ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Brucia un appartamento a Gerlafingen, un morto

A trovare il corpo senza vita dell’uomo sono stati i pompieri, una volta spente le fiamme. Precauzionalmente evacuato l’edificio
Svizzera
23 min

L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni

L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
39 min

Escursionista con racchette cade e muore

Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
1 ora

Si schianta contro un sottopassaggio: morto

L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
Svizzera
1 ora

Ignoti appiccano fuoco in una scuola elementare

Seri danni allo stabile di Brunnmatt, nella parte su della città di Basilea. Nessuno è rimasto ferito
Svizzera
1 ora

Trovati due corpi travolti da una valanga sopra Fully

Verosimilmente potrebbero essere il francese (residente nel Canton Vaud) e il belga (residente in Vallese) dispersi da qualche giorno
Svizzera
2 ore

Lotta alla corruzione nel settore pubblico, si marcia sul posto

Secondo il rapporto di Transparency International, nel nostro Paese il nepotismo è sempre troppo diffuso
Svizzera
2 ore

Ticino vagone di coda per puntualità dei convogli Ffs

Se a livello svizzero nel 2022 il 92,5% dei treni è arrivato in orario, a Sud delle Alpi più di 1 su 10 è giunto a destinazione più di 3’ dopo
Svizzera
3 ore

Udc per un giro di vite sull’immigrazione

In vista delle elezioni di autunno, il partito auspica lo spostamento delle procedure di asilo al di fuori dei confini nazionali
05.12.2022 - 11:23
Aggiornamento: 18:37

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva

Ats, a cura di Red.Web
vasta-operazione-contro-la-ciberpedocriminalita
Keystone
Novantasei le persone fermate

Al termine di una vasta operazione, la Polizia cantonale vodese ha fermato 96 persone che avevano scaricato dal web contenuti a carattere pedofilo. Due sono poi stati posti in detenzione preventiva.

L’operazione, condotta tra gli altri dall’unità di ciberpedofilia, si è svolta tra il 1° settembre e il 31 ottobre. Mirava a lottare contro la pedopornografia su Internet, fa sapere la Polizia cantonale vodese.

In questo ambito, 27 agenti hanno dedicato un totale di 153 giorni di lavoro ed effettuato 42 perquisizioni, che hanno portato al sequestro di 311 computer, supporti di memorizzazione e altri mezzi di comunicazione.

Trattate 120 vicende

Domiciliate nel canton Vaud, le 96 persone fermate e poi interrogate, sono accusate di aver scaricato o messo a disposizione immagini o video a carattere pedopornografico. Tra queste, il 15% sono minorenni.

Complessivamente sono state trattate 120 vicende, di cui una dozzina concerneva individui risiedenti nel capoluogo cantonale. Questi casi sono stati trasmessi alla Polizia comunale di Losanna per il prosieguo delle investigazioni.

Delle 96 persone denunciate al Ministero pubblico e al tribunale dei minori, due sono poi state poste in detenzione preventiva. Una di loro è pure accusata di aver commesso abusi sessuali su una minorenne.

Collaborazione internazionale

Questa operazione di lotta contro la ciberpedofilia ha potuto essere condotta grazie in particolare a denunce effettuate dal National center for missing and exploited children con sede negli Stati Uniti. Quest’ultimo ha sviluppato un procedimento per individuare tali contenuti e denunciarli ai Paesi interessati.

In Svizzera, l’Ufficio federale di polizia (fedpol) ha ricevuto queste segnalazioni dagli Stati Uniti, le ha analizzate e ha effettuato le prime ricerche sugli utenti allo scopo di denunciarli a sua volta ai Cantoni dove sono domiciliati. Parallelamente, il Centro di competenza Cyber della Polizia cantonale ginevrina ha monitorato le reti di scambio ‘peer to peer’ e segnalato i contenuti illeciti ai Cantoni romandi per il prosieguo delle indagini.

Ogni diffusione equivale a un reato

Se in taluni casi gli utenti dei file illeciti sono consapevoli dei loro atti, gli inquirenti constatano che una parte delle denunce concerne internauti che condividono o trasmettono tali file a scopo informativo o ‘umoristico’. Ricordano che ogni diffusione di pedopornografia, qualunque sia il suo scopo, costituisce una violazione dell’articolo 197 del Codice penale svizzero.

Qualora si ricevessero file illeciti (con rappresentazione di atti sessuali con fanciulli, animali o atti di violenza tra adulti, anche se si trattasse di immagini di sintesi o disegni) la Polizia cantonale raccomanda di non ritrasmetterli.

I file in questione devono essere segnalati come inappropriati sul sito o sull’applicazione. Infine, le forze dell’ordine prevedono di notificare il caso al Centro nazionale per la cibersicurezza tramite il formulario di annuncio all’indirizzo www.report.ncsc.admin.ch/fr.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved