Lakers
1
Lugano
3
fine
(1-1 : 0-1 : 0-1)
Friborgo
5
Berna
3
3. tempo
(1-1 : 0-2 : 4-0)
Zurigo
7
Ginevra
5
3. tempo
(1-1 : 3-4 : 3-0)
Ambrì
3
Losanna
2
3. tempo
(0-1 : 2-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
7
Winterthur
0
3. tempo
(1-0 : 6-0 : 0-0)
Kloten
5
Langenthal
2
3. tempo
(0-0 : 4-2 : 1-0)
Sierre
8
Zugo Academy
1
3. tempo
(2-0 : 4-1 : 2-0)
Turgovia
4
Visp
1
3. tempo
(1-0 : 2-1 : 1-0)
si-anche-i-cani-sognano
© Feltrinelli
Le illustrazioni presenti nel volume sono di Alessandro Sanna.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Swiss Riot Girls: il coraggio e le idee fanno la differenza

Un podcast della RSI ricorda 7 donne fuori dagli schemi, controcorrente, che hanno lasciato il segno. Alcune sono svizzere, altre da noi ci hanno vissuto
Ticino7
2 gior

Ti-Press: quando lo scatto è al centro della notizia

Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
3 gior

Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)

“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
3 gior

La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere

‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
3 gior

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
1 sett

E se fosse sbagliato, quello che pensi?

Sono circa 70mila i pensieri che attraversano la nostra mente ogni giorno: e quasi sempre diamo retta a quel flusso di idee, senza nemmeno riflettere
Ticino7
1 sett

Gabrielli, fuori! Storia una mente creativa

Antonella ride, piange, fuma e beve mentre la intervisto. Ha preparato un picnic, nel caso in cui ci venga fame: prosecco, insalata di riso, salametto...
Ticino7
1 sett

Buongiorno, sono il signor tasso

Animale di indole solitaria, prudente e sospettoso, cerca cibo solo al calar del sole. Riconoscerlo e facile: seguite le sue strisce nere sul musetto...
Ticino7
1 sett

I mondi perduti di Enzo Pelli (e quelli ritrovati)

“Ogni epoca distrugge in un certo senso quella precedente – non necessariamente con guerre –, quella attuale ha distrutto un modo di vita contadino".
Ticino7
1 sett

Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia

Si presenta come una vignetta ironica, ma si è rivelato uno strumento capace di attirare l’attenzione e di creare un’identità unitaria fra chi lo utilizza. Ecco la loro forza
Ticino7
1 sett

Quando un ‘meme’ fa miracoli

Spesso politicamente poco corretti, intelligenti e acuti al punto giusto. Sempre che siate sul pezzo e in grado di incassare anche i colpi più bassi
Ticino7
1 sett

Clock DVA: incubi passati e presenti

Nel 1981 usciva ‘Thirst’, l’album che li fece conoscere. Più tardi col singolo ‘The Hacker’ crearono la colonna sonora di un mondo che aveva abbracciato il sogno della grande rete
Ticino7
2 sett

New Order. ‘Movement’ compie 40 anni (e scusate se è poco)

Siamo nel 1981. Nell’arco di poche settimane la Factory Records pubblicherà due album: l’ultimo (postumo) dei Joy Division e il primo del gruppo che nascerà sulle sue ceneri
Ticino7
2 sett

Teotihuacan, sulla Piramide del Sole

1521-2021: 500 anni fa un pugno di spagnoli capeggiati da Hernán Cortés conquistava uno degli imperi più grandi e potenti della Mesoamerica. Nel sangue, naturalmente
Ticino7
2 sett

Lo scoiattolo è tra noi

Occhi lucenti e neri, testolina rotonda, pelo bruno-rossiccio e una lunga coda sono le sue caratteristiche. È il parente indigeno più prossimo alla marmotta, l’avreste mai detto...
Ticino7
2 sett

‘... e alla batteria, Sheldon Suter’

Figlio d‘arte, quando era ragazzo si “vergognava” di ascoltare e suonare ’il jazz’. Allora punta sulla chitarra... ma bacchette, cassa e rullante non si sono dimenticati di lui
Ticino7
2 sett

Sessualità maschile. Sapete cos‘è il Punto P?

Un viaggio nell’universo del piacere. Spostando l’attenzione dal ‘solito’ organo fallico ai miti che lo circondano, all’uomo e alla sua complessità
Ticino7
26.09.2021 - 17:230

Sì, anche i cani sognano

I nostri amici a quattro zampe sono in grado di guidarci alla scoperta del mondo. Parola di Michele Serra, che ne ha fatto un libro tutto da leggere e da guardare

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Difficile pensare in natura a un rapporto più antico e più solido di quello tra l’essere umano e il cane. Dalla notte dei tempi – di solito si scrive così – “il migliore amico dell’uomo” è stato il compagno ideale per giocare, trascorrere ore davanti al fuoco, per lavorare e anche andare a caccia. A volte, infatti, ci dimentichiamo, abituati a portare al guinzaglio il nostro cane per le vie comode delle città, quante fatiche e avventure questo animale ha condiviso con noi umani. Tutta la forza di questo rapporto ancestrale la ritroviamo in Osso (Feltrinelli, 2021), un racconto semplice ma intenso sulla natura più profonda dell’uomo e sul suo rapporto con il mondo che lo circonda. Una relazione con la natura che ha il suo tramite più immediato nel nostro amico a quattro zampe. Nel libro tutto inizia con l’apparizione di un cane, magro, sbucato da chissà dove; fatica a reggersi in piedi ma scappa appena scorge un anziano signore andargli vicino. Il vecchio è capitato da quelle parti per caso. Vive al limitare del bosco dove ha incontrato il cane ma non ci si avventura mai. Ora però l’uomo è deciso ad aiutare l’animale e decide di tornare sul luogo del loro primo incontro con una ciotola di cibo. L’appoggia sul prato e attende… attende senza spazientirsi fino a che il cane – che l’uomo, nel frattempo, ha chiamato Osso – non comincia ad avvicinarsi.


© Feltrinelli
Le illustrazioni presenti nel volume sono di Alessandro Sanna.

Esseri umani e cani condividono più di quello che pensiamo

A fare compagnia al vecchio durante le lunghe attese è la nipote Lucilla a cui il nonno racconta i suoi sogni. Sogni che permettono ai due di tornare indietro di migliaia di anni, al primo incontro non cruento tra uomo e lupo, e di scoprire quanta strada questi due esseri viventi abbiano percorso assieme. Una strada che li ha portati a diventare così simili che Michele Serra, nel momento in cui ha voluto parlare di solitudine a un pubblico giovane, ha scelto di raccontare una storia in cui a incontrarsi sono un uomo solo e un cane randagio: “Il rapporto tra l’uomo e il cane, e tra l’uomo e le bestie in generale, mi ha sempre affascinato”, ci spiega proprio Serra. “Mi è sembrato l’impianto ideale per una favola. Quanto alla solitudine è uno stato d’animo, e anche uno stato fisico, che nella pandemia ha avuto grande evidenza. Non credo che avrei scritto proprio questa storia, se non avessi vissuto, come tutti, l’isolamento”.
Un isolamento che il protagonista umano del libro vive sulla sua pelle prima di tutto come incapacità di inoltrarsi nella natura, di lasciare i suoi spazi più conosciuti per immergersi nel bosco, un luogo che per Serra ha un ruolo “fondamentale. Il bosco è chiaroscuri, luce e buio, attrazione e paura. È la natura, che ci affascina e spesso ci atterrisce. Ed è grazie al cane, ai tentativi di avvicinarsi a lui, che il vecchio scopre il bosco, e riprova speranze, e anche angosce, che aveva dimenticato”. E scopre che si può condividere con un cane non solo uno spazio fisico ma anche quello dei sogni come conclude Michele Serra: “Che i cani sognino è un dato di fatto: basta vederli dormire, spesso guaiscono, sussultano, muovono le zampe come se stessero correndo. Quanto agli uomini, sappiano o non sappiano sognare gli tocca farlo lo stesso. I sogni ci visitano a loro piacimento. Uomini e bestie condividono la paura, la fame, la sete e i sogni. Non è poco. È tantissimo”.


© Ti-Press

SOGNI CANINI

Se chiedete a una persona che vive con un cane se il suo amico a quattro zampe sogna sicuramente vi risponderà di sì. Ve lo dirà sulla scorta della sua esperienza nell’aver visto il proprio Fido muovere ritmicamente le zampe, strizzare gli occhi, fare versi mentre dorme. Negli ultimi anni però è arrivata anche la conferma della scienza: il sonno del cane è molto simile a quello umano e presenta la cosiddetta fase REM (Rapid Eye Movement), caratterizzata da intensa attività del cervello mentre i muscoli sono molto rilassati. In questa fase l’essere umano ha i suoi sogni più vividi e nella fase REM è stato osservato che i cani strizzano gli occhi, gemono, trottano nel vuoto, respirano più velocemente. In questa fase stanno quasi sicuramente sognando. Ma cosa sognano? Difficile esserne certi perché nessun cane al risveglio può parlare di ciò che ha “visto” nel sonno. Secondo gli scienziati, però, poiché nel sonno REM le onde cerebrali sono molto simili a quelle che si hanno quando si è svegli è molto probabile che i nostri amici a quattro zampe sognino ciò che hanno fatto durante il giorno: corse, passeggiate, pasti e anche le nostre carezze.


© Feltrinelli
Le illustrazioni presenti nel volume sono di Alessandro Sanna.


© Feltrinelli

© Feltrinelli
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved