ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
2 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
Economia
3 sett

Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione

Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett

Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo

La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
3 sett

Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso

La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
28.02.2018 - 11:30
Aggiornamento: 13.04.2022 - 09:08

Indagato Pierin Vincenz, Raiffeisen parte civile

La procura zurighese ha aperto un procedimento a carico dell’ex Ceo per conflitti di interesse e amministrazione infedele

a cura de laRegione
indagato-pierin-vincenz-raiffeisen-parte-civile

Nel recente passato aveva espresso una sua certa insofferenza per il lavoro "controllato" dalla Finma, il suo spirito aziendale si sentiva "troppo limitato". Adesso l’ex numero uno di Raiffeisen Pierin Vincenz si trova a essere indagato proprio per la sua attività di manager: la procura zurighese ha annunciato l’apertura di un procedimento penale per possibili conflitti di interesse durante il suo mandato alla testa del consiglio di amministrazione (Cda) di Aduno, gruppo zurighese attivo nel settore dei pagamenti senza contanti, dei crediti privati e del leasing.

Il reato ipotizzato è di amministrazione infedele, ha indicato oggi il ministero pubblico zurighese. Gli inquirenti si sono mossi dopo una denuncia presentata a metà dicembre 2017 dalla stessa società Aduno contro il suo ex presidente e contro un altro ex membro del Cda. Oltre a questi due manager il procedimento interessa anche tre ulteriori persone vicine professionalmente ai due dirigenti.

Basandosi anche sugli accertamenti effettuati dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) gli specialisti zurighesi intendono chiarire se vi siano stati conflitti d’interesse di rilevanza penale. Nell’ambito delle indagini ieri sono state condotte diverse perquisizioni al domicilio e negli uffici degli indagati. È stato sequestrato un notevole volume di documenti. Sono inoltre già iniziati gli interrogatori, che stanno proseguendo. Tenuto conto del procedimento in corso, il ministero pubblico non dà altre informazioni.

Intanto, informata del procedimento sul suo ex Ceo, Raiffeisen ha reso noto in un comunicato che su richiesta della Direzione si è costituita parte civile: "In presenza del sospetto di amministrazione infedele e degli indizi del Pubblico ministero, che a noi risultano nuovi, Raiffeisen è motivata a esigere un chiarimento giuridico di tutti gli eventi nel passato(...) Raiffeisen contribuisce in tal modo al completo chiarimento di tutti i processi. Raiffeisen si riserva inoltre il diritto di intraprendere qualsiasi ulteriore atto giuridico".

Aduno appartiene al 100% a istituti finanziari elvetici quali le banche cantonali, Raiffeisen, Banca Cler e Banca Migros. Vincenz ne era stato il presidente dalla sua fondazione nel 1999 e fino al giugno 2017. Raiffeisen è il maggior azionista con una quota del 25,5%. Secondo informazioni di stampa al centro della vicenda vi sono possibili conflitti d’interesse nell’acquisizione di partecipazioni in altre società.

Negli stessi ambiti avevano peraltro fatto discutere anche le mosse di Raiffeisen quando Vincenz era Ceo, fra il 1999 e il 2015. La Finma aveva aperto un’indagine, che era però stata archiviata nell’ottobre scorso dopo che Vincenz aveva abbandonato ogni carica. Il procedimento riguardava la questione dell’irreprensibilità che deve essere garantita in ogni momento dai soggetti che ricoprono posizioni dirigenziali chiave in un istituto sottoposto a vigilanza.

Dal 2015 Vincenz era passato alla presidenza di Helvetia, che ha però lasciato con effetto immediato in dicembre. Nello stesso mese aveva rilasciato un’intervista in cui diceva di non sentirsi un banchiere decaduto e di avere la coscienza a posto. Aveva inoltre fatto sapere di non volere più essere attivo in comparti sotto il controllo della Finma: "Quale uomo con spirito aziendale mi sento troppo limitato", aveva detto.

© Regiopress, All rights reserved