ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
11 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
14 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
15 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
16 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
17 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior

Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)

Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
25.09.2022 - 19:50
Aggiornamento: 22:11

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano

Ats, a cura di Red.Svizzera
domenica-di-bocciature-a-livello-cantonale
Keystone

Domenica di votazioni cantonali caratterizzata dalla bocciatura di diversi oggetti: dal contributo del Canton Lucerna alla caserma della Guardie svizzere in Vaticano, al voto ai 16enni a Berna, alla cassa malattia gratuita per i figli a Sciaffusa, all’assicurazione dentaria obbligatoria a Neuchâtel.

La bocciatura più sonora – con il 71,5% di "no" – l’ha rimediata un credito di 400’000 franchi che il Canton Lucerna intendeva destinare alla costruzione della nuova caserma della Guardia pontificia svizzera in Vaticano.

Nessuno degli 80 comuni del cantone "cattolico" ha approvato la "donazione al Vaticano", che era combattuta da un referendum lanciato dall’Associazione svizzera dei liberi pensatori e sostenuto da PS, Verdi e Verdi-liberali.

No al voto ai 16enni

Nel canton Berna il 67% dei votanti ha detto "no" all’abbassamento del diritto di votare a livello cantonale e comunale a partire dai 16 anni. Dopo un’analoga bocciatura quattro mesi fa a Zurigo, per il momento solo il canton Glarona, in seguito a una decisione della Landsgemeinde del 2007, concede il diritto di voto ai 16 e 17enni.

A livello federale, la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N) ha recentemente approvato un’iniziativa parlamentare in tal senso messa in consultazione fino al prossimo 16 dicembre.

Non passa l’azzeramento dei premi ai minorenni

Nel canton Sciaffusa il 64,9% dei votanti ha respinto un’iniziativa dell’Unione sindacale che avrebbe rappresentato una prima in Svizzera: l’azzeramento dei premi di cassa malattia per tutti i minorenni. In caso di approvazione, Cantone e Comuni sarebbero stati chiamati a coprire per intero i premi per i figli fino ai 18 anni, con costi stimati in 8,5 milioni di franchi l’anno.

Non è passata nemmeno l’introduzione di un’assicurazione dentaria obbligatoria nel canton Neuchâtel che ha raccolto il 63,2% di voti contrari. Si tratta del terzo cantone romando a respingere una simile proposta, dopo Vaud nel 2018 e Ginevra un anno dopo.

I consiglieri di Stato restano 7 a Basilea Città

Chiaro "no" anche nel cantone di Basilea Città a un’iniziativa che chiedeva di ridurre i consiglieri di Stato da 7 a 5, respinta dal 60,6% dei votanti. La città-cantone continuerà quindi ad avere anche un Dipartimento presidenziale, con il suo titolare che funge anche da "sindaco".

Bocciatura di strettissima misura nel canton Zurigo per un’iniziativa della Lista alternativa (AL, sinistra alternativa) intitolata "No alle agevolazioni fiscali per i grandi azionisti". Il testo, respinto dal 50,4% dei votanti, chiedeva che gli azionisti con una partecipazione di almeno il 10% in una società dichiarassero al fisco il 70% dei dividendi percepiti (com’è il caso per l’imposta federale diretta) e non il 50% come avviene nel cantone dal 2008.

Alcuni "sì"

Nel canton Vaud è invece stata approvata, con una maggioranza del 65,2%, una modifica della Costituzione che introduce un Consiglio della magistratura chiamato a esercitare – al posto degli attuali organi del Gran Consiglio – la sorveglianza amministrativa e disciplinare sui magistrati. Un analogo Consiglio già esiste nei cantoni romandi e in Ticino.

In Argovia il 64,4% dei votanti ha approvato una modifica costituzionale che introduce la possibilità di eleggere dei supplenti che verrebbero chiamati a sostituire i deputati in Gran Consiglio, in caso di maternità o malattia, per un periodo fra i tre mesi e un anno.

In Appenzello Esterno il 61,2% dei votanti ha approvato una revisione della legge sull’energia che stabilisce che, in caso di sostituzione di un impianto di riscaldamento, almeno il 20% della produzione debba provenire da energie rinnovabili. Erano contrari l’Udc e la lobby del petrolio, che hanno lanciato il referendum.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved