allentamenti-troppo-presto-possibili-100-000-casi-al-giorno
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux

Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
1 ora

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
2 ore

Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs

‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
2 ore

C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero

Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
2 ore

In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva

Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
2 ore

Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico

Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
3 ore

Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera

Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
3 ore

I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea

Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
Svizzera
4 ore

Adolescente accoltella mortalmente la madre

Dramma familiare a Sierre. I fatti risalgono alla notte su lunedì; il ragazzo, un 14enne, si trova ora in detenzione preventiva
Svizzera
4 ore

Aumentano i fallimenti in Svizzera. Ma non in Ticino

Nei primi quattro mesi dell’anno 1’448 aziende hanno dovuto chiudere per insolvenza (+15% rispetto al 2021), 85 a sud del Gottardo (-10%)
Svizzera
5 ore

Convivenza lupo-pecore: così proprio non va

Per l’Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori ‘non esiste una protezione delle greggi che funziona’
Svizzera
6 ore

Api, colonie decimate durante l’inverno in Svizzera

Il 21% non è sopravvissuto alla stagione fredda: la perdita più elevata degli ultimi dieci anni
25.01.2022 - 15:03
Aggiornamento : 15:58

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione

Ats, a cura de laRegione

È ancora troppo presto per allentare le misure restrittive, alla luce della forte diffusione del coronavirus, in particolare della variante Omicron, fra la popolazione. Lo ha dichiarato oggi davanti ai media, durante la consueta conferenza stampa settimanale per fare il punto della situazione, Patrick Mathys dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp).

Mathys ha specificato che il virus si sta diffondendo velocemente fra la gente, con centinaia di migliaia di persone infettate ogni settimana: tuttavia, il picco non è ancora stato raggiunto. Quanto ai ricoveri, le persone colpite dalla variante Omicron raramente hanno bisogno di cure intense, diversamente da quanto accade per la Delta. È quest’ultima variante, ormai quasi soppiantata da Omicron, che causa i maggiori problemi di salute, ha spiegato l’esperto dell’Ufsp.

Quanto a incidenza, la Svizzera rimane tra i paesi dove il virus circola maggiormente, con tuttavia differenze regionali anche importanti. In Ticino, il numero di casi sembra in leggera diminuzione rispetto al resto del paese, ha spiegato Urs Karrer, vicepresidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale.

Stando a Mathys, nonostante la forte incidenza, il numero di ricoveri rimane stabile, come anche dei decessi, questi ultimi a un basso livello. Tuttavia, a causa del numero importante di casi, non si può nemmeno escludere un incremento delle persone che necessitano di cure ospedaliere.

Per Karrer, il fatto che tra le categorie d’età più elevate si registri un calo dei ricoveri e dei decessi può essere dovuto all’effetto positivo della vaccinazione, specie di quella di richiamo, che ha spezzato le catene di trasmissione del virus, in particolare nelle case di riposo.

Prematuro revocare misure

A detta di Mathys, a causa della predominanza di Omicron è ancora difficile prevedere se si giungerà a un sovraccarico degli ospedali. Per questo la prudenza è d’obbligo e la revoca delle misure di protezione prematura. Bisogna insomma ancora fare uno sforzo, rispettando i provvedimenti igienici e facendosi immunizzare.

Stando a Mathys, non è possibile pensare che il coronavirus scompaia d’incanto dopo Omicron. Non sappiamo che cosa verrà dopo, se ci saranno altre varianti. Ciò che sappiamo, ha spiegato, è che la vaccinazione protegge anche da altre mutazioni. Per questo il siero rappresenta un investimento a lungo termine “se dobbiamo convivere col Covid”.

Circa la riduzione della quarantena e dell’isolamento a cinque giorni, Karrer ha detto che la decisione del Consiglio federale è giustificata, ma che c’è il rischio che la trasmissione del virus possa avvenire anche dopo i cinque giorni. “Questo rischio può essere ridotto se si seguono misure protettive per altri cinque giorni”, ha spiegato. Rimanere in isolamento se si hanno i sintomi, avere meno contatti possibili e se ve ne sono, indossare una mascherina, ed evitare di frequentare luoghi come ospedali.

Omicron, sottovariante non preoccupa

In merito alla sottovariante di Omicron, Karrer ha sottolineato che quest’ultima è stata rilevata dieci volte finora in Svizzera. Ci sono indicazioni che questo ceppo si stia diffondendo ancora più velocemente di Omicron, ha aggiunto, specificando però che non ci indizi che tale variante sfoci in un decorso più grave della malattia.

“Si sospetta che l’immunità protegga anche dalla sottovariante”, ha affermato il vicepresidente della Task Force. Per questo, chi non ha ancora ricevuto una dose di vaccino negli ultimi quattro mesi dovrebbe farlo ora.

Bambini, decorsi non gravi

Ci sono anche casi di ricoveri di bambini, ma i decorsi non sono gravi, ha affermato Mathys. Al momento, i progressi nelle vaccinazioni per i più piccoli non solo tali da poter essere epidemiologicamente efficaci, ha aggiunto dal canto suo Karrer. I tassi di infezione tra i bambini piccoli sono relativamente alti perché la loro immunità è ancora molto bassa.

Karrer ha anche sottolineato che la situazione nelle scuole e in altre strutture di assistenza è abbastanza complicata. Tuttavia, la situazione non cambierà semplicemente col calo delle infezioni. A suo parere, la tenuta delle lezioni sarebbe senz’altro più facile se i bambini non fossero costantemente infettati. Per questo ha ancora senso vaccinare i bambini.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved