ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
2 ore

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
2 ore

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
3 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
3 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
4 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
5 ore

Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset

È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
7 ore

Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’

La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
8 ore

Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme

Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
8 ore

I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione

Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
17.12.2021 - 19:50

Andreas Cerny: ‘Misure tardive, ma corrette’

Lo specialista di malattie infettive della Clinica Moncucco saluta positivamente il richiamo solo dopo quattro mesi

di Generoso Chiaradonna
andreas-cerny-misure-tardive-ma-corrette
Ti-Press
Il dottor Andreas Cerny, dell’Epatocentro della Clinina Luganese Moncucco

Il dottor Andreas Cerny è direttore dell’Epatocentro presso la Clinica Luganese Moncucco e specialista in malattie infettive. A lui abbiamo chiesto se le misure annunciate dal Consiglio federale siano adeguate all’attuale situazione epidemiologica.

Si poteva fare di più visto che sta per arrivare la variante Omicron?

In Svizzera è ancora prevalente la variante Delta del virus Sars-CoV-2. Una variante che è arrivata dal Nord Europa alla fine della scorsa estate e che ha colpito prevalentemente i Paesi dell’Est e poi Germania e Austria, per manifestarsi in modo massiccio anche in Svizzera. Segnali di una diffusione aumentata rispetto a qualche settimana fa ci sono anche in Italia, Francia e in Spagna. In questi giorni stiamo assistendo a un leggero appiattimento della curva dei contagi, che lo ricordo hanno incominciato prima a manifestarsi nei giovani sotto i 19 anni e poi tra la popolazione più adulta non vaccinata che ora sta riempiendo nuovamente gli ospedali. In alcuni cantoni la situazione è più critica rispetto al Ticino tanto che ci sono 300 persone in cure intense a livello nazionale. Ora vediamo anche che i ricoveri riguardano sempre di più persone vaccinate con una o due dosi. Omicron non è ancora rilevante per la casistica. Per questo penso che le misure prese dal Consiglio federale – tardive per la variante Delta – vadano però bene per frenare l’arrivo di Omicron che invece nei Paesi dove non si sono prese misure incisive (Gran Bretagna e Danimarca) sta avanzando velocemente. I ritardi però costeranno delle vite umane. La quinta ondata era prevedibile e la letteratura scientifica è chiara.

Il messaggio del governo è chiaro: la strada di uscita è la vaccinazione tanto è vero che il tempo tra la seconda dose e il booster è stato ridotto a quattro mesi.

Abbiamo capito che Omicron si diffonde in una popolazione che ha già tanto virus e che ha poche restrizioni come è stato in Danimarca e in Gran Bretagna. Se tocca una popolazione che ha già delle restrizioni impostate e che ha relativamente poco virus in circolazione probabilmente la riproduzione non sarà super veloce. Abbiamo tempo fino al 24 gennaio per valutare questa dinamica. Fino a oggi abbiamo capito che c’è una certa stagionalità del Sars-CoV-2. Che la protezione dei vaccini m-Rna tendesse a diminuire dopo quattro mesi, gli esperti lo avevano capito dai casi di Israele e Qatar. In questi Paesi si è vaccinato massicciamente nei primi mesi di quest’anno e a giugno-luglio si sono manifestati altri casi di infezione tra i vaccinati. La stessa cosa l’abbiamo osservata anche in Svizzera. Quindi è corretto aver abbassato questo termine a quattro mesi.

Dobbiamo quindi abituarci all’idea di vaccinazioni ripetute nel tempo per contrastare nuove varianti? Un po’ come succede per l’influenza stagionale.

Non conosciamo ancora a fondo questo virus e non sappiamo se Omicron sarà più virulento ovvero più ‘cattivo’ di altre varianti. Questo ce lo dirà il tempo. Avremo sicuramente indicazioni in più tra quattro-sei settimane. Nel Sars-CoV-2 entrano in gioco 29 proteine, non solo la famosa spike, e ancora non sappiamo quali siano le mutazioni responsabili di un decorso di una malattia più grave. Per tornare al vaccino, è molto probabile che tre dosi o più proteggano meglio. Nel caso di Omicron, se dovesse confermarsi più virulento, verrà probabilmente preparato un vaccino m-Rna che tenga conto anche del sequenziamento genetico di quest’ultimo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved