diminuiscono-a-6-3-miliardi-i-beni-confiscati-in-svizzera
Keystone
Erwin Bollinger
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Lotta alla siccità: mano tesa agli argicoltori vodesi

Il Governo locale vara una decina di provvedimenti eccezionali e urgenti. Che avranno la durata di un anno
Svizzera
24 min

Auto finisce nell’Aare. Ma degli occupanti nessuna traccia

La vettura è stata rinvenuta, dopo una segnalazione di incidente, attorno alla mezzanotte a Bannwil. Recuperata con un’autogrù
Svizzera
46 min

Il Consiglio federale sbarca su Instagram

Da ottobre il Governo avrà un account tutto suo. Obiettivo: ammiccare ai giovani tra i 16 e i 35 anni
Svizzera
3 ore

Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore

Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
Svizzera
5 ore

Riforma Ocse: applicazione iniqua per il Ps

Necessario livellare la ripartizione fra Cantoni. Wermuth: ‘Deve adempiere il suo obiettivo iniziale: non incoraggiare la concorrenza’
Svizzera
6 ore

Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona

L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
7 ore

Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30

A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
7 ore

‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’

In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
8 ore

Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten

La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
1 gior

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
1 gior

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
2 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
2 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
2 gior

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
2 gior

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
12.05.2022 - 17:27
Aggiornamento: 20:33
Ats, a cura de laRegione

Diminuiscono a 6,3 miliardi i beni confiscati in Svizzera

Un mese fa il patrimonio congelato in relazione alle sanzioni contro la Russia per l’aggressione dell’Ucraina toccava i 7,5 miliardi di franchi

Attualmente in Svizzera, in relazione alle sanzioni contro la Russia per l’aggressione dell’Ucraina, i patrimoni congelati ammontano a 6,3 miliardi di franchi, 1,2 miliardi in meno rispetto all’inizio di aprile. Quest’evoluzione è dovuta al fatto che fondi bloccati a titolo precauzionale sono stati sbloccati dopo verifiche.

Lo fa sapere il capo del campo di prestazioni Relazioni economiche bilaterali alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) Erwin Bollinger.

Il 7 aprile nella Confederazione erano congelati 7,5 miliardi di franchi. Da allora sono stati segnalati altri 2,2 miliardi. Allo stesso tempo, però, sono stati sbloccati 3,4 miliardi di franchi che erano stati congelati in via precauzionale. Ieri risultavano ancora congelati 6,3 miliardi e undici proprietà, fa sapere l’ambasciatore, sottolineando che le banche si sono dimostrate molto attive agendo precauzionalmente.

Blocco beni solo dopo attenta verifica

Dopo il blocco, in collaborazione con la Seco e le autorità estere, gli istituti di credito conducono "un’analisi approfondita" e decidono definitivamente se confermare la congelazione dei beni o se liberarli. Il mancato scongelamento dei patrimoni, in assenza di ragioni fondate, esporrebbe a procedimenti giuridici, precisa Lukas Regli, vicecapo del settore Sanzioni alla Seco.

Quest’ultima precisa in quali condizioni gli avvocati siano tenuti e quando no ad annunciare patrimoni potenzialmente oggetto delle sanzioni. L’iniziativa è stata presa autonomamente dalla Seco. Né la commissione Helsinki del Congresso e del Governo degli Stati Uniti, che la scorsa settimana ha accusato la Svizzera di negligenza, né attori interni hanno indotto la Segreteria ad agire.

«In linea di principio, gli avvocati hanno il dovere di assicurarsi di non contribuire alla violazione delle disposizioni sanzionatorie», spiega Regli. Non sono tenuti a informare le autorità quando esercitano la rappresentanza di un cliente in giudizio, ad esempio durante un procedimento penale. Devono invece annunciare i patrimoni qualora ad esempio dovessero operare come intermediari finanziari.

La Seco è giunta a questa conclusione consultando esperti dell’amministrazione. La situazione giuridica non è cambiata. Si tratta di un’analisi delle norme applicabili. «Per finire, però, solo un tribunale può decidere se sia il segreto professionale dell’avvocato o la legge sugli embarghi a prevalere», tiene a precisare Bollinger.

La Confederazione ha ricevuto segnalazioni da banche di piccole e grosse dimensioni, ma anche da assicuratori. Bollinger non è stato in grado di fornire informazioni sul numero di avvocati che hanno proceduto ad annunci. Collabora anche l’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini: indaga ad esempio sugli oggetti d’arte appartenenti a persone sanzionate nei depositi franchi doganali, che vengono poi bloccati.

Lunga permanenza dei profughi ucraini

È verosimile che i profughi provenienti dall’Ucraina rimangano in Svizzera più a lungo di quanto inizialmente previsto, non fosse altro che per i tempi necessari alla ricostruzione, afferma dal canto suo Gaby Szöllösy, segretaria generale della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (Cdos). Confederazione e Cantoni devono cominciare a prepararvisi. Si tratta di avviare un "dialogo aperto" sullo statuto di protezione S perché è inevitabile che sorgeranno domande sul finanziamento delle prestazioni statali.

Szöllösy ha sottolineato l’enorme mole di lavoro svolta dai Cantoni. In sei di loro la situazione è difficile per la mancanza di personale specializzato. Dopo una prima fase d’emergenza dove si trattava prima di tutto di fornire un tetto ai rifugiati, ora le autorità sono occupate in particolar modo dall’accompagnamento dei profughi (scolarizzazione dei bambini, corsi di lingua, formazione professionale, prestazioni sociali).

Abusi, casi isolati

In merito al sistema di distribuzione, che deve avvenire proporzionalmente alla popolazione dei cantoni, al momento c’è ancora un po’ di margine di manovra per eccezioni in casi di difficoltà. «Non vogliamo ricollocare persone che hanno già iscritto i loro figli a scuola». Sono possibili deroghe a determinate condizioni, se il Cantone interessato è d’accordo.

La Cdos ritiene che gli abusi, come la percezione di prestazioni dopo aver fatto ritorno in Ucraina, siano pochi. Sono comunque previsti controlli a campione nei cantoni più popolosi, dove il contatto diretto tra autorità e beneficiari dello statuto S sono impossibili.

Diminuisce il numero di profughi in arrivo

Il numero di nuovi rifugiati dall’Ucraina – finora ne sono stati registrati circa 51’000 – è in diminuzione: si contano dai 300 ai 500 arrivi al giorno. Entro l’autunno potrebbero giungere in Svizzera da 80’000 a 120’000 nuovi profughi, fa sapere David Keller, capo dello stato maggiore di crisi presso la Segreteria di Stato della migrazione. Nuove offensive militari russe potrebbero però far rivedere rapidamente queste stime.

Grazie al calo dell’afflusso, è stato possibile ridurre significativamente i tempi di elaborazione delle nuove domande ed è possibile iscriversi da un giorno all’altro. Dei 9’000 posti letto federali, circa la metà è disponibile da quindici giorni, evidenzia Keller.

Secondo Szöllösy attualmente ci sono almeno 7’600 posti disponibili nelle strutture cantonali e comunali. Il numero di posti in alberghi e ostelli ammonta a 38’000, oltre a 720 posti in appartamenti.

Leggi anche:

Profughi, criteri più severi per derogare all’assegnazione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beni confiscati russiaucraina svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved