la-task-force-covid-19-buone-ragioni-per-essere-ottimisti
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
gallery
Svizzera
16 min

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
2 ore

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
4 ore

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
5 ore

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
5 ore

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
11 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
23 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
1 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
1 gior

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
1 gior

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
05.05.2021 - 16:00
Aggiornamento : 20:51

La task force Covid-19: 'Buone ragioni per essere ottimisti'

Continua a preoccupare la variante inglese, ma si registra una stagnazione o addirittura una diminuzione dei ricoveri, anche in cure intense

Ats, a cura de laRegione

"Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti", ha detto oggi Patrick Mathys, responsabile del settore crisi dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nell'abituale incontro con la stampa. Il numero di casi di Covid-19 in Svizzera continua a diminuire e la vaccinazione procede come previsto. La variante britannica continua però a preoccupare perché causa più decessi e ricoveri in terapia intensiva rispetto al "vecchio" virus.

Il tasso di riproduzione del virus è sceso sotto l'1 negli ultimi giorni, ha precisato Mathys. I ricoveri ospedalieri oggi sono saliti a 113, ma ultimamente si registra una stagnazione o addirittura una leggera diminuzione. La situazione si sta "allentando" anche nei reparti di terapia intensiva. "C'è una buona probabilità che la distensione continui nelle prossime settimane grazie alla vaccinazione", ha aggiunto.

Variante inglese più pericolosa

Per quanto riguarda le varianti, la britannica continua a dominare in Svizzera, mentre quelle brasiliana e sudafricana sono rare. La variante indiana, di cui conosciamo molto poco, è stata identificata una dozzina di volte, ha aggiunto il responsabile dell'UFSP.

La variante britannica porta alla morte circa il 50% più spesso della variante precedentemente dominante. Inoltre, sempre più persone ricoverate devono ricorrere alla terapia intensiva, ha spiegato Urs Karrer, vicepresidente della task force Covid 19. Durante la prima ondata il 15% dei pazienti ricoverati hanno dovuto essere trasferiti in unità di terapia intensiva, attualmente la percentuale è del 30%.

Con il nuovo virus, anche i 50-60enni sono diventati un gruppo a rischio. Molti pazienti gravemente malati hanno tra i 40 e i 50 anni: sono persone attive, che hanno figli piccoli o adolescenti che vanno a scuola, e che hanno molti contatti sociali. Per poter combattere questa variante, supponiamo che sia necessaria un'immunità dell'80% della popolazione, ha precisato ancora Karrer.

Recuperare operazioni posticipate

Le operazioni che hanno dovuto essere rinviate a causa del sovraffollamento dei letti di terapia intensiva non hanno ancora potuto essere eseguite. Gli ospedali devono fare i conti con una proiezione di sei mesi, ha spiegato Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato.

La situazione nelle unità di terapia intensiva degli ospedali si è stabilizzata e "ci sono riserve sufficienti di letti di terapia intensiva". Il personale che lavora in questi reparti è stato estremamente sollecitato dall'inizio della pandemia e continuerà ad esserlo ancora per diversi mesi per gli interventi finora rimandati che richiedono un soggiorno in terapia intensiva.

Vaccinazioni e certificato

La Svizzera ha attualmente capacità di vaccinazione superiori alla disponibilità di vaccini praticamente ovunque, ha detto Linda Nartey, medico cantonale bernese e vice presidente dell'Associazione dei medici cantonali. "Appena il vaccino viene consegnato, viene somministrato rapidamente". Nelle prossime settimane, la campagna di vaccinazione sarà estesa a tutti i gruppi di persone in tutti i cantoni, ha aggiunto, invitando la popolazione ad iscriversi nel proprio cantone e ad evitare il "turismo del vaccino".

I vaccini non sono ancora stati autorizzati per bambini e adolescenti. Secondo Urs Karrer è comunque possibile che i ragazzi fra i 6 e i 16 anni vengano vaccinati entro la fine dell'anno.

Per quanto riguarda il certificato vaccinale, è possibile che in Svizzera ce ne saranno due: quello di Pharmasuisse e della Federazione dei medici svizzeri e quello della Confederazione. Per l'UFSP è di fondamentale importanza che il documento sia compatibile sul piano internazionale. Gli esperti della Confederazione quindi continueranno a lavorare come previsto, ha precisato Patrick Mathys ricordando che a metà maggio l'UE deciderà le condizioni quadro per il certificato.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
patrick mathys task force vaccino anti covid variante inglese
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved