ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Ebs, tutte le chiavi di una sorprendente elezione

Simpatica, gradita ai contadini, funzionale agli svizzero-tedeschi con gli occhi puntati sul seggio di Alain Berset. L’analisi, col politologo Georg Lutz.
Svizzera
1 ora

Via libera all’abbattimento preventivo del lupo

Il Consiglio nazionale, dopo gli Stati, ha approvato - con 106 voti a 74 e 12 astensioni - una revisione della legge sulla caccia
Svizzera
1 ora

‘Tua figlia ha provocato un incidente’. E pagano 125mila franchi

Torna nel Canton San Gallo la truffa del falso agente: sedicenti funzionari fanno credere ai genitori il coinvolgimento della ragazza
Svizzera
2 ore

La Confederazione rischia di non dormire più sonni tranquilli

Nel Preventivo 2023 attenzione all’etica dello sport, al vino svizzero e alla protezione delle greggi contro il lupo
Svizzera
2 ore

Meno super-ricchi nel mondo, ma non nella Confederazione

Nel 2022 sono stati contati 2’668 miliardari sul pianeta, con un patrimonio totale di 12’706 miliardi di dollari. In testa gli Stati Uniti.
Svizzera
3 ore

La Confederazione a Osaka 2025: stanziati oltre 17 milioni

Il tema dell’evento, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre, sarà “Delineare la società del futuro per le nostre vite”
Svizzera
4 ore

Governo: ‘bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa

La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
4 ore

Gravi molestie e quattro stupri denunciati all’Uni di Losanna

Secondo gli autori dell’inchiesta, la percentuale di responsabili di reati è più alta tra gli insegnanti che tra gli studenti
31.08.2022 - 08:24
Aggiornamento: 18:29

Riforma Avs, favorevoli sempre davanti. Ma cala il consenso

A meno di un mese dalla votazione si riduce lo scarto tra sostenitori e oppositori. Non convince invece l’abolizione dell’imposta preventiva

Ats, a cura di Red.Web
riforma-avs-favorevoli-sempre-davanti-ma-cala-il-consenso
Keystone
Il 25 settembre l’ora della verità

Lo scarto fra sostenitori e oppositori della riforma dell’Avs si sta riducendo. È quanto evidenzia il secondo sondaggio di Tamedia e 20 Minuten sulle votazioni del 25 settembre, secondo cui comunque il sì resta in vantaggio. Per quanto riguarda gli altri temi su cui il popolo dovrà esprimersi, l’abolizione parziale dell’imposta preventiva continua a non convincere, mentre l’esito dell’iniziativa sull’allevamento intensivo appare incerto, con i no però in avanzata.

L’elemento dominante nella formazione dell’opinione sulla riforma dell’Avs è l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne da 64 a 65 anni, contenuto nella modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti. Dal primo sondaggio risalente al 10 agosto il tasso di approvazione è sceso di un punto percentuale al 52% e allo stesso tempo i contrari sono saliti di quattro punti al 47%, si legge nella nuova indagine pubblicata oggi.

Chiaro il divario fra sessi: il 63% delle donne respinge la revisione, il 70% degli uomini la sostiene. A livello regionale, a dire di no sono Romandia (59%) e Ticino (57%), a cui si contrappone la Svizzera tedesca (57% di sì). Globalmente i più scettici sono l’elettorato del campo rosso-verde, chi ha fra 50 e 64 anni e gli abitanti dei centri urbani.

Per quel che concerne la seconda parte della riforma, ovvero il finanziamento supplementare dell’Avs mediante l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto (entrambi gli oggetti devono superare lo scoglio delle urne per considerare riuscita la revisione), i sì hanno lasciato per strada quattro punti, stabilendosi al 54%. Trend inverso per i no, ora saliti di cinque punti al 43%.

Lo schieramento degli oppositori rimane chiaramente in vantaggio riguardo l’abolizione parziale dell’imposta preventiva, malgrado un leggero calo al 49%. I fautori della modifica della relativa legge federale restano quindi distanti nonostante siano ora al 34%. Parecchi aventi diritto sono inoltre ancora indecisi (17%).

Politicamente parlando, appoggio arriva solo da chi vota Plr. Propendono più per il sì gli uomini e gli over 65, per il no i romandi e chi vive in città.

Infine, il quarto e ultimo oggetto in votazione, ossia l’iniziativa contro l’allevamento intensivo raccoglie il 48% di pareri favorevoli e il 49% di contrari. Questi ultimi sembrano avere il vento in poppa, avendo guadagnato sei punti percentuali in poco meno di un mese.

Una differenza fra sessi si osserva anche in questo caso, con le donne convinte (56% di sì) e gli uomini scettici (59% di no). Ad appoggiare il testo sono la sinistra, i Verdi liberali e gli abitanti delle città.

Il sondaggio è stato realizzato il 24 e 25 agosto dall’istituto Leewas su mandato di Tamedia e 20 Minuten. L’indagine ha coinvolto in totale 15’718 persone: 9762 svizzeri tedeschi, 5521 romandi e 435 ticinesi. Il margine di errore è di +/- 1,3 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved