ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Benvenuti a Küstendorf

È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
2 gior

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
3 gior

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
3 gior

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
3 gior

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
3 gior

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
2 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
2 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
2 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
2 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
2 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
3 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
3 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
3 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
3 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
3 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
3 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
1 mese

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
1 mese

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
1 mese

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
1 mese

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
1 mese

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
1 mese

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
30.04.2022 - 20:10

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?

di AS / Redazione T7
guidare-elettrico-lo-stile-fa-la-differenza
© Ti-Press
+1

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Nicola Fovini, maestro conducente TCS Sezione Ticino, e John Mari, responsabile Centro tecnico TCS Sezione Ticino, rispondono ad alcune domande e dubbi rispetto all’utilizzo di veicoli con motore elettrico.

Tra gli aspetti più sentiti in merito all’auto elettrica figura senza dubbio l’autonomia reale di bordo: quale stile di guida è meglio adottare per ottenere le più alte percorrenze?
"Per massimizzare l’autonomia di una vettura a propulsione elettrica è necessario adottare una guida fluida e preventiva, evitare brusche accelerazioni e, se possibile, tratte autostradali. Le auto elettriche, non avendo il cambio, ‘soffrono’ a velocità sostenuta e agli alti regimi, consumando più energia rispetto ad altre tipologie di percorso. Consigliamo inoltre di prestare attenzione con frequenza allo stato di autonomia segnalato dal veicolo, le previsioni indicate potrebbero calare di molto al variare dello stile di guida del conducente. La conoscenza del proprio veicolo e l’esperienza al volante, non da ultime, aiutano a migliorare nel corso del tempo l’efficienza di guida".

Quando si rallenta è più opportuno avvalersi della frenata rigenerativa o utilizzare il classico pedale freno?
"Tra i vantaggi offerti dall’auto elettrica troviamo la frenata rigenerativa che consente il recupero di energia posponendo la necessità di ricarica del veicolo, riducendo inoltre la dispersione di energia in calore come avviene su un freno tradizionale. L’utilizzo di questo sistema offre un vantaggio in termini di efficienza energetica e aiuta a contenere lo stato di usura dei componenti dell’impianto frenante. L’attuale parco veicoli non contempla sempre la possibilità di regolazione dell’intensità della frenata rigenerativa, nel caso lo fosse consigliamo di tenerla con il valore più alto".


© TCS
Nicola Fovini, maestro conducente TCS Sezione Ticino

Viaggi a medio e lungo raggio: quali sono i consigli per programmare al meglio il viaggio, in ottica di rifornimenti di corrente e autonomia?
"Per gli spostamenti quotidiani suggeriamo di caricare l’auto all’80% della capacità, per i viaggi più lunghi e impegnativi, invece, un ciclo di carica completa della batteria. La rete delle stazioni di ricarica sul territorio nazionale è buona, non è quindi richiesta particolare attenzione nella pianificazione del viaggio. Normalmente le vetture hanno le stazioni nazionali e internazionali già memorizzate nel navigatore; per gli spostamenti oltreconfine il consiglio è quello di partire già informati, con un programma flessibile e un cavo di alimentazione, in quanto è possibile incorrere in stazioni di ricarica non funzionanti o addirittura, nel peggiore dei casi, prive di cavo. È importante tenersi sempre un po’ di margine di autonomia, sulla base della tipologia del percorso – se si prevede di guidare in altura con dislivello per esempio – oppure a causa del traffico (colonna in autostrada in inverno con riscaldamento, pioggia e tergicristalli attivi). Evitare infine frequenti cariche rapide per preservare lo stato della batteria a lungo termine".

La climatizzazione sottrae energia: vale la pena di programmarla magari via app, mentre la vettura è ancora sotto carica?
"Sì, quando possibile, è preferibile scaldare o refrigerare il veicolo quando è ancora stazionato e sotto carica. Durante la stagione invernale, se si vuole risparmiare batteria, un compromesso può essere quello di prediligere il riscaldamento dei sedili al riscaldamento ‘soffiato’ dalle bocchette del climatizzatore. A chi fosse invece in procinto di acquistare un’auto elettrica, suggeriamo la scelta del climatizzatore a ‘pompa di calore’ - su alcune vetture è opzionale - piuttosto che a ‘resistenza di riscaldamento elettrico’. Quest’ultimo è più economico ma più dispendioso in termini di consumi".


© TCS
John Mari, responsabile Centro tecnico TCS di Rivera.

Qualora si dovesse percepire di non avere autonomia sufficiente per terminare il percorso, cosa è consigliato fare?
"Ridurre la velocità e tenere acceso unicamente ciò che è essenziale per la guida, come per esempio il sistema di illuminazione esterno. Spegnere quindi tutto il superfluo: climatizzatore, riscaldamento sedili, radio e luci interne. La guida dev’essere conservativa, proprio come al volante di una qualsiasi vettura a combustibile fossile in riserva di carburante".

Cosa succede quando una vettura elettrica si scarica? Cosa è necessario fare se ciò avviene mentre ci troviamo in strada? Si rischiano delle sanzioni?
"Certamente è possibile incappare in una sanzione: non vi è nessuna differenza tra il rimanere senza carburante (benzina e diesel) o con la batteria scarica. L’articolo 26, capoverso 1, della Legge federale sulla circolazione stradale recita: ‘Ciascuno, nella circolazione, deve comportarsi in modo da non essere di ostacolo né di pericolo per coloro che usano la strada conforme-mente alle norme stabilite’. Porre attenzione agli avvisi segnalati sul quadro strumenti del veicolo: se non vi è possibilità di raggiungere una stazione di ricarica è opportuno fermarsi per tempo in un luogo sicuro senza ostacolare gli altri utenti della strada. Se la batteria non consente il proseguimento del viaggio, contattare il nostro servizio di soccorso stradale".


© TCS

SEGUI LA CORRENTE
a cura della Redazione T7

La vostra prossima auto avrà un motore elettrico? Tranquilli, siete in buona compagnia visto che, come attestato da un recente sondaggio del Touring Club Svizzero, nei prossimi tre anni la metà degli svizzeri potrebbe optare per questo tipo di veicoli. Per chi avesse ancora dubbi e domande, da pochi alcuni giorni una guida elaborata da SvizzeraEnergia dal titolo "Segui la corrente" spiega perché passare a un’auto elettrica sarebbe conveniente e a cosa è però necessario prestare attenzione. Nel nostro Paese il tragitto medio per recarsi al lavoro è compreso tra i 30 e i 40 chilometri al giorno. Per questa ragione l’autonomia delle auto elettriche è più che sufficiente per un uso quotidiano. In base al modello o alle dimensioni della batteria, l’autonomia delle moderne elettriche varia tra i 200 e i 600 chilometri, ma va detto che i chilometri dipendono anche dalle condizioni meteo, dalla topografia, dallo stile di guida e dal peso del veicolo (vedi contributo qui sopra). SvizzeraEnergia ricorda che, se è vero che l’acquisto iniziale di un’auto elettrica è più oneroso rispetto a quello di un veicolo tradizionale (benzina o diesel), cifre alla mano e col prezzo dei combustibili fossili in aumento (leggasi instabilità russo-ucraina), i vantaggi economici si evidenziano solo nel calcolo a lungo termine, dove si evidenzia in modo chiaro che un’auto elettrica di fascia media è certamente più economica di un’auto a benzina della stesso segmento. Ecco dunque, secondo SvizzeraEnergia, i dieci motivi per scegliere oggi un’auto elettrica:

Meno pezzi, meno guasti
Un motore a combustione è composto da quasi 2’000 pezzi. Qualcosa prima o poi si rompe. In un motore elettrico i pezzi sono 200. Di conseguenza si riducono gli interventi da fare e i costi di manutenzione.

Divertimento alla guida
La coppia di un’auto elettrica è pari a quella di un’auto da corsa. E, siccome non è necessario scalare le marce, l’accelerazione è dinamica, senza i tipici strattoni.

Migliore bilancio di CO2
Durante l’intero ciclo di vita il bilancio ambientale di un’auto elettrica si rivela due volte migliore rispetto a un’auto di dimensioni comparabili a benzina o diesel.

Da A a B senza emissioni
Sin dal primo chilometro fornisci un importante contributo per migliorare la qualità dell’aria, perché un’auto elettrica non emette sostanze nocive durante la guida.

Tre volte più efficiente
Le auto elettriche sono altamente efficienti e durante la guida consumano tre volte meno energia rispetto a un’auto di dimensioni paragonabili con motore a combustione.

Ricarica conveniente a casa
Ricaricare a casa è molto più conveniente che presso una stazione di ricarica rapida. Ed è decisamente più economico rispetto alla benzina o al diesel. Ricaricare un’auto elettrica a casa per percorrere 100 km costa meno di 5 franchi (20 kWh con un prezzo medio della corrente elettrica in Svizzera di 20,1 cent./kWh).

Guida in tutto relax, tranquilla e silenziosa
Alla guida di un’auto elettrica scompaiono i forti rumori del motore e le vibrazioni. Inoltre puoi dire addio all’odore fastidioso della benzina o del diesel.

Guida efficiente con un solo pedale
Un’auto elettrica si lascia guidare in tutto relax e solitamente richiede solo il pedale dell’acceleratore (‘one-pedal driving’). Il motore frena automaticamente (recupero) quando si toglie il piede dall’acceleratore e accumula quest’energia nella batteria.

Viaggiare in modo sostenibile
Un’auto elettrica può essere alimentata di regola fino al 100 per cento con energie locali rinnovabili, come l’energia solare. Il 75 per cento dell’elettricità utilizzata nelle case svizzere proviene da energie rinnovabili.

Maggiore autonomia economica
L’autonomia delle auto elettriche è aumentata notevolmente negli ultimi anni, mantenendo però gli stessi prezzi. Oggi l’autonomia è raddoppiata, allo stesso prezzo di cinque anni fa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved