divenire complesse tanto per i soggetti destinatari dell’intervento (i giovani), quanto per la popolazione con la quale essi convivono".

Sarà fondamentale, aggiungono i commissari, inserire tale concetto in una rete con altri servizi sociali ed educativi, di controllo e di polizia, "rafforzando così un servizio comunale che dovrà essere sempre più attento al sostegno di giovani adulti confrontati con problemi di formazioni interrotte, disoccupazione, precarietà e con difficoltà a trovare sbocchi e prospettive reali per esprimere il proprio potenziale, le proprie risorse e le proprie competenze".

© Regiopress, All rights reserved