stilata-la-dichiarazione-di-lugano-con-sette-principi
Keystone
Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
24 min

Sbanda con l’auto, che si rovescia: donna ferita in modo serio

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
28 min

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
1 ora

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
1 ora

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
2 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
2 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
2 ore

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
2 ore

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
2 ore

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
2 ore

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
3 ore

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
05.07.2022 - 11:10
Aggiornamento: 21:23
Ats, a cura di Red.Web

Stilata la Dichiarazione di Lugano con sette principi

Secondo e ultimo giorno del convegno in riva al Ceresio. Segui il live della conferenza stampa conclusiva

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha presentato oggi i sette principi sanciti nella Dichiarazione di Lugano nel quadro della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Essi riguardano i temi delle riforme, del partenariato, della trasparenza, della partecipazione, dell’uguaglianza, della sostenibilità e dell’impegno di attori nazionali e internazionali.

A Lugano è stato avviato il processo di ricostruzione dell’Ucraina sul piano globale, ha dichiarato Cassis, presentatosi sul palco insieme al primo ministro di Kiev Denys Shmyhal. Il ticinese, dopo un minuto di silenzio in memoria delle vittime del conflitto, ha parlato di "prima tappa chiave di un lungo percorso".

Il documento adottato getta le basi per il lavoro che aspetta il Paese nel dopoguerra, oltre che condannare fermamente l’aggressione militare russa. Nella Dichiarazione di Lugano i partecipanti alla conferenza garantiscono il loro pieno sostegno alla ricostruzione e affermano che valori come integrità, trasparenza (in primis la lotta alla corruzione) e responsabilità saranno essenziali per il successo di tale processo, al quale prenderanno parte sia il settore privato che la società civile.

Kiev piloterà la ripresa, con l’appoggio della comunità internazionale. Sempre secondo il documento, la ricostruzione dovrà includere tutti, anche le minoranze. Inoltra, essa non si limiterà alle infrastrutture e alle istituzioni, ma comprenderà aspetti economici, sociali e ambientali.

Shmyhal ha espresso la propria gratitudine per l’aiuto promesso. Ha inoltre sottolineato che i lavori relativi alla ricostruzione inizieranno fra quattro ore, facendo riferimento a una tavola rotonda economica organizzata nel pomeriggio sempre nella città ticinese. "Tutto quello che è stato distrutto sarà rifatto meglio di prima", ha assicurato il primo ministro.

Il piano di ricostruzione presentato ieri da Shmyhal è stato pure approvato dai partecipanti alla conferenza nella Dichiarazione di Lugano. Tale progetto dovrà essere adattato ai mutamenti della situazione: attualmente Kiev stima i costi necessari in 750 miliardi di dollari.

Conclusa la parte principale

Con la presentazione della Dichiarazione di Lugano si è conclusa la parte principale della conferenza, indica in un comunicato il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae). In totale, alla riunione hanno preso parte 58 delegazioni internazionali. L’evento è stato ospitato dalla Svizzera quale "partner di lunga data dell’Ucraina sul piano politico, economico e culturale".

Nel pomeriggio, come annunciato da Shmyhal, è in agenda un forum economico organizzato dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) insieme agli ucraini, con la presenza dello stesso primo ministro di Kiev, di Cassis e della segretaria di Stato all’economia, Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch. L’obiettivo è valutare in che modo il settore privato potrà contribuire alla riedificazione del Paese.

Come già noto, il secondo vertice incentrato sulla ricostruzione dell’Ucraina verrà organizzato l’anno prossimo dai britannici. La Germania ha dal canto suo manifestato l’intenzione di accogliere un ulteriore evento sul tema nel 2024.

Le dichiarazioni conclusive

Battute finali a Lugano per l’Ukraine Recovery Conference, una due-giorni che ha portato in riva al Ceresio un migliaio di partecipanti e delegazioni da tutto il mondo. Ecco la conferenza stampa conclusiva della conferenza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano russiaucraina ucraina urc 2022
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved