ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
14 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
18 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
1 gior

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
1 gior

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
1 gior

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
Ticino
1 gior

Oggi è il Black Friday ma i radar non fanno sconti

Tutti i flash da evitare fra il 28 novembre e il 4 dicembre: da Blenio alla Leventina, da Bellinzona a Chiasso, da Lugano a Locarno
Luganese
1 gior

Navigazione Lugano, un anno di Green Line

Grazie all’introduzione delle corse della motonave Ceresio 1931 sono state risparmiate oltre 46 tonnellate di anidride carbonica
Bellinzonese
1 gior

Violenza sulle donne: a Cadenazzo foto, documentario e dibattito

Alcune iniziative organizzate dal Municipio insieme alla Pro e all’associazione Victims of Beauty Silence Kills Dignity
Luganese
1 gior

Lugano, accensione dell’albero: appuntamento al 1° dicembre

La tradizionale cerimonia natalizia prenderà avvio alle 17.15 in piazza della Riforma, con il clou – ossia l’accensione vera e propria – alle 18
Mendrisiotto
1 gior

Cooperativa Abitativa Mendrisiotto in assemblea

L’incontro è previsto giovedì 8 dicembre alla Consarc/Galleria di Chiasso. Un’occasione per meglio conoscere attività e meccanismi del sodalizio
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio, dodici giorni di autosili gratuiti

L’iniziativa interessa le strutture comunali di via Zorzi e via Municipio e vuole favorire la clientela di negozi e commerci nel periodo prenatalizio
Mendrisiotto
1 gior

A Mendrisio in arrivo la Festa dell’Albero

L’evento, organizzato dalla locale sezione del Plr, si terrà domenica 11 dicembre dalle 11.30 alle 19 al Mercato coperto
Ticino
1 gior

Transizione energetica: come e quando?

Se ne parlerà in una serata organizzata dal Club Plinio Verda lunedì sera a Lugano. Focus: il passaggio a un sistema basato sulle fonti rinnovabili
Bellinzonese
1 gior

‘Il tentato omicidio regna sui cantieri edili ticinesi’

Presidio di Unia a Bellinzona dov’è morto l’operaio: appello a committenti, associazioni padronali, progettisti, organi di controllo e inquirenti
Locarnese
1 gior

Locarno on Ice, un weekend a tutti giochi (e musica)

Sabato e domenica nel Villaggio allestito in Piazza Grande spazio al mondo ludico della tradizione, ai concerti, al calcio e alle Storie di Ghiaccio
Mendrisiotto
1 gior

Un camion si rovescia sul fianco, ferite non gravi per l’autista

Incidente stamattina intorno alle 10.30 a Castel San Pietro durante una fase di scarico del mezzo. Il conducente è stato estratto con la pinza idraulica
video e foto
Bellinzonese
1 gior

Incappucciato e in bici: ecco lo scassinatore dei bar

Bellinzona, in pochi giorni è penetrato al Piazza, nel vicino Incontro e al pub Hook rubando parecchio denaro
Grigioni
1 gior

Julie Arlin presenta il suo libro a Soazza

‘Perfetta da morire’ mercoledì 30 novembre al Centro culturale di circolo
Locarnese
1 gior

Karate Club Locarno in evidenza a livello svizzero

Ottimi risultati nel Canton Berna per gli atleti guidati dai maestri Rikuta Koga e Melki Toprak
Bellinzonese
1 gior

Plr di Biasca in assemblea per i candidati al Gran Consiglio

Il 30 novembre nel nuovo auditorium. Terraneo si ripresenta, nuova Sabrina Daldini. Con Vitta si discuterà di prospettive per le regioni periferiche
laR
 
28.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:10

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti

aumento-allucinante-diverse-famiglie-si-indebiteranno
Ti-Press
Portafogli sempre più magri

«È una cosa allucinante!», sbotta il capogruppo del Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch. L’aumento dei premi di cassa malati per l’anno prossimo in Ticino sarà del 9,2 per cento. Una media. Il che significa che a dipendenza della cassa cui si è assicurati e della regione (1 o 2) c’è chi pagherà di più, addirittura sopra, ben al di sopra del dodici per cento. «Per le famiglie del ceto medio sarà un disastro e per quelle del ceto medio-basso questo vero e proprio salasso sarà di fatto un invito a indebitarsi – dice alla ‘Regione’ il deputato socialista –. In assenza di un aiuto finanziario immediato da parte dello Stato, temo che ci sarà una crescita consistente dell’indebitamento delle economie domestiche, considerato anche il rincaro non indifferente dei beni primari. A questo punto – aggiunge Durisch – ritengo che sia altamente opportuno riproporre l’istituzione di una cassa malati unica pubblica, lavorando comunque nel contempo sul contenimento della spesa. Di certo, così non si può andare avanti».

‘Nuova pianificazione ospedaliera, accelerarne la presentazione’

Così non si può andare avanti, perché l’aumento dei premi "sta raggiungendo livelli insopportabili per ampie fasce della popolazione", evidenzia a sua volta il Plr. Per il quale occorre agire su più piani. I liberali radicali ticinesi ricordano quindi la loro proposta, formulata di recente "in collaborazione con i gruppi parlamentari di Lega, il Centro e Udc", di introdurre "una deduzione fiscale per premi di cassa malattia di 1’200 franchi per ogni figlio a carico già a partire dall’anno fiscale 2023". Vi è inoltre da "parificare il sistema di pagamento delle cure ambulatoriali a quello applicato per le cure stazionarie, in modo da contenere i costi riversati sui premi". Il Plr chiede inoltre al governo di "accelerare" i tempi per quanto riguarda la nuova pianificazione ospedaliera: "Evitare i doppioni, migliorare efficienza ed efficacia e concentrare le specializzazioni sono aspetti fondamentali. Anche se ciò comporterà per i cittadini dover rinunciare all’accesso a tutte le cure in un raggio di venti minuti d’automobile come oggi. Una situazione che appare sempre meno sostenibile". Non solo. "Serve maggiore responsabilità individuale", scrive ancora il Plr.

L’Acsi: giù il prezzo dei farmaci, anche con più generici

L’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana "si oppone" però "fermamente a un semplice scaricare la responsabilità su chi è malato ed ha bisogno di cure". Secondo l’Acsi "svariate ulteriori misure possono essere messe in atto: alcuni esempi sono la creazione della cartella informatizzata del paziente (che consentirebbe risparmi grazie a un miglior passaggio delle informazioni) o la riduzione del costo dei farmaci, anche attraverso la diffusione dei farmaci generici". Ciò che consentirebbe "risparmi immediati senza intaccare in alcun modo la qualità delle cure".

‘Negli ultimi anni un incremento importante di medici...’

Restiamo al presente. Meglio, all’immediato futuro. A quell’aumento medio, da togliere il sonno, del 9,2 per cento. «A Berna l’atto parlamentare di Marina Carobbio che chiede di aumentare del 30 per cento il contributo federale per i sussidi dei premi di cassa malati, è stato purtroppo bloccato agli Stati, su proposta di un deputato del Centro, e rinviato in commissione – riprende Durisch –. Un aiuto urgente per il 2023, che per il Ticino si traduce, si sarebbe tradotto in quaranta milioni di franchi da erogare alle famiglie». Che fare invece a livello cantonale? «Come ho sostenuto, occorre agire anche sulla spesa, ma in maniera decisa – afferma il capogruppo del Ps –. Bisogna finalmente arrivarne a una con la nuova pianificazione ospedaliera: benché oggi non sia lo stazionario il maggiore responsabile dell’incremento dei costi, quest’ultimi vanno comunque contenuti anche nel suddetto settore, evitando per esempio doppioni quanto a strumenti di diagnosi. Che sono costosi. E poi, dati alla mano, in Ticino negli ultimi anni abbiamo assistito a un incremento importante del numero di medici. Cosa che dovrebbe far riflettere seriamente, visto che in ambito sanitario l’offerta crea la domanda». E i centri medici? «Dipende da come sono gestiti: di sicuro il centro medico non deve essere una Sa con l’unico scopo di fare soltanto utili, prescrivendo analisi a tutto spiano». Rileva Durisch: «C’è comunque un problema di fondo che va risolto: non sappiamo ancora come è strutturata la spesa sanitaria nel cantone. Mi auguro che la nuova commissione parlamentare speciale di controllo sugli istituti ospedalieri e l’Eoc (Ente ospedaliero cantonale, ndr), istituita nel febbraio di quest’anno su mia proposta, favorisca, in collaborazione con il Dipartimento sanità e socialità, l’accesso a questi dati».

‘Un’impennata che non ha alcuna spiegazione plausibile’

Per la Lega dei Ticinesi si tratta dell’"ennesima ingiustificata stangata" di cui prende atto "con sconcerto e rabbia, ma senza sorpresa". Rispetto all’aumento ticinese nettamente superiore a quello nazionale, "non viene fornita alcuna spiegazione plausibile, anche perché non ne esiste nessuna – valuta il movimento di Via Monte Boglia –. Troppo facile nascondersi dietro il solito mantra dell’invecchiamento della popolazione" o "della struttura ospedaliera del cantone". Biasimo poi per il fatto che "nessuna informazione viene inoltre fornita a proposito dell’influenza dei profughi ucraini sugli aumenti del premio di cassa malati", e dito puntato anche contro le riserve degli assicuratori malattia che "rimangono a livelli elevatissimi, ma il Consiglio federale e la maggioranza del Consiglio degli Stati, quest’ultima influenzata da parlamentari che sono contemporaneamente lobbisti degli assicuratori malattia, non ne hanno finora voluto sapere di decretare l’obbligatorietà della restituzione". A fronte di questa situazione, oltre a sostenere la deducibilità dei premi per i figli a carico, la Lega reputa la propria iniziativa popolare per la deducibilità fiscale integrale dei premi "ad oggi l’unico strumento in grado di sostenere i cittadini, e in particolare quelli del ceto medio, nell’affrontare i continui e ingiustificati salassi in campo di assicurazione malattia".

Il Centro/Ppd: uno shock per la classe media in particolare

A giudizio del Centro/Ppd quello annunciato per il Ticino è un aumento "intollerabile". Si tratta di "uno shock per la classe media in particolare e per le famiglie che hanno un reddito medio-basso e che soffrono già da tempo per il costante innalzamento dei premi. A questo si aggiunge la crisi energetica e l’inflazione", rimarca con preoccupazione il partito. Di fronte a una situazione considerata di grande gravità, "la responsabilità della politica è quella di agire subito con misure concrete e incisive: ora più che mai l’iniziativa per un freno ai costi della salute presentata dal Centro a livello nazionale è urgente per frenare in modo durevole l’aumento dei premi di cassa malati". Sul piano cantonale i margini di intervento sono invece ritenuti "purtroppo limitati". Nell’immediato è però "importante agire con misure che, per quanto parzialmente, riducano il peso di questo aumento sulle tasche delle cittadine e dei cittadini". A questo proposito il Centro auspica che il Gran Consiglio adotti già nelle prossime settimane la recente iniziativa elaborata presentata con Plr, Udc e Lega per introdurre anche nel nostro Cantone la deducibilità fiscale dei premi di cassa malati dei bambini, "in modo che già dal 2023 le famiglie con figli a carico possano ottenere una riduzione delle imposte".

‘Davvero preoccupante in un cantone dove i salari sono più bassi’

"Saremo uno dei cantoni con i premi più alti e questo è davvero preoccupante se si considera che il Ticino è anche il cantone dove si guadagna di meno", osservano dal canto loro i Verdi, che ritengono necessari interventi a più livelli: "Nel breve termine lo Stato deve versare maggiori contributi alle persone in difficoltà. Inoltre, pensiamo ci sia un potenziale di risparmio che non comporta una riduzione dei servizi e deve essere sfruttato ora. In particolare, aumentare gli investimenti nella promozione della salute (che avrebbero come conseguenza un notevole risparmio di costi), ridurre in modo significativo i prezzi dei farmaci più costosi, i costi amministrativi degli assicuratori malattia e le retribuzioni eccessive dei quadri superiori, evitare gli interventi inutili e implementare l’Iniziativa sulle cure infermieristiche solo per far qualche esempio". Tra le richieste anche quella di adeguare i margini e la remunerazione dei farmaci così come le tariffe di laboratorio. "Tuttavia – considerano i Verdi –, per risolvere il problema saranno necessarie misure sostanziali quali la concezione di premi di cassa malati più equi che siano legati al reddito e una cassa malati pubblica".

Riserve, gli assicuratori

‘Ma il vero problema sono i costi’

Rispetto al tema delle riserve delle casse malati – riserve a cui secondo il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa (vedi anche pagina 3) si potrebbe attingere maggiormente per calmierare i premi –, Céline Antonini, responsabile per la Svizzera italiana di curafutura (una delle due associazioni, l’altra è santésuisse, che riunisce gli assicuratori malattia) sostiene che sarebbe controproducente abbassarle troppo: «Il consigliere federale Alain Berset stima che le riserve passeranno dai 12 miliardi di inizio 2022 a 9,5 miliardi a fine anno. I motivi vanno dal rimborso agli assicurati, a un aumento dei costi molto più importante del previsto, fino alle evoluzioni sui mercati finanziari. Se scendiamo ulteriormente e andiamo sotto al nuovo minimo legale stabilito a 7,4 miliardi, in futuro bisognerà aumentare i premi per ristabilire tale soglia». Una soglia minima di riserve, precisa Antonini, esiste in ogni settore assicurativo, e serve a far fronte alle possibili fluttuazioni. «9,5 miliardi sembrano tanti – valuta la responsabile di curafutura – ma se consideriamo che la spesa dell’assicurazione di base corrisponde a 36 miliardi, le riserve attuali equivalgono a tre mesi di prestazioni. Il vero problema da risolvere è quello dei costi, che nel 2021 per il Ticino hanno conosciuto un aumento dell’8,4% (prestazioni nette), aumento che prosegue nel 2022». Per contenerli, curafutura sostiene la revisione del tariffario medico (passaggio al Tardoc), il progetto Efas ("finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie", con anche le prime finanziate sia da Cantone che da casse malati) e più incentivi per farmaci generici, riforme che avrebbero un impatto del 5% sui premi. A livello cantonale sono fondamentali la Pianificazione ospedaliera e gli interventi sulla densità dei medici.

Ricorda il portavoce di santésuisse Ivo Giudicetti: «La riduzione dello 0,2% dei premi su scala nazionale per il 2022 è stato il risultato di una forte pressione politica, in particolare da parte dei Cantoni, tra i quali il Ticino che ha voluto assumere il ruolo di pioniere». Santésuisse, continua Giudicetti, «aveva avvertito che l’utilizzo delle riserve per fissare premi non corrispondenti ai costi avrebbe provocato un effetto di recupero negli anni successivi. Ciò che si era già verificato in passato, nel 2001 e nel 2008, quando il Consiglio federale aveva imposto l’uso delle riserve per mantenere i premi al di sotto dell’andamento dei costi sanitari: negli anni successivi, gli assicurati hanno subìto aumenti fino al 9% a causa dell’effetto di recupero e della necessità di ricostituire le riserve. L’effetto di recupero, con un consistente aumento dei premi per il 2023, arriva nel momento meno opportuno, con le famiglie che già stanno soffrendo per l’inflazione in molti altri settori».

Leggi anche:

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved