laRegione
operatore-di-strada-anche-a-bellinzona-adesso-ci-vuole
La 'Regione' del 26 ottobre 2011
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Casi di rigore, i correttivi nero su bianco

Gli emendamenti fatti propri dalla Gestione: a giorni in Gran Consiglio il voto sul credito da 75,6 milioni a sostegno delle aziende danneggiate dalla chiusura
Luganese
4 ore

Antenna 4G a Campione, interrogazione al governo ticinese

Andrea Censi segnala il tema al Consiglio di Stato e denuncia interferenze anche in centro Città ai danni di numerosi operatori telefonici
Ticino
5 ore

Lavoro ridotto, in una settimana un migliaio di domande

La Divisione dell’economia del Dfe si sta preparando a gestire le richieste delle aziende. Attivata una hotline
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
6 ore

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
7 ore

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
7 ore

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
7 ore

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Bellinzonese
27.01.2020 - 16:140

Operatore di strada anche a Bellinzona? 'Adesso ci vuole'

Nuova proposta Plr dopo che l'analoga mozione socialista era stata bocciata nove anni fa dal Consiglio comunale per un solo voto

È giunta l’ora d’istituire a Bellinzona la figura dell’educatore di strada. La proposta socialista presentata nel 2009 e bocciata nel 2011 per un solo voto dall’allora Consiglio comunale della vecchia Bellinzona, ritorna ora d’attualità con una mozione del liberale-radicale Vito Lo Russo sottoscritta dall’intero gruppo Plr in Consiglio comunale. Compreso l’allora capogruppo Tiziano Zanetti, che durante il dibattito in Cc, pur schierandosi contro la mozione Lombardo ritenendo prematura l’istituzione dell’operatore di strada, aveva invitato ad approfondire la questione riattivando la Commissione giovani. Pollice verso, contro un'analoga proposta, era pure stato espresso dal Legislativo dell’allora Comune di Giubiasco.

Reati in aumento fra i giovani

Se un approfondimento sia stato fatto a Bellinzona, e quale risultato abbia dato, non è dato sapere. Il gruppo Plr, facendo oggi propria la vecchia proposta, evidenzia anzitutto che in Ticino “è in aumento il numero di giovani che commettono reati, in particolare furti, vandalismi, danneggiamenti, vie di fatto, consumo di sostanze stupefacenti e infrazioni alla legge sulla circolazione stradale. Nel contempo sono in aumento anche i giovani vittime di reati, in particolare di abusi sessuali e di maltrattamenti e giovani che alla fine dell’obbligatorietà scolastica non ottengono la licenza di scuola media. I rischi di devianza penale di coloro che vivono in un ambiente disagiato e povero di stimoli, portano questi giovani a una situazione di precariato e di esclusione sociale”. Guardando agli altri Comuni, già nel 2006 Locarno e nel 2008 Lugano hanno istituito un servizio di prossimità urbana a favore dei giovani; idem nel 2013 Chiasso in collaborazione con i Comuni del Basso Mendrisiotto.

Prevenzione, assistenza e recupero

E nella Turrita? Negli ultimi dieci anni – annota Vito Lo Russo nella mozione – alcuni progetti di animazione urbana hanno cercato di colmare, sul territorio bellinzonese, questa lacuna: ad esempio Giubici e Piazza Aperta Giovani in Movimento. “Questi progetti però, per più ragioni, non hanno trovato continuità, inoltre non erano prettamente rappresentativi di quello che invece sarebbe l’approccio di un educatore di strada”. Da qui la nuova mozione, affinché l’educatore di strada “svolga attività di prevenzione, assistenza e recupero sociale in favore di tutte quelle fasce deboli che vivono in situazioni di degrado e di emarginazione”. Nonché “monitori il territorio e raccolga elementi utili sui bisogni giovanili e sui comportamenti a rischio per sensibilizzarli e indirizzarli a un sano stile di vita”.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved