processo-vincenz-un-tour-de-suisse-nei-locali-a-luci-rosse
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
1 ora

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
1 ora

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più.
Svizzera
14 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
17 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
20 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
21 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
22 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
22 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
23 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
26.01.2022 - 18:31
Aggiornamento : 18:47

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen

Il conto spese dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz fa pensare a un “Tour de Suisse nei locali a luci rosse”. Lo ha detto oggi durante la sua requisitoria, in occasione del secondo giorno del processo iniziato ieri, il procuratore pubblico Marc Jean-Richard-dit-Bresse. Il pubblico magistrato ha ribadito che quelle che Vincenz ha dichiarato come “cene di lavoro” erano invece spese private. Insieme all’ex consulente Beat Stocker, Vincenz è accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva. Entrambi respingono le accuse. Secondo il Ministero pubblico, Stocker e Vincenz (che hanno scontato 106 giorni in detenzione preventiva) avrebbero deliberatamente agito per l’acquisizione del fornitore di terminali per i pagamenti senza contanti Commtrain da parte della società di carte di credito Aduno, che controllavano.

Considerata la regolarità con cui il 65enne ha frequentato per anni locali a luci rosse in tutte le regioni della Svizzera, l’accusa ritiene che Vincenz abbia agito per un’inclinazione personale, per soddisfare i “suoi bisogni, il suo benessere e il suo relax”, ha detto il procuratore. Analogo discorso per i viaggi privati conteggiati come spese di lavoro. Il procuratore ha fatto notare che per un viaggio a Londra Vincenz ha annotato sulla sua agenda: “Vacanze, non prendere appuntamenti”. Chiamarlo un “viaggio d’affari” e caricarlo sul conto di Raiffeisen è stato sfacciato e inammissibile, ha aggiunto. Nell’atto d’accusa viene rimproverato a Vincenz di avere accollato a Raiffeisen 200’000 franchi di spese per le serate nei locali a luci rosse, 250’000 franchi per viaggi privati e 140’000 franchi di spese legali.

Il procuratore Marc Jean-Richard-dit-Bressel ha quindi affrontato le accuse più gravi, ossia le partecipazioni non dichiarate in società che avrebbero permesso a Vincenz di intascare 9 milioni di franchi e altri 16 milioni al suo collega in affari ed ex Ceo di Aduno Beat Stocker. Per queste transazioni, la pubblica accusa chiede di condannare entrambi a sei anni di prigione da scontare per le accuse di truffa per mestiere e appropriazione indebita. Il pubblico magistrato ha spiegato che l’impianto accusatorio si basa su una sentenza del Tribunale federale (Tf) relativa alle cosiddette retrocessioni. Queste ultime sono provvigioni che vengono ad esempio versate da una banca a un gestore patrimoniale che ha venduto ai suoi clienti prodotti d’investimento della banca. Il Tf ha stabilito che il gestore patrimoniale ha un dovere di diligenza per quei beni. È quindi obbligato a garantire che il cliente benefici di tutti i vantaggi che gli derivano dalle transazioni. Ed è in altre parole tenuto a versare le retrocessioni al cliente.

Per analogia, il procuratore ritiene che Vincenz e Stocker erano tenuti a ottenere i risultati migliori dalle acquisizioni dei rispettivi datori di lavoro. I vantaggi da loro ottenuti corrispondono perciò al danno subito da Raiffeisen e Aduno.

Prima della requisitoria, il Tribunale distrettuale di Zurigo – che per motivi di spazio è riunito nella sala concerti del Volkshaus – ha chiamato a deporre Beat Stocker e altri tre coimputati. Tutti hanno respinto le accuse. Un quarto coimputato risultato positivo al Covid sarà ascoltato il 9 febbraio, mentre un altro è stato dispensato perché soffre di una malattia neurologica. Oggi si è inoltre appreso che il processo durerà più del previsto: ai cinque giorni inizialmente previsti fra gennaio e febbraio, la corte ha aggiunto altre quattro udienze in marzo.

Leggi anche:

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

Pierin Vincenz non si sente colpevole

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
processo raiffeisen vincenz
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved