25.09.2022 - 16:29

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin

Ats, a cura di Red.Svizzera
ambasciatore-ucraino-a-berna-no-asilo-per-disertori-russi
Keystone

La Svizzera non dovrebbe concedere asilo politico ai disertori russi, perché farlo comporterebbe un elevato rischio in termini di sicurezza. Lo ha affermato l’ambasciatore ucraino a Berna Artem Rybchenko in un’intervista alla SonntagsZeitung.

Sussiste il rischio che tramite l’asilo la Russia cerchi di introdurre agenti in Svizzera e nell’Unione europea. "Sappiamo che la Svizzera è già stata in passato un luogo in cui si trovava un numero particolarmente elevato di spie russe. Ciò non dovrebbe essere promosso ulteriormente", ha dichiarato Rybchenko.

Bisogna semplicemente essere consapevoli del fatto che la situazione dei russi è completamente diversa da quella degli ucraini. I suoi connazionali sono stati costretti a fuggire perché la Russia ha imposto loro una guerra. Hanno lasciato il Paese soprattutto donne e bambini, mentre gli uomini sono rimasti per difendere la patria.

Gli uomini russi semplicemente fuggono invece di opporre resistenza nel proprio Paese. La popolazione russa finora si è opposta e si è distanziata dalla guerra troppo poco. Il fatto che ora scenda in strada molta più gente rappresenta un segnale positivo, forse è l’avvio di una svolta storica.

Interrogato in merito alla stretta di mano tra il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov nei giorni scorsi a margine dei lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, Rybchenko non ha voluto rilasciare commenti. Bisogna trovare una soluzione al conflitto, ma ciò è possibile soltanto se è in corso un dialogo. Pertanto l’ambasciatore si è detto grato per gli sforzi della Svizzera e di Cassis.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved