andreas-cerny-misure-tardive-ma-corrette
Ti-Press
Il dottor Andreas Cerny, dell’Epatocentro della Clinina Luganese Moncucco
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
8 ore

Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs

Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
10 ore

Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri

Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
12 ore

Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza

L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
Svizzera
16 ore

Nell’arco alpino inevitabile un aumento delle temperature

L’incremento sarà compreso tra 0,5 e 1,5 gradi nei prossimi 20-30 anni. Previste meno piogge in estate, ma di più nelle altre stagioni
Svizzera
16 ore

Bambino scomparso amante dell’autopostale ritrovato su un bus

Il piccolo di sette anni è montato in sella alla sua bicicletta per raggiungere la stazione di Sion dove è salito sul mezzo
Svizzera
1 gior

Migros richiama due prodotti di sushi. Contengono latte.

Si tratta del Rice sandwich salmone e del Sushi wrap salmone affumicato
Svizzera
1 gior

Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà

Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
1 gior

Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux

Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
1 gior

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
17.12.2021 - 19:50

Andreas Cerny: ‘Misure tardive, ma corrette’

Lo specialista di malattie infettive della Clinica Moncucco saluta positivamente il richiamo solo dopo quattro mesi

Il dottor Andreas Cerny è direttore dell’Epatocentro presso la Clinica Luganese Moncucco e specialista in malattie infettive. A lui abbiamo chiesto se le misure annunciate dal Consiglio federale siano adeguate all’attuale situazione epidemiologica.

Si poteva fare di più visto che sta per arrivare la variante Omicron?

In Svizzera è ancora prevalente la variante Delta del virus Sars-CoV-2. Una variante che è arrivata dal Nord Europa alla fine della scorsa estate e che ha colpito prevalentemente i Paesi dell’Est e poi Germania e Austria, per manifestarsi in modo massiccio anche in Svizzera. Segnali di una diffusione aumentata rispetto a qualche settimana fa ci sono anche in Italia, Francia e in Spagna. In questi giorni stiamo assistendo a un leggero appiattimento della curva dei contagi, che lo ricordo hanno incominciato prima a manifestarsi nei giovani sotto i 19 anni e poi tra la popolazione più adulta non vaccinata che ora sta riempiendo nuovamente gli ospedali. In alcuni cantoni la situazione è più critica rispetto al Ticino tanto che ci sono 300 persone in cure intense a livello nazionale. Ora vediamo anche che i ricoveri riguardano sempre di più persone vaccinate con una o due dosi. Omicron non è ancora rilevante per la casistica. Per questo penso che le misure prese dal Consiglio federale – tardive per la variante Delta – vadano però bene per frenare l’arrivo di Omicron che invece nei Paesi dove non si sono prese misure incisive (Gran Bretagna e Danimarca) sta avanzando velocemente. I ritardi però costeranno delle vite umane. La quinta ondata era prevedibile e la letteratura scientifica è chiara.

Il messaggio del governo è chiaro: la strada di uscita è la vaccinazione tanto è vero che il tempo tra la seconda dose e il booster è stato ridotto a quattro mesi.

Abbiamo capito che Omicron si diffonde in una popolazione che ha già tanto virus e che ha poche restrizioni come è stato in Danimarca e in Gran Bretagna. Se tocca una popolazione che ha già delle restrizioni impostate e che ha relativamente poco virus in circolazione probabilmente la riproduzione non sarà super veloce. Abbiamo tempo fino al 24 gennaio per valutare questa dinamica. Fino a oggi abbiamo capito che c’è una certa stagionalità del Sars-CoV-2. Che la protezione dei vaccini m-Rna tendesse a diminuire dopo quattro mesi, gli esperti lo avevano capito dai casi di Israele e Qatar. In questi Paesi si è vaccinato massicciamente nei primi mesi di quest’anno e a giugno-luglio si sono manifestati altri casi di infezione tra i vaccinati. La stessa cosa l’abbiamo osservata anche in Svizzera. Quindi è corretto aver abbassato questo termine a quattro mesi.

Dobbiamo quindi abituarci all’idea di vaccinazioni ripetute nel tempo per contrastare nuove varianti? Un po’ come succede per l’influenza stagionale.

Non conosciamo ancora a fondo questo virus e non sappiamo se Omicron sarà più virulento ovvero più ‘cattivo’ di altre varianti. Questo ce lo dirà il tempo. Avremo sicuramente indicazioni in più tra quattro-sei settimane. Nel Sars-CoV-2 entrano in gioco 29 proteine, non solo la famosa spike, e ancora non sappiamo quali siano le mutazioni responsabili di un decorso di una malattia più grave. Per tornare al vaccino, è molto probabile che tre dosi o più proteggano meglio. Nel caso di Omicron, se dovesse confermarsi più virulento, verrà probabilmente preparato un vaccino m-Rna che tenga conto anche del sequenziamento genetico di quest’ultimo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid pass vaccino anti covid variante
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved