con-le-misure-anti-covid-meno-casi-di-altre-malattie-infettive
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 min

Incidente mortale a Pontresina: la polizia cerca testimoni

Due moto si sono scontrate ieri pomeriggio. Morte tutte le tre persone a bordo.
Svizzera
4 ore

Il sogno della casa propria in campagna non tramonta

Il 90% delle persone che vivono in una zona rurale vorrebbe rimanerci anche in futuro. E quasi il 50% vorrebbe trasferirvicisi
Svizzera
15 ore

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
18 ore

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
21 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
1 gior

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
1 gior

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
1 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
26.07.2021 - 11:38
Aggiornamento : 16:18

Con le misure anti-Covid meno casi di altre malattie infettive

Diminuite del 20% le patologie con obbligo di notifica. Aumentato solo il numero di casi di meningoencefalite da zecche (+13%)

Le malattie infettive con obbligo di notifica sono diminuite del 20% lo scorso anno rispetto al 2019. Lo sottolinea l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo ultimo bollettino, pubblicato oggi. Il calo sarebbe legato alle misure di protezione sanitaria introdotte per contenere la pandemia di coronavirus e ai cambiamenti di comportamento della popolazione.

Complessivamente sono circa 65'000 le notifiche effettuate nel 2020. Le diminuzioni variano, in base alla patologia, dal 15% al 90%, rispetto ai valori degli anni fra il 2015 e il 2019. Solo il numero di casi di meningoencefalite da zecche è aumentato (+13%), probabilmente anche per il boom dell'escursionismo.

La chiusura dei centri di svago ha portato la popolazione a privilegiare le attività in campagna, ricorda l'UFSP. Indossare una mascherina, mantenere una distanza di sicurezza e limitare i viaggi, per citare solo alcune misure introdotte dalle autorità, hanno un effetto sugli agenti infettivi che si trasmettono da una persona all'altra attraverso goccioline d'acqua.

Oltre alle restrizioni, secondo l'UFSP hanno influito i cambiamenti di comportamento, ma forse anche la sottocopertura dei casi reali, poiché le persone malate non hanno voluto o potuto recarsi dal medico. L'UFSP non ha preso in considerazione malattie come l'influenza stagionale, la parotite, la pertosse e la borreliosi, poiché la loro notifica è volontaria. Ha invece selezionato 16 malattie infettive, suddividendole in quattro categorie.

Le quattro malattie respiratorie esaminate mostrano un chiaro calo del numero di casi segnalati. Si va dal -26% per la tubercolosi al -58% per l'infezione da pneumococco. In discesa anche i casi di legionellosi (-32%). Secondo l'UFSP, la chiusura dei centri di svago e il calo dei pernottamenti in hotel hanno portato a una minore esposizione agli impianti idrici che possono contenere i batteri della legionella.

Nel caso delle malattie che si trasmettono per via fecale-orale, il calo varia dal 24% per la campilobatteriosi all'82% per la shigellosi. Va notato che, nonostante il minor numero di casi, le infezioni da Escherichia coli enteroemorragico (EHEC, -51%), la salmonellosi (-27%) e la campilobatteriosi rimangono in linea con i mutamenti stagionali.

Tra le malattie trasmesse da vettori, anche la malaria e la febbre dengue sono fortemente diminuite, rispettivamente del 72% e del 90%. Visto che le persone hanno viaggiato meno a causa delle restrizioni, si sono registrate automaticamente meno infezioni di questo tipo, spiega l'UFSP.

Infine, si osservano diminuzioni anche delle malattie sessualmente trasmissibili, che vanno dal -15% per la clamidia al - 36% per la sifilide. La riduzione dei contatti personali può aver portato a una riduzione anche di quelli sessuali al di fuori delle relazioni fisse, in particolare con la chiusura dei bordelli decisa in molti cantoni, secondo l'UFSP. Si tratta tuttavia solo di un'ipotesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus malattie infettive ufficio sanità pubblica ufsp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved