ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
8 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
8 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
9 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
10 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
10 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
11 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
11 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
cyberpornografia
05.12.2022 - 21:21
Aggiornamento: 22:20

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni

Ats, a cura di Red.Svizzera
pedofilia-maxiretata-nel-canton-vaud-con-96-persone-fermate
Aumentano i casi di cyberpornografia (Keystone)

Al termine di una vasta operazione, la polizia cantonale vodese ha fermato 96 persone che avevano scaricato dal web contenuti a carattere pedofilo. Due sono poi stati posti in detenzione preventiva.

L’operazione, condotta tra gli altri dall’unità di cyberpedofilia, si è svolta tra il primo settembre e il 31 ottobre. Mirava a lottare contro la pedopornografia su Internet, ha indicato oggi in una nota la polizia cantonale vodese.

In questo ambito, 27 agenti hanno dedicato un totale di 153 giorni di lavoro ed effettuato 42 perquisizioni, che hanno portato al sequestro di 311 computer, supporti di memorizzazione e altri mezzi di comunicazione.

120 vicende

Domiciliate nel canton Vaud, le 96 persone fermate e poi interrogate, sono accusate di aver scaricato o messo a disposizione immagini o video a carattere pedopornografico. Tra queste, il 15% sono minorenni.

Complessivamente sono state trattate 120 vicende, di cui una dozzina concerneva individui risiedenti nel capoluogo cantonale. Questi casi sono stati trasmessi alla polizia comunale di Losanna per il prosieguo delle investigazioni.

Delle 96 persone denunciate al Ministero pubblico e al tribunale dei minori, due sono poi state poste in detenzione preventiva. Una di loro è pure accusata di aver commesso abusi sessuali su una minorenne.

Collaborazione internazionale

Questa operazione di lotta contro la cyberpedofilia ha potuto essere condotta grazie in particolare a denunce effettuate dal National center for missing and exploited children (Ncmec) con sede negli Stati Uniti. Quest’ultimo ha sviluppato un procedimento per individuare tali contenuti e denunciarli ai Paesi interessati.

In Svizzera, l’Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha ricevuto queste segnalazioni dagli Usa, le ha analizzate ed ha effettuato le prime ricerche sugli utenti allo scopo di denunciarli a sua volta ai cantoni dove sono domiciliati. Parallelamente il Centro di competenza Cyber della polizia cantonale ginevrina ha monitorato le reti di scambio "peer to peer" e segnalato i contenuti illeciti ai cantoni romandi per il prosieguo delle indagini.

Ogni diffusione equivale a un reato

Se in taluni casi gli utenti dei file illeciti sono consapevoli dei loro atti, gli inquirenti constatano che una parte delle denunce concerne internauti che condividono o trasmettono tali file a scopo informativo o "umoristico". Ricordano che ogni diffusione di pedopornografia, qualunque sia il suo scopo, costituisce una violazione dell’articolo 197 del Codice penale svizzero.

Qualora si ricevessero file illeciti (con rappresentazione di atti sessuali con fanciulli, animali o atti di violenza tra adulti, anche se si trattasse di immagini di sintesi o disegni) la polizia cantonale raccomanda di non ritrasmetterli.

I file in questione devono essere segnalati come inappropriato sul sito o sull’applicazione. Infine, le forze dell’ordine prevedono di notificare il caso al Centro nazionale per la cybersicurezza tramite il formulario di annuncio all’indirizzo seguente: https://www.report.ncsc.admin.ch/fr/

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved