operatore-di-strada-anche-a-bellinzona-adesso-ci-vuole
La 'Regione' del 26 ottobre 2011
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
7 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
8 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
9 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
12 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
16 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
20 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
27.01.2020 - 16:14

Operatore di strada anche a Bellinzona? 'Adesso ci vuole'

Nuova proposta Plr dopo che l'analoga mozione socialista era stata bocciata nove anni fa dal Consiglio comunale per un solo voto

È giunta l’ora d’istituire a Bellinzona la figura dell’educatore di strada. La proposta socialista presentata nel 2009 e bocciata nel 2011 per un solo voto dall’allora Consiglio comunale della vecchia Bellinzona, ritorna ora d’attualità con una mozione del liberale-radicale Vito Lo Russo sottoscritta dall’intero gruppo Plr in Consiglio comunale. Compreso l’allora capogruppo Tiziano Zanetti, che durante il dibattito in Cc, pur schierandosi contro la mozione Lombardo ritenendo prematura l’istituzione dell’operatore di strada, aveva invitato ad approfondire la questione riattivando la Commissione giovani. Pollice verso, contro un'analoga proposta, era pure stato espresso dal Legislativo dell’allora Comune di Giubiasco.

Reati in aumento fra i giovani

Se un approfondimento sia stato fatto a Bellinzona, e quale risultato abbia dato, non è dato sapere. Il gruppo Plr, facendo oggi propria la vecchia proposta, evidenzia anzitutto che in Ticino “è in aumento il numero di giovani che commettono reati, in particolare furti, vandalismi, danneggiamenti, vie di fatto, consumo di sostanze stupefacenti e infrazioni alla legge sulla circolazione stradale. Nel contempo sono in aumento anche i giovani vittime di reati, in particolare di abusi sessuali e di maltrattamenti e giovani che alla fine dell’obbligatorietà scolastica non ottengono la licenza di scuola media. I rischi di devianza penale di coloro che vivono in un ambiente disagiato e povero di stimoli, portano questi giovani a una situazione di precariato e di esclusione sociale”. Guardando agli altri Comuni, già nel 2006 Locarno e nel 2008 Lugano hanno istituito un servizio di prossimità urbana a favore dei giovani; idem nel 2013 Chiasso in collaborazione con i Comuni del Basso Mendrisiotto.

Prevenzione, assistenza e recupero

E nella Turrita? Negli ultimi dieci anni – annota Vito Lo Russo nella mozione – alcuni progetti di animazione urbana hanno cercato di colmare, sul territorio bellinzonese, questa lacuna: ad esempio Giubici e Piazza Aperta Giovani in Movimento. “Questi progetti però, per più ragioni, non hanno trovato continuità, inoltre non erano prettamente rappresentativi di quello che invece sarebbe l’approccio di un educatore di strada”. Da qui la nuova mozione, affinché l’educatore di strada “svolga attività di prevenzione, assistenza e recupero sociale in favore di tutte quelle fasce deboli che vivono in situazioni di degrado e di emarginazione”. Nonché “monitori il territorio e raccolga elementi utili sui bisogni giovanili e sui comportamenti a rischio per sensibilizzarli e indirizzarli a un sano stile di vita”.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved