laRegione
educatore-di-strada-a-bellinzona-che-sia-un-servizio-vero
Il presidente della commissione legislazione, Orlando Del Don (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Casi di rigore, i correttivi nero su bianco

Gli emendamenti fatti propri dalla Gestione: a giorni in Gran Consiglio il voto sul credito da 75,6 milioni a sostegno delle aziende danneggiate dalla chiusura
Luganese
4 ore

Antenna 4G a Campione, interrogazione al governo ticinese

Andrea Censi segnala il tema al Consiglio di Stato e denuncia interferenze anche in centro Città ai danni di numerosi operatori telefonici
Ticino
5 ore

Lavoro ridotto, in una settimana un migliaio di domande

La Divisione dell’economia del Dfe si sta preparando a gestire le richieste delle aziende. Attivata una hotline
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
6 ore

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
7 ore

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
7 ore

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
7 ore

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
7 ore

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
7 ore

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
8 ore

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
8 ore

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
8 ore

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
9 ore

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
9 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
9 ore

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
16.09.2020 - 19:260

Educatore di strada a Bellinzona, ‘che sia un servizio vero’

La Legislazione del Cc verso un pieno sostegno alla mozione di Vito Lo Russo. Gli auspici del presidente commissionale Orlando Del Don

Si allunga l’elenco di adesioni alla mozione del consigliere comunale liberale-radicale di Bellinzona Vito Lo Russo per l’istituzione di un educatore di strada. Dopo il preavviso positivo del Municipio anche la Commissione legislazione, preposta a esprimersi all’indirizzo del plenum del Cc cui compete la decisione sul principio, si sta orientando verso un’adesione piena. Gli ultimi dubbi, se ce n’erano, sono caduti martedì sera durante l’audizione del mozionante che ha avuto modo di rispondere alle domande dei ‘commissari’ coordinati dal presidente Orlando Del Don (Udc). Quest’ultimo, interpellato dalla ‘Regione’, si dichiara «estremamente soddisfatto» per la qualità del dibattito innescatosi sulla mozione. Taluni consiglieri condividono peraltro la sua opinione secondo cui «vi è un’assoluta necessità di quello che, confidiamo, non dovrà limitarsi a essere un compito affidato a una singola persona magari incaricata a tempo parziale, ma dovrà assumere la forma di un vero e proprio servizio comunale, formato da almeno due professionisti». Opinioni, per ora personali, che potrebbero confluire nel rapporto all’indirizzo del Legislativo, dopo che sarà effettuata anche l’audizione del municipale e capodicastero Servizi sociali Giorgio Soldini, a sua volta favorevole all’istituzione dell’operatore di strada.

'Evitare cose fatte a metà'

«Auspicavo un’adesione piena che si è nel frattempo palesata – dichiara Del Don – non da ultimo perché il quadro generale e i fatti incresciosi più recenti dimostrano ancora una volta l’urgenza di dotare la nuova Bellinzona di questo servizio. Vito Lo Russo è stato molto bravo a esporre i contenuto della sua mozione e a rispondere alle varie sollecitazioni. Una propositività interessante il cui esercizio spero possa sfociare in una soluzione di peso. Anzi, mi piace pensare che il servizio proposta possa diventare un fiore all’occhiello della Città di Bellinzona». L’invito insomma è quello di non lesinare sulle risorse da destinare all’operatore di strada: «Se da una parte possono essere condivisibili le preoccupazioni verso lo stato di salute delle finanze cittadine e il costante controllo della spesa – annota Del Don – dall’altra è innegabile che il tema richieda una soluzione seria, non un contentino, un palliativo o ‘cose’ fatte a metà». L’obiettivo dell’esercizio «è fare prevenzione approcciando le situazioni problematiche vissute dai giovani e dai loro familiari. Ossia anticipare la fase successiva che è praticamente la cura. A curare siamo tutti bravi, a prevenire un po’ meno». Fra le mansioni elencate «vi è quella di andare direttamente sul posto in cui si manifestano situazioni problematiche o di disagio. Luoghi dove solitamente i funzionari non mettono piede. E successivamente fare da collante fra le varie istituzioni preposte a individuare e applicare la giusta soluzione». Questo funziona «se gli operatori sono almeno due. Non si può pensare a una sola unità». Quanto alla formazione richiesta, «direi che quella di operatore sociale, come base teorica, può essere un buon punto di partenza. Ma con una spiccata propensione ad approcciare il mondo giovanile. Perché con i giovani bisogna saperci fare». 

'Evitare provocazioni e scontri'

Si parla molto in queste settimane delle risse fra giovani scoppiate nottetempo all’esterno di esercizi pubblici: dapprima in viale Stazione ed ora, come pubblicato dal nostro giornale, in via Dogana. «È impensabile che l’educatore di strada risolva i problemi dei giovani violenti, con situazioni ormai sfuggite di mano. L’operatore dev’essere in grado d’intervenire prima, laddove iniziano a manifestarsi richieste di attenzione che, se non ascoltate, finiscono poi in manifestazioni di violenza come le risse, i danneggiamenti, le detonazioni, l’uso improprio del corpo a fini sessuali per ricevere piccoli compensi finanziari. Se invece si mostra loro che c’è una seria volontà di ascolto e individuazione comune delle risposte, il quadro migliora notevolmente». Un quadro che tuttavia può essere costellato da difficoltà in più ambiti, da quello scolastico a quello lavorativo fino a quello affettivo, con una marcata mancanza di prospettive. Si vuole dunque – chiediamo – un educatore di strada multitasking con funzioni da vice-genitori? «Sono immaginabili figure di adulti che evitano atteggiamenti di provocazione e scontro – risponde Orlando Del Don – spostando anzi il loro contributo sul dialogo, sulla capacità d’individuare con pazienza ciò che i ragazzi chiedono, con più visite nei luoghi di raduno ripetute nel tempo. Educatore ‘di strada’ deve insomma avere un’accezione concreta, col rischio magari di subire ogni tanto qualche spintone». Locarno, Lugano, Chiasso e altre città d’Oltralpe si sono da tempo dotate di servizi simili, non sempre con risultati lodevoli. Un rischio calcolabile? «Abbiamo il vantaggio – risponde Del Don – di poter far capo a bilanci di esperienze precedenti portate avanti in contesti analoghi al nostro. Si tratta di evitare determinati errori».

© Regiopress, All rights reserved