15.09.2022 - 19:10

‘Nel settore sanitario ci vuole una concorrenza regolamentata’

È la ricetta del Plr contro l’aumento dei costi della salute. Permetterebbe di migliorare la qualità delle prestazioni fornite

Ats, a cura di Red.Web
nel-settore-sanitario-ci-vuole-una-concorrenza-regolamentata
Keystone
Per porre un freno all’esplosione dei costi

Il Partito liberale-radicale si dice preoccupato per l’aumento dei costi della salute. Ha presentato oggi a Berna le sue misure per contenere l’aumento dei premi dell’assicurazione malattie. Secondo il Plr, la soluzione risiede in una concorrenza regolamentata nel settore sanitario.

Una regolamentazione della concorrenza permetterebbe di migliorare la qualità delle prestazioni fornite, scrive il partito in una nota. Oggi l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione di base ha quale effetto che la collettività finanzia dei trattamenti che non offrono alcun valore aggiunto.

Il Plr auspica una libertà di scelta fondata sulla concorrenza tra i fornitori di cure e sulla trasparenza in materia di qualità. Il partito punta sulla semplificazione delle importazioni parallele di medicinali, sull’abrogazione dell’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione per taluni fornitori e sulla necessità di allentare il principio della territorialità.

Il Plr chiede inoltre un’attuazione rapida del Finanziamento unitario delle prestazioni nel settore ambulatoriale e stazionario, un controllo regolare dell’adeguamento delle prestazioni mediche, nonché una vera e propria digitalizzazione del settore delle cure.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved