ex-ceo-di-raiffeisen-pierin-vincenz-condannato-a-3-anni-e-9-mesi
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
15 min

Incidente mortale a Pontresina: la polizia cerca testimoni

Due moto si sono scontrate ieri pomeriggio. Morte tutte le tre persone a bordo.
Svizzera
4 ore

Il sogno della casa propria in campagna non tramonta

Il 90% delle persone che vivono in una zona rurale vorrebbe rimanerci anche in futuro. E quasi il 50% vorrebbe trasferirvicisi
Svizzera
15 ore

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
18 ore

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
21 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
1 gior

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
1 gior

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
1 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
1 gior

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
1 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
Svizzera
1 gior

Moderna fa domanda di estensione per il vaccino contro Omicron

Il vaccino ambivalente contiene mRNA messaggero sia per la proteina spike del ceppo di Wuhan sia per quella delle varianti Omicron
Svizzera
1 gior

Zurigo, studenti alla guida dei tram: rabbia del sindacato

La Vpod: ‘Flessibilità promessa ai giovani ma non ai lavoratori fissi’. L‘azienda: ‘Lo facciamo per sgravare i dipendenti’
Svizzera
1 gior

Lupo, Comm. Ambiente agli Stati è per l’abbattimento preventivo

Le popolazioni di lupi dovranno essere regolate per evitare danni o pericoli futuri. Lo sostiene il progetto approvato per 9 voti a 2
Svizzera
1 gior

Il coltellino svizzero celebra i suoi 125 anni

Il ‘coltello da ufficiale svizzero e sportivo’ è stato registrato da Karl Elsener, svittese fondatore di Victorinox, il 12 giugno del 1897
Svizzera
1 gior

Mussolini dottore honoris causa all’Unil: errore, ma no a revoca

L‘università di Losanna fa ammenda per il titolo concesso al Duce nel 1937, ma invece della revoca propone misure per una ‘politica basata sulla memoria’
13.04.2022 - 08:48
Aggiornamento : 18:34

Ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz condannato a 3 anni e 9 mesi

È stato giudicato responsabile di appropriazione indebita e altri capi d’accusa. Anche il socio in affari Beat Stocker è stato riconosciuto colpevole.

Ats, a cura de laRegione

Il Tribunale distrettuale di Zurigo ha giudicato l’ex capo di Raiffeisen Pierin Vincenz colpevole di diversi capi d’accusa per appropriazione indebita, gestione infedele e ripetuta falsità in documenti. Tuttavia, è stato assolto per altre imputazioni.

Questa pena detentiva sarà eseguita, come indicato nella sentenza di questa mattina. La corte ha pure deciso una pena pecuniaria sospesa di 280 aliquote giornaliere da 3000 franchi e la restituzione di 236mila franchi a Raiffeisen.

Il socio in affari di Vincenz, Beat Stocker, che è stato anche riconosciuto colpevole, ha ricevuto una condanna a quattro anni di prigione, che deve scontare. Come pure una multa di 160 aliquote giornaliere di 3000 franchi sospesa.

Vincenz e Stocker avrebbero investito segretamente in aziende e poi abbiano fatto in modo che queste aziende fossero acquistate da Raiffeisen o dalla società di carte di credito Aduno. In queste transazioni e acquisizioni, i due sono accusati di aver rastrellato profitti illegali per milioni. Vincenz avrebbe inoltre accollato a Raiffeisen più di mezzo milione di franchi di spese per visite in locali a luci rosse e viaggi privati.

Nel corso del processo Vincenz si era detto cosciente del fatto che in vent’anni di carriera presso Raiffeisen può aver commesso errori, ma aveva assicurato di non aver mai fatto niente di proposito per danneggiare la banca per la quale lavorava. Proprio per questo chiedeva l’assoluzione.

Dura critica sulle spese negli strip club

Il tribunale ha duramente criticato il modo in cui sono state contabilizzate le spese di Vincenz. Le numerose visite a strip club e cabaret non erano "nell’interesse di Raiffeisen".

Questo modo di intendere che tutte le uscite andassero contabilizzate come spese va "chiaramente troppo lontano", ha detto il giudice. Ci sono limiti anche alla cura delle relazioni. Per il tribunale distrettuale, questo limite è di 1000 franchi per visita ad un ristorante, non di più. Da qui la condanna per ripetuta amministrazione infedele.

Vincenz ha pure "voltato le spalle alla sua funzione" in occasione di un appuntamento sull’app di incontri Tinder, che ha descritto come un "colloquio per una candidatura", e per la ristrutturazione di una stanza d’albergo messa a soqquadro. Si è quindi reso colpevole anche di ripetuta appropriazione indebita.

Colpa considerevole

Vincenz ha dimostrato un alto grado di energia criminale in merito alle partecipazioni segrete. Nel complesso, la sua colpa è "considerevole". Ha abusato della sua elevata posizione di fiducia. Tuttavia, bisogna dargli credito del fatto che nessun "cittadino comune" è stato danneggiato. Inoltre, Raiffeisen non disponeva di un adeguato meccanismo di controllo interno, ha detto il giudice.

L’ex Ceo è stato assolto su diversi punti perché il pubblico ministero non ha potuto presentare alcuna prova valida, ha detto il giudice. Il procuratore aveva chiesto una pena detentiva di sei anni.

Nel fissare la sanzione, il tribunale ha tenuto conto anche dell’intenso battage mediatico, che ha dato spazio anche ad atti segreti. Per questa ragione ha ridotto la pena detentiva di nove mesi.

Stocker: ricorso non ancora deciso

La corte ha condannato Stocker in parte per gli stessi reati, più precisamente per ripetuta amministrazione infedele, istigazione all’amministrazione infedele, truffa, tentata truffa, corruzione passiva, violazione del segreto commerciale e falsità in documenti.

Stocker oggi ha ribadito la sua innocenza affermando di non essere assolutamente d’accordo con la sentenza. "È probabile che una seconda istanza esaminerà il verdetto", ha detto il suo avvocato Andreas Blattmann a Keystone-ATS. Prima, però, si analizzerà la sentenza.

Dei cinque coimputati che avrebbero aiutato Vincenz e Stocker nelle loro transazioni illegali, tre sono stati condannati a pene pecuniarie sospese. Uno è stato assolto e un caso è stato archiviato a causa delle cattive condizioni di salute dell’imputato.

Ministero pubblico soddisfatto

Il procuratore Marc Jean-Richard-dit-Bressel è piuttosto soddisfatto dalla sentenza. La corte ha emesso un giudizio differenziato e critico. Nei punti essenziali gli argomenti dell’accusa sono stati accolti dal tribunale: la strategia del ministero pubblico in prima istanza si è dunque rivelata corretta.

Non è ancora deciso se farà appello chiedendo un inasprimento della pena. In un primo tempo sarà valutata la sentenza scritta e il comportamento delle altre parti.

Ricorso del gruppo Raiffeisen

Dal canto suo, il gruppo Raiffeisen ha preso atto della sentenza e annunciato un ricorso in via precauzionale. Quale accusatore privato, intende determinare come procedere dopo aver analizzato le ragioni scritte del verdetto.

La banca ha spiegato a Keystone-ATS che, tenendo conto del fatto che il procedimento non è chiuso, non intende rilasciare ulteriori dichiarazioni.

Leggi anche:

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

Pierin Vincenz non si sente colpevole

Pierin Vincenz si difende: ‘Non ho fatto niente di illegale’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved