ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Una coppia trova una busta con ventimila franchi per strada

I due onesti cittadini hanno rintracciato quindi l’anziano proprietario e gli hanno restituito la busta con l’ingente somma
Svizzera
5 ore

‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga

Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
5 ore

Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali

Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
5 ore

‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’

Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
6 ore

In dogana con un ghepardo imbalsamato

Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
6 ore

Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali

A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
6 ore

Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà

È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
8 ore

Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach

Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
8 ore

Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria

Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
9 ore

I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati

È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
26.01.2022 - 18:31
Aggiornamento: 18:47

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen

processo-vincenz-un-tour-de-suisse-nei-locali-a-luci-rosse
(Keystone)

Il conto spese dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz fa pensare a un “Tour de Suisse nei locali a luci rosse”. Lo ha detto oggi durante la sua requisitoria, in occasione del secondo giorno del processo iniziato ieri, il procuratore pubblico Marc Jean-Richard-dit-Bresse. Il pubblico magistrato ha ribadito che quelle che Vincenz ha dichiarato come “cene di lavoro” erano invece spese private. Insieme all’ex consulente Beat Stocker, Vincenz è accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva. Entrambi respingono le accuse. Secondo il Ministero pubblico, Stocker e Vincenz (che hanno scontato 106 giorni in detenzione preventiva) avrebbero deliberatamente agito per l’acquisizione del fornitore di terminali per i pagamenti senza contanti Commtrain da parte della società di carte di credito Aduno, che controllavano.

Considerata la regolarità con cui il 65enne ha frequentato per anni locali a luci rosse in tutte le regioni della Svizzera, l’accusa ritiene che Vincenz abbia agito per un’inclinazione personale, per soddisfare i “suoi bisogni, il suo benessere e il suo relax”, ha detto il procuratore. Analogo discorso per i viaggi privati conteggiati come spese di lavoro. Il procuratore ha fatto notare che per un viaggio a Londra Vincenz ha annotato sulla sua agenda: “Vacanze, non prendere appuntamenti”. Chiamarlo un “viaggio d’affari” e caricarlo sul conto di Raiffeisen è stato sfacciato e inammissibile, ha aggiunto. Nell’atto d’accusa viene rimproverato a Vincenz di avere accollato a Raiffeisen 200’000 franchi di spese per le serate nei locali a luci rosse, 250’000 franchi per viaggi privati e 140’000 franchi di spese legali.

Il procuratore Marc Jean-Richard-dit-Bressel ha quindi affrontato le accuse più gravi, ossia le partecipazioni non dichiarate in società che avrebbero permesso a Vincenz di intascare 9 milioni di franchi e altri 16 milioni al suo collega in affari ed ex Ceo di Aduno Beat Stocker. Per queste transazioni, la pubblica accusa chiede di condannare entrambi a sei anni di prigione da scontare per le accuse di truffa per mestiere e appropriazione indebita. Il pubblico magistrato ha spiegato che l’impianto accusatorio si basa su una sentenza del Tribunale federale (Tf) relativa alle cosiddette retrocessioni. Queste ultime sono provvigioni che vengono ad esempio versate da una banca a un gestore patrimoniale che ha venduto ai suoi clienti prodotti d’investimento della banca. Il Tf ha stabilito che il gestore patrimoniale ha un dovere di diligenza per quei beni. È quindi obbligato a garantire che il cliente benefici di tutti i vantaggi che gli derivano dalle transazioni. Ed è in altre parole tenuto a versare le retrocessioni al cliente.

Per analogia, il procuratore ritiene che Vincenz e Stocker erano tenuti a ottenere i risultati migliori dalle acquisizioni dei rispettivi datori di lavoro. I vantaggi da loro ottenuti corrispondono perciò al danno subito da Raiffeisen e Aduno.

Prima della requisitoria, il Tribunale distrettuale di Zurigo – che per motivi di spazio è riunito nella sala concerti del Volkshaus – ha chiamato a deporre Beat Stocker e altri tre coimputati. Tutti hanno respinto le accuse. Un quarto coimputato risultato positivo al Covid sarà ascoltato il 9 febbraio, mentre un altro è stato dispensato perché soffre di una malattia neurologica. Oggi si è inoltre appreso che il processo durerà più del previsto: ai cinque giorni inizialmente previsti fra gennaio e febbraio, la corte ha aggiunto altre quattro udienze in marzo.

Leggi anche:

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

Pierin Vincenz non si sente colpevole

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved