i-cantoni-spingono-per-le-riaperture-si-frena-sulle-mascherine
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min

Il sogno della casa propria in campagna non tramonta

Il 90% delle persone che vivono in una zona rurale vorrebbe rimanerci anche in futuro. E quasi il 50% vorrebbe trasferirvicisi
Svizzera
11 ore

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
14 ore

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
18 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
20 ore

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
21 ore

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
1 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
1 gior

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
1 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
09.02.2022 - 09:51
Aggiornamento : 18:22

I Cantoni spingono per le riaperture, si frena sulle mascherine

Diversi esecutivi cantonali hanno risposto alla consultazione indetta da Berna: la tendenza è per una rapida e ampia revoca delle misure

Le misure restrittive ancora in vigore per lottare contro il coronavirus vanno revocate tutte in volta sola. È l’opinione della maggioranza dei Cantoni che si è espressa per un rapido ritorno alla normalità. Le posizioni divergono invece sull’obbligo della mascherina nei mezzi pubblici, nei negozi e negli ospedali.

Oggi termina la consultazione avviata una settimana fa dal Consiglio federale in merito all’abrogazione delle misure anti-Covid-19. Due sono le varianti, revoca in una sola volta o a tappe a seconda dell’evoluzione della situazione epidemiologica.

I piccoli Cantoni della Svizzera centrale (ZG, SZ, UR, NW, OW, GL) hanno fretta: il Consiglio di Stato glaronese, ad esempio, ritiene che un’abolizione graduale sarebbe troppo complicata e difficile da capire per la popolazione.

La maggior parte degli altri Cantoni è più prudente. La prima variante, abrogazione in un sol colpo, rimane comunque la preferita, “ma a condizione che il numero di casi e di ricoveri ospedalieri continui a diminuire entro metà febbraio”, affermano le autorità vallesane. Nel caso contrario, la revoca delle misure dovrebbe avvenire a tappe.

Tutti i Cantoni evocano l’evoluzione attuale dell’epidemia. Vaud osserva che la situazione sta passando da una situazione pandemica a una endemica. Argovia ritiene che “con un’immunità della popolazione del 90%, che sarà ancora più elevata tra due settimane, è giunto il momento di revocare la maggior parte delle misure restrittive”.

Fanno eccezione il Giura e Basilea Città. “Una revoca di tutte le misure sarebbe una decisione troppo rischiosa in questo momento, dato il carico ancora elevato negli ospedali”, affermano le autorità basilesi. Non sono inoltre ancora noti gli effetti dei primi allentamenti concernenti telelavoro e quarantene. Il Giura chiede di posticipare di una settimana l’abolizione delle restrizioni e auspica che i Cantoni possano avere la possibilità di adottare misure aggiuntive se necessario.

I Cantoni sono invece divisi per quel che concerne l’obbligo di indossare la mascherina. Giura, Vallese e Berna, solo per citarne alcuni, vogliono che questo venga mantenuto nei trasporti pubblici, nelle strutture sanitarie e nei negozi.

La mascherina ha un impatto positivo sull’intera situazione sanitaria, non solo sull’epidemia di coronavirus, indicano le autorità vallesane. Un parere simile lo esprimono le autorità ticinesi: questa misura, “ormai entrata nell’uso corrente”, è considerata per Bellinzona “utile per contenere i nuovi contagi, poco limitativa delle libertà personali e priva di ripercussioni per le attività economiche, sociali e culturali”. Da parte sua, Berna ritiene che l’obbligo debba essere prolungato fino a metà marzo, a condizione che la situazione epidemiologica non cambi.

Gli altri Cantoni svizzero-tedeschi sono invece per lo più favorevoli a trasformare l’obbligo in una semplice raccomandazione o a lasciare questo aspetto alla discrezione dei singoli Cantoni. Alcuni sono favorevoli a imporre la mascherina solo al settore sanitario, altri solo ai trasporti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna coronavirus svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved