Svizzera
I Contratti collettivi prevarranno sui salari minimi cantonali
Passa per un soffio anche al Nazionale la mozione Ettlin. I sindacati parlano di ‘atto di sabotaggio’. Il Ticino non sarà toccato dalla modifica di legge
Il Consiglio federale (nella foto il ministro dell’Economia Guy Parmelin) chiedeva di respingere la mozione
(Keystone)
14 dicembre 2022
|

Berna – Sono tempi duri per i salari minimi cantonali. Il Consiglio nazionale ha accettato al fotofinish, per 95 voti a 93 (4 astenuti), una mozione già adottata dagli Stati in giugno secondo cui devono cedere il passo alle retribuzioni inserite nei Contratti collettivi di lavoro (CCL).

La mozione, presentata dal "senatore" Erich Ettlin (Centro/OW), chiede che le disposizioni dei CCL nazionali di obbligatorietà generale in materia di salario minimo, tredicesima e ferie prevalgano su quelle divergenti del diritto cantonale. Finora dispongono di un salario minimo il Ticino, il Giura, Neuchâtel, Ginevra e Basilea Città.

Una modifica di legge a livello federale, tuttavia, non avrebbe ripercussioni sul salario minimo ticinese (19 franchi all’ora), in vigore dal 1o dicembre 2021. La legge cantonale, infatti, esclude dal campo d’applicazione i settori dove si applicano Ccl dichiarati di obbligatorietà generale. Diverso il discorso per Neuchâtel e Ginevra, dove il salario minimo (20,08 franchi nel primo caso, 23,27 e presto 24 nel secondo) si applica anche nei settori che dispongono di un CCL di questo tipo.

‘Incertezza giuridica’

"Il partenariato sociale deve rimanere intatto, basato sulla fiducia, grazie ai CCL", ha dichiarato Fabio Regazzi (Centro/TI) a nome della commissione. La decisione del Tribunale federale (TF) del 2017 di dare la precedenza ai salari minimi cantonali rispetto a eventuali contratti collettivi ha aperto un’incertezza giuridica, ha aggiunto il ticinese.

Secondo la maggioranza insomma, i salari minimi cantonali determinano insicurezza nei negoziati tra le parti sociali, intaccando un rapporto collaudato. Inoltre, è proprio il Consiglio federale a dichiarare i CCL di obbligatorietà generale e per questa ragione questi ultimi hanno carattere simile al diritto federale.

‘Violazione della Costituzione’

"Con questa mozione si vanno a creare dei lavoratori poveri", ha vivamente protestato Cédric Wermuth (PS/AG). Contrario anche il governo, con il consigliere federale Guy Parmelin che ha affermato invano come non si possa contraddire una legge cantonale che ha legittimità democratica. Dal canto loro, i sindacati hanno già definito la mozione un atto di sabotaggio, nonché una violazione della Costituzione.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE