03.02.2022 - 17:52
Aggiornamento: 18:11

Non ci sarà la ‘fase 2’ della campagna per il richiamo vaccinale

L‘Ufsp ammette che, a causa della diffusione di Omicron, il nuovo appello alla popolazione ‘non sarebbe stato efficace nella forma prevista’

Ats, a cura de laRegione
non-ci-sara-la-fase-2-della-campagna-per-il-richiamo-vaccinale
Keystone

Non ci sarà nessuna “fase 2” nella campagna delle autorità sanitarie per convincere la popolazione a fare il “booster”: è quanto ha ammesso l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), citando come motivo la rapida diffusione della variante Omicron.

La prima fase della campagna, iniziata lo scorso 19 gennaio, terminerà alla fine di questa settimana: in sostanza si trattava di un video esplicativo sul sito dell’Ufsp – con versioni più brevi anche in lingua straniera – per promuovere la vaccinazione di richiamo. Alcuni estratti sono stati poi pubblicati su vari social media.

La seconda fase di questa campagna, prevista all’inizio, è stata invece “prematuramente seppellita", scrive oggi il Blick sul suo portale. “A causa di Omicron e della sua diffusione molto rapida, siamo stati costretti a fare degli aggiustamenti in un tempo ancora più breve e in modo più flessibile”, si giustifica l’Ufsp, confermando la notizia all’agenzia Keystone-ATS.

A loro avviso, questo nuovo appello alla popolazione “non sarebbe stato efficace nella forma prevista”. Di motivi concreti, tuttavia, non ne vengono citati anche perché già nella prima fase della campagna – lanciata solo poche settimane fa – la variante Omicron era già ampiamente diffusa in Svizzera.

Secondo le cifre snocciolate dal Blick, che cita l’Ufsp, la campagna è stata sviluppata e realizzata insieme all’agenzia Rod per un costo pari a 200’000 franchi.

Stando ai dati resi noti oggi, in totale il 68,35% degli svizzeri ha già ricevuto due dosi di vaccino. Fra la popolazione oltre i dodici anni, la quota sale al 77,73%. Per quanto riguarda il cosiddetto booster, solo il 39,83% della popolazione ha ricevuto la dose di richiamo. Una quota che tuttavia raggiunge il 74,57% fra persone oltre i 65 anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved