ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
21 min

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
2 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
13 ore

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
18 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
20 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
20 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
21 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
21 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
22 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
23 ore

Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche

La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
23 ore

La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico

Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
1 gior

Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto

Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
1 gior

Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look

Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior

‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’

Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
1 gior

Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina

Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
1 gior

Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo

Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
2 gior

Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino

Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
2 gior

Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante

Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
2 gior

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
2 gior

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
2 gior

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
2 gior

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
3 gior

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
3 gior

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
3 gior

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
3 gior

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
3 gior

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
3 gior

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
Svizzera
3 gior

Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola

Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
3 gior

Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci

Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
3 gior

Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice

Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
3 gior

Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo

Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
3 gior

Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino

Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
4 gior

Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta

Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
4 gior

Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima

Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
4 gior

Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate

Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
Svizzera
4 gior

In fuga dalla Polizia ad alta velocità fra i bambini

Spericolato inseguimento a cavallo tra i Cantoni Vaud e Friburgo. L’uomo, poi arrestato, guidava senza patente
Svizzera
4 gior

Incidente mortale su un cantiere a Winterthur

A perdere la vita è stato un operaio edile 27enne, travolto dal crollo di una trincea non protetta
Svizzera
4 gior

Migros fa spesa in farmacia: acquisita Zur Rose

Con un’offerta di 360 milioni di franchi, il gigante arancione mette le mani sulla catena turgoviese
Svizzera
4 gior

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
4 gior

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
laR
 
26.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:29

Costi della salute, ecco cosa si sta facendo per domarli

Forte aumento in vista. Cos’è stato fatto e cosa si sta facendo per arginare i costi della salute e ridurre l’impatto sul portafoglio degli assicurati

costi-della-salute-ecco-cosa-si-sta-facendo-per-domarli
Keystone
Forte aumento dei premi atteso a inizio autunno

La tregua sarà stata di breve durata. Solo una tregua, appunto. Perché ormai è assodato: dopo la quasi impercettibile diminuzione del premio medio di quest’anno (-0,2%), la prima dal 2008, un’ennesima stangata attende gli assicurati in autunno. Le recenti indiscrezioni (‘Le Matin Dimanche’ ha evocato un +7-9%) non vengono confermate dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). L’autorità che approva i premi malattia non si pronuncia sull’entità dell’aumento. Ma dà per scontato che questo si verificherà. Nel 2021 in effetti i costi sanitari hanno ripreso l’ascensore (santésuisse: +5,1% in media per assicurato, una crescita che non si vedeva dal 2013); e anche quest’anno sarà più o meno così: l’‘effetto di recupero’, innescatosi dopo il rinvio di numerosi trattamenti a causa della pandemia, proseguirà. Rieccoci quindi alla casella di partenza.

Cos’è stato fatto

Casella di partenza? Non proprio. La politica negli ultimi anni non è rimasta a guardare.

  • All’inizio del 2018 il Consiglio federale ha rivisto al ribasso le tariffe del Tarmed (il tariffario medico per le prestazioni ambulatoriali), in particolare quelle di alcuni specialisti. Risparmio ottenuto: circa 500 milioni di franchi.
  • Il riesame annuale del prezzo dei farmaci da parte dell’Ufsp ha portato a risparmi per oltre mezzo miliardo di franchi tra il 2017 e il 2020.
  • Nel 2018 il Consiglio federale ha avviato un programma di contenimento dei costi. Una prima serie di misure (copie delle fatture per gli assicurati, organizzazione tariffaria nazionale per il settore ambulatoriale ecc.) viene attuata già da quest’anno. Altre misure (promozione di importi forfettari nel settore ambulatoriale, possibilità per cantoni e partner tariffali di condurre progetti pilota innovativi al di fuori del quadro dell’assicurazione di base-Lamal ecc.) entreranno in vigore presumibilmente il 1° gennaio 2023.
  • Il problema: di tutti gli strumenti proposti dal Consiglio federale nel suo primo ‘pacchetto’ (un secondo è in discussione in Parlamento, un terzo dovrebbe essere pronto nella seconda metà dell’anno), ben pochi hanno superato lo scoglio parlamentare. A naufragare è stato in particolare il sistema di prezzi di riferimento per i generici applicabile ai farmaci il cui brevetto è scaduto. Il Parlamento negli ultimi anni si è limitato a mettere dei cerotti qua e là. Come nel 2014, quando mediante una modifica della legge sulla sorveglianza Lamal, gli assicuratori sono stati obbligati a restituire agli assicurati premi incassati in eccesso nel periodo 1996-2013 per un totale di 800 milioni di franchi.
  • Il Consiglio federale intanto ha esaurito il margine di manovra a sua disposizione per quanto riguarda le riserve delle casse malati. Ha abbassato dal 150 al 100% il livello minimo fissato per legge, in modo da incoraggiare gli assicuratori a ridurle volontariamente. La modifica dell’ordinanza è in vigore da un anno. Lo scorso autunno le casse hanno abbassato le riserve per un importo complessivo di 380 milioni di franchi. E l’effetto calmierante sui premi si è visto.

Cosa si sta facendo

Stando al monitoraggio realizzato dall’Ufsp, negli ultimi anni l’incremento medio dei costi a carico della Lamal ha sfiorato il 3%. Tra il 1999 e il 2019 i costi complessivi del sistema sanitario sono più che raddoppiati, passando da 40,6 a 82,5 miliardi. Quindi: le misure adottate sin qui sono servite soltanto a evitare il peggio. "Questo è l’anno decisivo per adottare, soprattutto a Berna, delle misure davvero incisive per tenere sotto controllo l’evoluzione dei costi", ha dichiarato nelle scorse settimane a ‘laRegione’ Céline Antonini, responsabile per la Svizzera italiana dell’associazione di assicuratori malattia curafutura. Ma cosa fare, concretamente? Di seguito, una carrellata delle principali misure in discussione a livello federale e cantonale per contenere i costi e/o i premi.

Restituire le riserve

Nel 2020 le riserve degli assicuratori malattia ammontavano a 11,3 miliardi di franchi, ben al di sopra del requisito minimo stabilito per legge. Il Consiglio federale, come detto, ha voluto che venissero ridotte a vantaggio degli assicurati. Al momento però non esiste alcun vincolo. Il Consiglio nazionale intende spingersi oltre: lo scorso autunno ha approvato una mozione di Lorenzo Quadri (Lega) che – riprendendo la richiesta contenuta in un’iniziativa cantonale ticinese – mira a rendere obbligatoria la riduzione delle riserve eccedentarie. La commissione preparatoria del Consiglio degli Stati l’ha respinta di misura. Il plenum dovrebbe decidere in giugno. Comunque, l’impatto sui premi di una riduzione obbligatoria delle riserve non va sopravvalutato.

Aumentare i sussidi

È un altro modo per incidere direttamente sui premi. Ed è quanto chiede il Partito socialista con la sua iniziativa popolare: nessuna economia domestica dovrebbe spendere più del 10% del reddito disponibile a questo titolo; in caso contrario, Confederazione e Cantoni coprirebbero la differenza. Il Consiglio federale ha elaborato un controprogetto indiretto. Iniziativa e controprogetto sono al vaglio della commissione competente del Consiglio nazionale.

Monitorare i costi

Serve un monitoraggio dei costi sanitari con possibilità di correzione – mediante riduzione delle tariffe l’anno successivo – al quale partecipino fornitori di servizi (medici, ospedali, fisioterapisti ecc.), assicuratori e anche i Cantoni. Lo ha stabilito a fine febbraio il Nazionale. I ‘senatori’ si occuperanno in giugno o in settembre della controversa proposta di modifica dell’articolo 47c della Lamal. La Federazione dei medici svizzeri (Fmh) teme un razionamento delle cure (uno scenario scartato dal ministro della Sanità Alain Berset) e già minaccia di lanciare un referendum. Anche curafutura è contraria.

Freno ai costi

Un vero e proprio freno generalizzato ai costi, di più vasta portata, lo ha previsto il Consiglio federale nel suo controprogetto indiretto all’iniziativa popolare del Centro denominata ‘Per premi più bassi – Freno ai costi nel settore sanitario’. Questa chiede di ‘agganciare’ l’aumento dei costi a carico della Lamal all’evoluzione dell’economia nazionale e dei salari. Il governo propone invece di stabilire ogni anno un tetto massimo dei costi in ogni settore; in caso di sforamento, scatterebbero correttivi (adeguamento delle tariffe ecc.). Lo strumento è inviso a medici, ospedali e assicuratori. La commissione sanitaria del Nazionale sta esaminando entrambe le proposte.

Stop all’ammissione di nuovi medici

Anche i Cantoni possono fare la loro parte. Dall’inizio di questo mese hanno la facoltà di congelare le ammissioni di nuovi medici in diverse specializzazioni del settore ambulatoriale o in determinate regioni. Obiettivo: evitare offerte superflue e frenare i costi della salute. Basilea Città e Campagna – cantoni a forte densità di camici bianchi – hanno già annunciato di voler sfruttare la possibilità offerta dalla modifica della Lamal voluta dal Parlamento. Le autorità contano di dimezzare nell’arco di due anni l’aumento dei costi negli otto ambiti interessati.

Pianificazione ospedaliera

I Cantoni possono agire anche a un altro livello: la pianificazione ospedaliera. Ma qui conflitti d’interesse (i Cantoni sono sia pianificatori che proprietari delle strutture) e campanilismo (ogni cantone o regione vuole il suo ospedale; e ogni ospedale vuole le sue apparecchiature mediche, sempre più performanti) rendono arduo il compito. La pianificazione intercantonale rimane perlopiù una chimera. L’eccezione: i cinque Cantoni della Svizzera orientale che nel febbraio del 2020 hanno firmato una dichiarazione d’intenti per definire una copertura ospedaliera comune negli ambiti delle cure acute, della riabilitazione e della psichiatria. Una prima in Svizzera, il cui scopo è beneficiare di sinergie e frenare così l’aumento dei costi della sanità. Un progetto concreto dovrebbe essere presentato prossimamente. A complicare le cose ci ha pensato il Nazionale: in marzo ha approvato un diritto di ricorso per curafutura e santésuisse contro le decisioni cantonali sulla pianificazione ospedaliera e le liste degli ospedali. Tocca ora al Consiglio degli Stati esprimersi.

Finanziamento uniforme delle cure

Adesso i Cantoni si accollano almeno il 55% dei costi delle cure stazionarie; le casse malati coprono al massimo il restante 45%. Le cure ambulatoriali sono invece interamente a carico della Lamal, vengono cioè finanziate al 100% attraverso i premi. In ragione del crescente spostamento delle cure verso l’ambulatoriale, la quota della spesa sanitaria finanziata dai premi sale. Da qui la necessità di riequilibrare il sistema. L’idea di un finanziamento uniforme (con i Cantoni che verrebbero chiamati a finanziare in parte anche il settore ambulatoriale) circola dal 2009. Ma in Parlamento il cosiddetto ‘Efas’ – destinato nelle intenzioni a eliminare incentivi sbagliati e a ridurre gli oneri per gli assicurati – ha ripreso slancio soltanto una decina d’anni più tardi. Dopo il sì del Nazionale, nel 2019, il dossier è ora all’esame della competente commissione del Consiglio degli Stati.

Dal Tarmed al Tardoc

Curafutura e la Federazione dei medici svizzeri (Fmh) puntano sul cosiddetto Tardoc. In dicembre hanno consegnato al Consiglio federale una nuova versione della struttura tariffaria per le prestazioni mediche ambulatoriali, destinata a sostituire l’obsoleto Tarmed, nel quale numerose prestazioni sono ormai sovrafatturate. L’auspicio dei promotori è che entri in vigore il 1° gennaio 2023. La precedente versione del documento era stata respinta dal governo.

Forfait ambulatoriali

Sempre in dicembre, l’organizzazione mantello degli ospedali H+ e l’altra associazione degli assicuratori malattia, santésuisse, hanno consegnato al Consiglio federale una domanda d’esame in vista dell’introduzione di tariffe forfettarie ambulatoriali. Vorrebbero che queste entrassero in vigore il 1° gennaio 2024. Con il nuovo sistema, la maggioranza delle prestazioni ambulatoriali ospedaliere verrebbe remunerata tramite importi forfettari.

Ridurre il prezzo dei farmaci

Santésuisse stima il potenziale di risparmio complessivo in relazione ai medicamenti in 780 milioni di franchi, pari a una riduzione del 2,3% dei premi o di 85 franchi l’anno per assicurato. Curafutura calcola ad esempio che incoraggiare la vendita di farmaci prodotti mediante biotecnologie consentirebbe di risparmiare 100 milioni all’anno; "diverse centinaia di milioni" all’anno potrebbero invece essere risparmiati agendo sui margini di distribuzione delle farmacie (una nuova tariffa concordata con Pharmasuisse è stata presentata nel 2020 al Consiglio federale).

Ridurre le tariffe dei laboratori

I costi delle analisi di laboratorio in Svizzera sono assai più elevati di quelli praticati in molti altri Paesi europei. La Confederazione li sta analizzando. L’Ufsp ha annunciato che ci saranno tagli in questo settore entro fine anno. Stando ai calcoli di ‘Mister prezzi’, il potenziale di risparmi ammonta a più di 1,5 miliardi di franchi all’anno.

Deduzioni fiscali

Le spese per malattia e infortunio dovrebbero poter essere dedotte integralmente dal reddito imponibile a prescindere dall’aliquota percentuale, sia per l’imposta federale diretta (Ifd) che per le imposte cantonali e comunali. A metà aprile la Commissione economia e tributi del Consiglio nazionale ha approvato due iniziative parlamentari in tal senso di Céline Amaudruz (Udc/Ge). Lo scorso anno il Consiglio federale aveva messo in consultazione un avamprogetto di legge volto ad aumentare le deduzioni concesse in ambito di Ifd per i premi dell’assicurazione malattia obbligatoria e contro gli infortuni. In Ticino, la Lega valuta il lancio di un’iniziativa popolare a livello cantonale per chiedere la deducibilità integrale dei premi di cassa malati dalle imposte.

Limitare l’influenza delle lobby

Assicuratori malattia, ospedali, medici, industria farmaceutica: i principali gruppi di interesse del settore sanitario sono ben rappresentati in Parlamento. Non a caso numerose proposte per limitare l’influenza di parlamentari-lobbisti e lobby tout court sono state affossate negli scorsi anni. Il ‘senatore’ vallesano Beat Rieder (Centro) ha voluto riprovarci. Ma il progetto destinato ad applicare la sua proposta – vietare in linea di massima ai parlamentari l’assunzione di mandati retribuiti aventi un nesso con l’attività di membro di una commissione – avanza a fatica nella competente commissione degli Stati. La Camera dei Cantoni ne discuterà verosimilmente in settembre.

Combattere la medicina inutile

Nel settore sanitario "è l’offerta che crea la domanda", ricordava lo scorso autunno la direttrice di santésuisse Verena Nold. Secondo il Consiglio federale, i trattamenti inappropriati o superflui – dettati anzitutto da un’offerta sovrabbondante – costituirebbero il 20% dei costi della salute. Ma combattere la medicina inutile è più facile a dirsi che a farsi. Tutti i fornitori di prestazioni possono fare la loro parte nel limitare il consumo eccessivo di farmaci, esami e cure mediche. Alcuni medici e farmacisti, ad esempio, lavorano assieme in seno a circoli di qualità che su scala locale contribuiscono a migliorare la qualità delle prescrizioni, riducendo tra l’altro il ricorso ai farmaci più cari a favore dei generici, e limitando al contempo la capacità di penetrazione delle case farmaceutiche negli studi medici, nelle farmacie e negli ospedali. Anche ciascuno di noi, come assicurato, ha una precisa responsabilità. L’Acsi e altre associazioni dei consumatori forniscono preziosi consigli in questo senso.

Cosa non si potrà fare

Non si potrà influire sui principali fattori strutturali che determinano la crescita della spesa sanitaria, ossia la crescita demografica/invecchiamento della popolazione e il progresso della medicina e della tecnologia medica. Probabilmente, non si potrà nemmeno evitare un aumento dei costi della salute – e di conseguenza dell’onere dei premi – a seguito dell’attuazione dell’iniziativa ‘Per cure infermieristiche forti’, approvata alle urne lo scorso novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved