assi-di-cuori-assi-di-picche-una-vita-senza-sesso
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
23 ore

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 gior

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
2 gior

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 sett

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 sett

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 sett

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
2 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
2 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
2 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
2 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
3 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
3 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
4 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
4 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
4 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
1 mese

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
1 mese

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
1 mese

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
1 mese

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)
Ticino7
1 mese

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
1 mese

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
1 mese

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
1 mese

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
1 mese

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 mese

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 mese

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 mese

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 mese

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 mese

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 mese

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 mese

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 mese

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
12.12.2020 - 11:35
di Mariella Dal Farra

Assi di cuori, assi di picche. Una vita senza sesso

Costituirebbero almeno lʼ1% della popolazione, ma nessuna etichetta pare essere in grado di delinearne con precisione profilo e comportamenti sociali

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

La sfera della sessualità umana è, fra tutti gli ambiti esistenziali, quella nella quale risulta più difficile mentire. Perché per accedervi è necessario mettersi, materialmente e metaforicamente, a nudo. O almeno in parte. In questo risiede probabilmente il fascino e l’attrattiva che la dimensione erotica esercita su di noi e la tendenza a strumentalizzarne la valenza per stigmatizzare o discriminare le persone. 
Nell’articolato universo costituito dalla comunità LGBTQ+ il “+” si riferisce all’inclusione di orientamenti e/o generi sessuali diversi da quelli presenti nell’acronimo (ovvero Lesbica, Gay, Bisessuale, Transgender, Queer). Quel “+” significa cioè che “c’è di più”. Come attestato dal Rapporto Kinsey, la prima indagine scientifica condotta sull’argomento, già nel 1948 l’orientamento affettivo e sessuale tende infatti a distribuirsi lungo dimensioni continue piuttosto che a segregarsi in rigide dicotomie non comunicanti fra loro. L’autore esemplifica questo concetto attraverso un gradiente di orientamento - la famosa Scala Kinsey - compreso fra “0” (zero, ovvero esclusivamente eterosessuale) e “6” (esclusivamente omosessuale), contemplando dunque cinque gradi intermedi il cui punto di mezzo è rappresentato dalla bisessualità. In un secondo momento, Kinsey aggiunse a questo continuum una categoria supplementare, indicata come “X”, riservata alle persone che nel corso dell’intervista non riferivano alcun “contatto o reazione di tipo socio-sessuale”: anche se non ancora definito come tale, questa è la prima volta in cui si fa riferimento all’esistenza di un orientamento “asessuale”.

Orientamenti invisibili

Nei successivi cinquant’anni l’asessualità è stata medicalizzata, ignorata e/o invalidata, a seconda dei contesti. Solo in tempi più recenti la sua specificità è stata riconosciuta e rivendicata. Ma in cosa consiste esattamente quello che talvolta viene chiamato “l’orientamento invisibile”? Partiamo dai numeri: secondo diverse stime, l’asessualità interessa circa l’1% della popolazione; le donne sono più numerose degli uomini, e diversi studi indicano anche che una percentuale significativa di persone asessuali si riconosce a vario titolo nella comunità LGBTQ+. Gli e le “Asex” - o “Ace”, poiché l’asso è un simbolo della categoria – tendono a non provare attrazione sessuale, sfidando così i paradigmi culturali che nella nostra società definiscono l’amore e le relazioni. Detto in altro modo, gli individui asessuali sperimentano l’intimità e l’appagamento emotivo attraverso relazioni d’amicizia, ed eventualmente d’amore, in assenza totale o parziale di condivisione sessuale, mettendo dunque in discussione il principio secondo il quale l’amore romantico sia per forza, o per tutti, preferibile a quello platonico (Scherrer, K. S., “Coming to an asexual identity: Negotiating identity, negotiating desire”, Sexualities, 2008). Tuttavia, parlare di asessualità significa fare riferimento a un universo composito che, come tutto ciò che concerne l’ambito erotico, presenta innumerevoli sfumature.

Di desideri, attrazioni e confronti 

L’identità asessuale tende a definirsi in relazione a due parametri: il primo è quello del desiderio sessuale e spazia dalla completa assenza di attrazione - o, in alcuni casi, da un senso di repulsione (“asexual” e/o “sex-repulsed”) - alle persone che sperimentano desiderio sessuale solo dopo avere instaurato una relazione sentimentale (“demisexual”), fino a coloro che si situano in una “zona grigia” fra l’asessualità e alcune forme di attrazione (“grey-a”). È importante sottolineare che l’attrazione sessuale che si prova, o meno, nei confronti di altre persone è cosa diversa dalla “libido”, ovvero dalla pulsione sessuale in sé. Significativamente, molte persone asessuali affermano di avere una libido “normale” ma la sperimentano come un’istanza di tipo puramente fisico (“A volte mi eccito, ma è soltanto il mio corpo...”); analogamente, la masturbazione è pratica comune, anche presso gli asessuali che si descrivono come caratterizzati da un “basso livello libidico” (Van Houdenhove et al., “Stories about asexuality: A qualitative study on asexual women”, Journal of sex & marital therapy, 2015). Inoltre, se non sono “sex-repulsed” , gli e le asessuali possono fare sesso con i propri partner non-asessuali, seppure senza provare un particolare interesse per la cosa. Per contro, le coppie asessuali descrivono i vantaggi del non doversi confrontare con “la confusione e il disordine comportato dall’avere un rapporto sessuale” ed esprimono apprezzamento per la possibilità di stare nudi e fisicamente vicini senza sentirsi obbligati a fare l’amore (Brotto L. et al., “Asexuality: A Mixed Methods Approach”, Archive of Sexual Behaviour, 2010). 
La linea del desiderio interseca infatti quella dell’attrazione romantica, il cui gradiente è sia quantitativo (da “romantico” , se una relazione è considerata desiderabile, ad “aromantico” , se non si prova attrazione sentimentale) che qualitativo, nel senso che definisce l’oggetto d’amore e, quindi, l’orientamento della persona (“omoromantico” , “biromantico” , “eteroromantico” ecc.). Il numero di combinazioni che ne scaturisce è pressoché infinito così che una persona asessuale può identificarsi come “eteroromantica gray-asexual” , un’altra come “panromantica demisexual” , un’altra ancora come “omoromantica sex-repulsed”. 

Ma chi sono?

A differenza di quanto accade per altri orientamenti, le persone asessuali sono generalmente meno propense all’attivismo politico, soprattutto se sono eteroromantiche. Nelle parole di una ragazza intervistata: “Penso che l’asessualità sia sessuale nel senso in cui l’ateismo è una religione... Non credo che gli asessuali siano ingaggiati nelle stesse sfide comportate dal dichiararsi omosessuale... […] Cioè, hai comunque dei problemi, per esempio quando qualcuno s’interessa a te e tu devi spiegargli la situazione, con tutto ciò che questo comporta. Ma, per quanto ne so, nessuno è mai stato picchiato, o ucciso, o mandato in un campo di rieducazione per il solo fatto di essere asessuale” (Dawson, M. et al., “Asexual isn’t who I am: the politics of asexuality”, Sociological Research Online, University of Glasgow, 2018).
Sebbene in forma più indiretta, le persone asessuali tendono comunque a incontrare delle difficoltà nel proprio percorso d’individuazione personale. Considerato che viviamo in una società nella quale il sesso è diventato uno dei criteri impiegati per valutare la qualità di vita di una persona, nel senso che se lo fai – possibilmente tanto e “bene” - allora sei un po’ più “giusto” che se non lo facessi, si comprende perché le persone che si definiscono, o più semplicemente si comportano, come asessuali, possano essere percepite come anomale o addirittura problematiche. Da una ricerca svolta nel 2011 (Carrigan, M., “There’s more to life than sex? Difference and commonality within the asexual community”,
Sexualities) risulta che la maggior parte delle persone asessuali prendono coscienza della propria inclinazione attraversando diverse fasi. Dapprima, sentono di essere in qualche modo diverse dai loro coetanei: parlando della propria adolescenza, molte persone asessuali raccontano che non riuscivano a capire “che cosa ci fosse di così straordinario” e di essersi sentite escluse dall’interesse manifestato dai propri amici nei confronti del sesso. Successivamente, ciò che li faceva sentire isolati era la mancanza di anticipazione ed eccitamento che precede l’esperienza sessuale; il sesso non li aiutava a sentirsi più vicini al proprio partner, anche se aiutava i loro partner non-asessuali a sentirsi più vicini a loro (Brotto, 2010). 

Sarà mica una malattia...

Questo genera in molti casi la convinzione di essere “patologici” o in qualche modo “deficitari”; solo dopo un lavoro di elaborazione le persone si riconoscono come “legittimamente” asessuali, trovando eventualmente rispecchiamento nella comunità che li rappresenta. Fra queste, la più nota in rete è senz’altro AVEN, Asexual Visibility and Education Network. Fondata nel 2001 con il duplice scopo di promuovere il riconoscimento e l’accettazione dell’asessualità e di facilitare la crescita di una comunità asessuale, AVEN rappresenta un punto di riferimento per le persone che si interrogano sulla propria (a)sessualità, per i loro amici e familiari, per la ricerca scientifica e per la stampa. Aumentare la consapevolezza relativa all’asessualità come orientamento minoritario ma non patologico è considerato particolarmente importante in rapporto alle persone più giovani, allo scopo di prevenire processi di stigmatizzazione di sé e/o discriminazione degli altri. 

COSA NON È L'ASESSUALITÀ

L’asessualità non è un disturbo mentale: nonostante dal 1980 il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM III) abbia incluso nell’ambito delle disfunzioni sessuali il “disturbo del desiderio sessuale ipoattivo”, caratterizzato dall’assenza di desiderio e di fantasie sessuali, tale diagnosi non è applicabile alle persone asessuali a meno che “non causi nell’individuo un disagio clinicamente significativo”. Il DSM ha corretto il tiro e nella sua ultima edizione (DSM-5, 2013) specifica che “se il calo del desiderio è spiegato dall’identificazione di sé come asessuale, allora non dovrebbe essere posta una diagnosi di disturbo del desiderio sessuale ipoattivo”. Analogamente, l’asessualità non costituisce un sintomo sviluppato in seguito all’esposizione a un trauma di tipo sessuale. Nella maggior parte dei casi, infatti, il sesso non suscita nelle persone asessuali un senso di avversione ma semplicemente indifferenza. Infine, l’asessualità non va confusa con la castità e neppure con l’astinenza sessuale praticata per motivi filosofici o religiosi.
Al fine di sfatare certe false credenze, le comunità asessuali intraprendono azioni di carattere educativo quali organizzare eventi per promuovere la consapevolezza asessuale, esibire tatuaggi simbolo dell’orientamento asessuale come l’asso di cuori (se “romantici”) o di picche (se “aromantici”), portare un anello con una pietra nera (altro simbolo asex), divulgare articoli sull’asessualità, monitorare e sottoporre al vaglio critico le rappresentazioni delle persone asessuali fornite dai media, organizzare occasioni d’incontro fra persone che si riconoscono in questo orientamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amore asessuale attrazione desiderio desiderio sessuale orientamento sesso
© Regiopress, All rights reserved