ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
17 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
17 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
19 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
20 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
22 ore

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
1 gior

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
1 gior

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
25.01.2022 - 15:03
Aggiornamento: 15:58

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione

Ats, a cura de laRegione
allentamenti-troppo-presto-possibili-100-000-casi-al-giorno
Keystone

È ancora troppo presto per allentare le misure restrittive, alla luce della forte diffusione del coronavirus, in particolare della variante Omicron, fra la popolazione. Lo ha dichiarato oggi davanti ai media, durante la consueta conferenza stampa settimanale per fare il punto della situazione, Patrick Mathys dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp).

Mathys ha specificato che il virus si sta diffondendo velocemente fra la gente, con centinaia di migliaia di persone infettate ogni settimana: tuttavia, il picco non è ancora stato raggiunto. Quanto ai ricoveri, le persone colpite dalla variante Omicron raramente hanno bisogno di cure intense, diversamente da quanto accade per la Delta. È quest’ultima variante, ormai quasi soppiantata da Omicron, che causa i maggiori problemi di salute, ha spiegato l’esperto dell’Ufsp.

Quanto a incidenza, la Svizzera rimane tra i paesi dove il virus circola maggiormente, con tuttavia differenze regionali anche importanti. In Ticino, il numero di casi sembra in leggera diminuzione rispetto al resto del paese, ha spiegato Urs Karrer, vicepresidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale.

Stando a Mathys, nonostante la forte incidenza, il numero di ricoveri rimane stabile, come anche dei decessi, questi ultimi a un basso livello. Tuttavia, a causa del numero importante di casi, non si può nemmeno escludere un incremento delle persone che necessitano di cure ospedaliere.

Per Karrer, il fatto che tra le categorie d’età più elevate si registri un calo dei ricoveri e dei decessi può essere dovuto all’effetto positivo della vaccinazione, specie di quella di richiamo, che ha spezzato le catene di trasmissione del virus, in particolare nelle case di riposo.

Prematuro revocare misure

A detta di Mathys, a causa della predominanza di Omicron è ancora difficile prevedere se si giungerà a un sovraccarico degli ospedali. Per questo la prudenza è d’obbligo e la revoca delle misure di protezione prematura. Bisogna insomma ancora fare uno sforzo, rispettando i provvedimenti igienici e facendosi immunizzare.

Stando a Mathys, non è possibile pensare che il coronavirus scompaia d’incanto dopo Omicron. Non sappiamo che cosa verrà dopo, se ci saranno altre varianti. Ciò che sappiamo, ha spiegato, è che la vaccinazione protegge anche da altre mutazioni. Per questo il siero rappresenta un investimento a lungo termine “se dobbiamo convivere col Covid”.

Circa la riduzione della quarantena e dell’isolamento a cinque giorni, Karrer ha detto che la decisione del Consiglio federale è giustificata, ma che c’è il rischio che la trasmissione del virus possa avvenire anche dopo i cinque giorni. “Questo rischio può essere ridotto se si seguono misure protettive per altri cinque giorni”, ha spiegato. Rimanere in isolamento se si hanno i sintomi, avere meno contatti possibili e se ve ne sono, indossare una mascherina, ed evitare di frequentare luoghi come ospedali.

Omicron, sottovariante non preoccupa

In merito alla sottovariante di Omicron, Karrer ha sottolineato che quest’ultima è stata rilevata dieci volte finora in Svizzera. Ci sono indicazioni che questo ceppo si stia diffondendo ancora più velocemente di Omicron, ha aggiunto, specificando però che non ci indizi che tale variante sfoci in un decorso più grave della malattia.

“Si sospetta che l’immunità protegga anche dalla sottovariante”, ha affermato il vicepresidente della Task Force. Per questo, chi non ha ancora ricevuto una dose di vaccino negli ultimi quattro mesi dovrebbe farlo ora.

Bambini, decorsi non gravi

Ci sono anche casi di ricoveri di bambini, ma i decorsi non sono gravi, ha affermato Mathys. Al momento, i progressi nelle vaccinazioni per i più piccoli non solo tali da poter essere epidemiologicamente efficaci, ha aggiunto dal canto suo Karrer. I tassi di infezione tra i bambini piccoli sono relativamente alti perché la loro immunità è ancora molto bassa.

Karrer ha anche sottolineato che la situazione nelle scuole e in altre strutture di assistenza è abbastanza complicata. Tuttavia, la situazione non cambierà semplicemente col calo delle infezioni. A suo parere, la tenuta delle lezioni sarebbe senz’altro più facile se i bambini non fossero costantemente infettati. Per questo ha ancora senso vaccinare i bambini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved