sette-principi-e-una-promessa-ucraina-in-pace-e-democratica
Cassis e Shmyhal durante la Conferenza (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso

Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
4 ore

Due morti in un incidente stradale sul Bernina

Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
19 ore

Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale

Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
19 ore

Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo

Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
21 ore

Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese

I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
21 ore

Engadina, presenza quasi certa di tre orsi

Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
Svizzera
23 ore

Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil

L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
23 ore

L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’

Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
1 gior

Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago

Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
1 gior

‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’

Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
1 gior

Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’

Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
1 gior

Corpo recuperato nelle acque dell’Aare

Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
1 gior

Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%

L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
1 gior

Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici

La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
1 gior

‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’

Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
Svizzera
1 gior

Disoccupazione Seco immutata al 2% a luglio, in Ticino al 2,3%

Rispetto allo scorso anno il calo è però sensibile, con il 28,7% in meno di persone iscritte nelle liste degli Uffici regionali di collocamento (Urc)
Svizzera
2 gior

Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni

Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
Svizzera
2 gior

Batosta in vista sui premi di cassa malati nel 2023

Secondo uno studio di Accenture, per coprire l’aumento dei costi della salute, in Ticino si prevede un balzo in avanti di circa il 10%
Svizzera
2 gior

Con la procedura agevolata centinaia di domande di cambio sesso

Con la riforma entrata in vigore a inizio anno per il cambiamento di sesso nel registro di stato civile non è più necessario passare da un giudice
Svizzera
2 gior

Dopo i problemi iniziali, i bipiano Ffs ora molto affidabili

All’inizio i convogli Alstom-Bombardier, il più grande appalto di sempre delle Ffs, avevano problemi di accessibilità e tecnici, in gran parte risolti
Svizzera
2 gior

Il presidente di ElCom ribadisce: possibili blackout in inverno

Werner Luginbühl, che presiede la Commissione federale dell’energia elettrica, accusa i politici di non aver ‘preso sul serio’ gli avvertimenti
Svizzera
2 gior

Maillard (Uss): disordini sociopolitici senza aumento dei salari

Il presidente dell’Unione sindacale svizzera paventa conseguenze disastrose per il mercato del lavoro e i consumi senza aumenti salariali
diplomazia
05.07.2022 - 21:06

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi

Sette princìpi per settecentocinquanta miliardi di dollari. Perché esistono valori condivisi da cui non si può derogare, ma esiste anche il conto, enorme, salatissimo, che lascia una guerra. A fare il riassunto della Conferenza di Lugano ci ha pensato, senza troppi infingimenti – come solo chi ha le spalle al muro può fare – il premier ucraino Danys Shmyhal, con la frase "recovery is always about business ("La ricostruzione è sempre una questione di affari"). Lo ha detto al fianco del presidente svizzero - e anfitrione - Ignazio Cassis durante l’ultimo atto di una due giorni faticosa passata a cavallo tra ragione e sentimento, cuore e portafoglio.

L’Ucraina vuole la pace, un futuro e - possibilmente - anche un presente. La Conferenza di Lugano ha lasciato dei dubbi, ma ci ha dato una certezza sul percorso che Kiev dovrà intraprendere. Si trova davanti a un bivio: da una parte una strada più breve e accidentata da attraversare di corsa, prima che l’invasore russo si espanda ulteriormente, dall’altra una lenta e infinita salita il cui obiettivo è una democrazia compiuta con vista sull’Europa, non quella della cartina geografica, ma quella politica. Il problema è che non può scegliere, deve percorrere entrambe le strade.

Obiettivi comuni

Nonostante la comunione d’intenti e il grande fair play mostrati sul palco dalla coppia Cassis-Shmyhal, resta evidente nelle parole quali siano le priorità degli uni e degli altri. La sintesi è stata trovata e poi messa nero su bianco con la Dichiarazione di Lugano, divisa in sette punti ampiamente condivisi e condivisibili: partenariato, riforme, trasparenza (responsabilità e stato di diritto), partecipazione democratica, collaborazione a ogni livello, parità di genere (e inclusione sociale), sostenibilità. In pratica i 42 Paesi firmatari del documento hanno chiesto agli ucraini di diventare come loro, se non addirittura meglio. Non è difficile, spulciando nella lista, trovare chi sta ignorando uno o più di questi princìpi. Ma si sa, a dare buoni consigli sono capaci tutti.


La Conferenza stampa conclusiva (Keystone)

Il documento però ora c’è e inizia con una dichiarazione ben precisa in cui viene "condannata l’aggressione militare della Russia", a cui viene esplicitamente chiesto di "ritirare le proprie truppe dal suolo ucraino al più presto". E prosegue "reiterando" il "pieno supporto" alla "sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina". Ci si appella al rispetto del diritto internazionale, si cita il massacro deliberato di civili, ricordando ogni tipo di rischio associato alla guerra: economico, sociale, umanitario.

Cassis, dopo un minuto di silenzio in memoria delle vittime del conflitto, ha parlato di "prima tappa chiave di un lungo percorso", il famoso "calcio d’inizio", metafora sportiva ripetuta a più riprese da tutta la delegazione svizzera per mettere le mani avanti.

Il documento adottato getta le basi per il lavoro che aspetta l’Ucraina nel dopoguerra, assegnando inevitabilmente a Kiev il compito di pilotare la propria rinascita, sebbene con l’appoggio della comunità internazionale. Sempre secondo il documento, la ricostruzione dovrà includere tutti, un "tutti" talmente esteso da comprendere le minoranze locali e gli istituti internazionali, gli Oblast devastati dalla guerra e Stati lontani dall’Ucraina e tra loro. La rinascita passerà attraverso riforme definite "essenziali" (in primis contro la corruzione dilagante) e comprenderà aspetti economici, sociali e ambientali.

Fronte compatto

Cassis ha insistito molto sulla concertazione e sulla "buona volontà" che i Paesi hanno già mostrato e dovranno esibire anche in futuro. Mostrare il fronte compatto, e a guida svizzera, era una degli obiettivi dalla Conferenza ed è stato raggiunto: di tutti gli Stati presenti a Lugano solamente il Vaticano non ha messo la propria firma sul documento finale (a domanda specifica Cassis ha detto candidamente "non so rispondere"). La risposta probabilmente sta nell’equidistanza predicata (non senza critiche) da Papa Francesco. Ma resta un dettaglio. Le organizzazioni internazionali i cui nomi non appaiono non si sono tirate indietro all’ultimo, ma non hanno potuto firmare per ingessature e lentezze burocratiche interne (la Banca Mondiale, ad esempio, prima di dire sì deve chiedere un via libera a tutti i suoi membri).


La sessione di lavoro di ieri (Keystone)

Nel documento il senso dei sette punti cardine è stato ampliato per disegnare il contesto in cui l’Ucraina dovrà muoversi: sia il processo di ricostruzione che le riforme saranno monitorate dall’esterno tramite valutazioni periodiche. Un modo per far tenere a Kiev la barra dritta, ma anche una necessità, visto che il fine ultimo dell’Ucraina, a livello politico, resta l’ingresso nell’Unione europea. Il punto 3, la trasparenza, è stato l’aspetto più sottolineato da Cassis: "Il piano di ricostruzione dovrà essere responsabile nei confronti del popolo ucraino. Lo stato di diritto dovrà essere strutturalmente rafforzato e la corruzione sistemica eradicata. Tutti i fondi stanziati dovranno essere stanziati in maniera equa e trasparente".

Il vademecum sembra avere molta pazienza, e in parte ce l’ha, perché si riferisce a un’Ucraina pacificata, obiettivo ad oggi lontano. La prossima tappa della Conferenza sarà il prossimo anno nel Regno Unito, in cui si cercherà di passare da concetti sacrosanti quanto vaghi a un’applicazione più pratica e diretta. Ma da qualche parte bisogna pure partire.

Il prezzo da pagare

Shmyhal ha fatto eco a Cassis esprimendo la propria gratitudine per gli aiuti promessi e per un documento dal forte significato simbolico. Ma lui ha meno pazienza. Sul palco ha detto che i lavori sarebbero già iniziati "fra quattro ore", facendo riferimento a una tavola rotonda organizzata nel pomeriggio il cui focus erano l’economia e il settore privato. "Tutto quello che è stato distrutto sarà rifatto meglio di prima", ha assicurato il primo ministro ucraino, che ha presentato un piano di ricostruzione monstre, eppure approvato all’unanimità da chi era a Lugano. Il costo per rimettere in piedi il suo Paese si aggira sui 750 miliardi di dollari. E stiamo parlando solo di infrastrutture. Ogni mese di guerra costa all’Ucraina ulteriori 5 miliardi al mese. Ma tutti sanno che prima o poi si tornerà a fare affari e i soldi torneranno, meglio esserci. "Recovery is always about business". Più trasparenza di così.

Shmyhal si è poi spinto oltre, chiedendo per il suo Paese gli asset congelati in giro per il mondo agli oligarchi e alle aziende direttamente collegate con il Cremlino: una cifra enorme eppure difficile da sbloccare e valutata tra i 300 e i 500 miliardi di dollari. "Serve una legge internazionale che una volta per tutte dica che chi invade un Paese senza essere provocato perde quel denaro, che viene messo a disposizione di chi è stato invaso. A livello nazionale il Canada sta lavorando in questo senso". Su questo Cassis ha frenato, ricordando come ogni Paese ha regole interne che non possono essere bypassate. Insomma, serve tempo per quello. E una volontà che molti, Svizzera compresa, forse non hanno.

Continuano Cassis e Shmyhal a dichiararsi d’accordo su tutto, poi parlano e non coincidono i tempi, le velocità d’esecuzione. Alla fine ribadiscono che esiste un’emergenza e una prospettiva di ampio respiro, che possono coesistere. Si sorridono anche quando non si capiscono, fila tutto liscio fino all’ultima domanda di una giornalista che chiede a Cassis di dare un voto alla Conferenza. Lui risponde, secco e seccato: "Questo non è un concorso di bellezza". Sipario.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
conferenza lugano denys shmyhal ignazio cassis pace recovery russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved