ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 min

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
2 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
3 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
4 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
5 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
22 ore

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior

Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)

Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior

Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera

Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
05.05.2021 - 16:00
Aggiornamento: 20:51

La task force Covid-19: 'Buone ragioni per essere ottimisti'

Continua a preoccupare la variante inglese, ma si registra una stagnazione o addirittura una diminuzione dei ricoveri, anche in cure intense

Ats, a cura de laRegione
la-task-force-covid-19-buone-ragioni-per-essere-ottimisti
(Keystone)

"Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti", ha detto oggi Patrick Mathys, responsabile del settore crisi dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nell'abituale incontro con la stampa. Il numero di casi di Covid-19 in Svizzera continua a diminuire e la vaccinazione procede come previsto. La variante britannica continua però a preoccupare perché causa più decessi e ricoveri in terapia intensiva rispetto al "vecchio" virus.

Il tasso di riproduzione del virus è sceso sotto l'1 negli ultimi giorni, ha precisato Mathys. I ricoveri ospedalieri oggi sono saliti a 113, ma ultimamente si registra una stagnazione o addirittura una leggera diminuzione. La situazione si sta "allentando" anche nei reparti di terapia intensiva. "C'è una buona probabilità che la distensione continui nelle prossime settimane grazie alla vaccinazione", ha aggiunto.

Variante inglese più pericolosa

Per quanto riguarda le varianti, la britannica continua a dominare in Svizzera, mentre quelle brasiliana e sudafricana sono rare. La variante indiana, di cui conosciamo molto poco, è stata identificata una dozzina di volte, ha aggiunto il responsabile dell'UFSP.

La variante britannica porta alla morte circa il 50% più spesso della variante precedentemente dominante. Inoltre, sempre più persone ricoverate devono ricorrere alla terapia intensiva, ha spiegato Urs Karrer, vicepresidente della task force Covid 19. Durante la prima ondata il 15% dei pazienti ricoverati hanno dovuto essere trasferiti in unità di terapia intensiva, attualmente la percentuale è del 30%.

Con il nuovo virus, anche i 50-60enni sono diventati un gruppo a rischio. Molti pazienti gravemente malati hanno tra i 40 e i 50 anni: sono persone attive, che hanno figli piccoli o adolescenti che vanno a scuola, e che hanno molti contatti sociali. Per poter combattere questa variante, supponiamo che sia necessaria un'immunità dell'80% della popolazione, ha precisato ancora Karrer.

Recuperare operazioni posticipate

Le operazioni che hanno dovuto essere rinviate a causa del sovraffollamento dei letti di terapia intensiva non hanno ancora potuto essere eseguite. Gli ospedali devono fare i conti con una proiezione di sei mesi, ha spiegato Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato.

La situazione nelle unità di terapia intensiva degli ospedali si è stabilizzata e "ci sono riserve sufficienti di letti di terapia intensiva". Il personale che lavora in questi reparti è stato estremamente sollecitato dall'inizio della pandemia e continuerà ad esserlo ancora per diversi mesi per gli interventi finora rimandati che richiedono un soggiorno in terapia intensiva.

Vaccinazioni e certificato

La Svizzera ha attualmente capacità di vaccinazione superiori alla disponibilità di vaccini praticamente ovunque, ha detto Linda Nartey, medico cantonale bernese e vice presidente dell'Associazione dei medici cantonali. "Appena il vaccino viene consegnato, viene somministrato rapidamente". Nelle prossime settimane, la campagna di vaccinazione sarà estesa a tutti i gruppi di persone in tutti i cantoni, ha aggiunto, invitando la popolazione ad iscriversi nel proprio cantone e ad evitare il "turismo del vaccino".

I vaccini non sono ancora stati autorizzati per bambini e adolescenti. Secondo Urs Karrer è comunque possibile che i ragazzi fra i 6 e i 16 anni vengano vaccinati entro la fine dell'anno.

Per quanto riguarda il certificato vaccinale, è possibile che in Svizzera ce ne saranno due: quello di Pharmasuisse e della Federazione dei medici svizzeri e quello della Confederazione. Per l'UFSP è di fondamentale importanza che il documento sia compatibile sul piano internazionale. Gli esperti della Confederazione quindi continueranno a lavorare come previsto, ha precisato Patrick Mathys ricordando che a metà maggio l'UE deciderà le condizioni quadro per il certificato.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved