pierin-vincenz-non-si-sente-colpevole
Keystone
Il 65enne Pierin Vincenz alla sbarra
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
11 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
14 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
15 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
15 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
16 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
17 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
18 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
18 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
20 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
20 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
20 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
25.01.2022 - 19:07
Aggiornamento : 13.04.2022 - 09:21

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio

Ats, a cura de laRegione

Zurigo – Il processo all’ex Ceo di Raiffeisen è entrato nel vivo soltanto nel tardo pomeriggio con la deposizione di Pierin Vincenz. In prima battuta, il Tribunale distrettuale di Zurigo si è occupato delle richieste di sospensione presentate da vari difensori, tutte respinte.

Alla ripresa del dibattimento, il giudice Sebastian Aeppli ha interrogato il 65enne Pierin Vincenz sulla sua situazione attuale e sulle accuse che gli vengono mosse.

L’ex Ceo (dal 1999 al 2015) della cooperativa Raiffeisen Svizzera, la banca che sotto la sua direzione è diventata il terzo istituto di credito del paese, ha detto di percepire una rendita Avs di poco più di 2’000 franchi e di non avere attualmente attività remunerate.

Spese per gli strip club ‘giustificate professionalmente’

Il giudice gli ha ricordato che in base alla dichiarazione dei redditi l’ex banchiere avrebbe 23,5 milioni di franchi di debiti. Vincenz ha ribattuto di non aver più alcun debito con le banche, ma soltanto con privati. Ha inoltre ammesso che il debito con il suo ex consulente e coimputato Beat Stocker ammonta a 6 milioni di franchi.

Nella deposizione si è parlato anche delle spese in vari locali a luci rosse, in totale circa 200’000 franchi, dichiarate come cene di lavoro e pagate da Raiffeisen, dei viaggi privati a Dubai, a New York e in Australia (per 250’000 franchi), come pure di una fattura da 3’800 franchi per la riparazione dell’hotel Hyatt a Zurigo, resasi necessaria dopo una lite con una escort.

Tutte spese giustificate professionalmente, ha affermato Vincenz, che ha invece definito un "disguido" il fatto che la fattura per l’hotel, come pure i 140’000 franchi di spese legali presentate dal suo avvocato per risolvere la questione, siano state pagate da Raiffeisen.

‘Non sento di aver fatto nulla di criminale’

Il procuratore Marc Jean-Richard-dit Brissel si è quindi concentrato sulla parte più consistente delle accuse: ossia le società rilevate da Aduno e da Raiffeisen in cui Vincenz e Stocker detenevano partecipazioni. Il 65enne ha in particolare negato che i soldi ricevuti da Stocker fossero proventi delle transazioni fatte all’oscuro degli altri dirigenti.

Soltanto nel caso della società Commtrain, che risale a 15 anni fa, e attraverso la quale secondo l’accusa i due si sarebbero spartiti un "bottino" privato di 3,6 milioni di franchi, Vincenz ha ammesso di non aver agito di nascosto e "per inesperienza".

In tutti gli altri casi, il 65enne, ha sostenuto che non aveva più una partecipazione al momento delle acquisizioni e che i soldi ricevuti erano prestiti concessigli da Stocker, come ad esempio i 2,9 milioni di franchi da lui utilizzati per acquistare una casa a Morcote, ora in vendita. "Non sento di aver fatto nulla di criminale", ha detto Pierin Vincenz rispondendo a una domanda del giudice.

No al rinvio, quattro giorni di dibattimenti in più

In mattinata l’avvocato Lorenz Erni, difensore di Vincenz, aveva chiesto di sospendere il processo fino a quando un coimputato risultato positivo al Covid potrà essere ascoltato. La sua deposizione è stata posticipata dal tribunale al 9 febbraio. I giudici hanno poi messo in agenda quattro giorni supplementari, in marzo.

Anche il legale del consulente finanziario ed ex Ceo di Aduno Beat Stocker (61 anni) ha chiesto un rinvio, affermando che il suo assistito non ha avuto la possibilità di consultare i voluminosi atti del processo, ma soltanto una parte di essi selezionati dal Ministero pubblico.

Dopo una camera di consiglio di quattro ore, il Tribunale ha però respinto le cosiddette questioni pregiudiziali previste dal Codice di procedura penale.

Pierin Vincenz e Beat Stocker hanno passato 106 giorni in detenzione preventiva fra marzo e giugno del 2018. Devono rispondere di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva.

Per loro, il Ministero pubblico ha intenzione di chiedere una condanna a sei anni da scontare. Secondo l’accusa, Pierin Vincenz avrebbe intascato illecitamente 9 milioni di franchi e Stocker 16 milioni attraverso partecipazioni non dichiarate agli altri dirigenti in società poi rilevate da Raiffeisen e Aduno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pierin vincenz processo raiffeisen zurigo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved