ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 min

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
3 ore

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
3 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
6 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
8 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
8 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
9 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
06.12.2021 - 13:33
Aggiornamento: 16:36

Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’

Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale

Ats, a cura de laRegione
tpf-pena-ridotta-a-36-mesi-per-l-emiro-di-winterthur
Ti-Press
Il Tribunale penale federale di Bellinzona

La Corte d’appello del Tribunale penale federale (TPF) ha condannato un sostenitore dell’Isis noto come “l’emiro di Winterthur” a una pena detentiva di 36 mesi, di cui 18 da scontare. In prima istanza all’imputato 35enne erano stati inflitti 50 mesi senza la condizionale.

L’accusato, che ha già trascorso quasi un anno in detenzione preventiva, deve quindi tornare in prigione per scontare il resto della pena. La Corte d’appello ha confermato in gran parte le accuse del TPF di un anno fa, ma ha ridotto la pena alla luce degli atti che sono stati effettivamente provati.

La Corte d’appello considera dimostrato che l’uomo si sia recato in Siria alla fine del 2013 per sostenere il sedicente Stato Islamico (Isis). Tuttavia, sono stati provati solo alcuni servizi di guardia e nessuna operazione di combattimento, inoltre sarebbe rientrato in Svizzera dopo tre settimane, ha comunicato oggi il tribunale.

Più grave, secondo la Corte, è stato l’indottrinamento e il reclutamento di ragazzi e giovani adulti che poi si sono recati nella zona di combattimento in Siria.

L’imputato è stato assolto dall’accusa di possesso di immagini violente. Secondo il comunicato stampa della Corte d’appello, il video scoperto nell’indagine penale si trovava nella cache del cellulare dell’uomo, non l’aveva scaricato attivamente per cui la volontà di possedere tali immagini non è provata.

La Corte non ha seguito la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di condannare il 35enne per partecipazione e non solo per sostegno a un’organizzazione criminale. L’MPC aveva chiesto durante il processo d’Appello, tenutosi lo scorso novembre, una condanna di 55 mesi da scontare. Il difensore dell’imputato aveva invece sostenuto l’assoluzione.

Nel processo d’Appello il 35enne si era definito un ex simpatizzante dell’Isis e aveva dichiarato di rammaricarsene profondamente, parlando di un “errore che mi ha rovinato la vita”.

L’uomo aveva quindi espresso l’intenzione di ricostruirsi, fra molte difficoltà, una nuova vita. L’imputato è attualmente inabile al lavoro a causa di un disturbo da stress post-traumatico certificato da un medico. Malattia – aveva detto l’imputato – che sarebbe stata causata dal tempo passato in detenzione preventiva.

Ogni tentativo di trovare un lavoro è finora fallito, indipendentemente dalle sue condizioni di salute. Per questo, l’accusato aveva dichiarato di dover far ricorso all’assistenza sociale.

L’uomo si è nel frattempo separato dalla moglie sposata in Svizzera, lasciando alla donna la custodia della figlia. Il 35enne ha divorziato anche dalla seconda moglie sposata secondo il rito islamico. La donna e la figlia comune sono nel frattempo ritornate in Germania. Il processo è stato seguito anche dalla nuova fidanzata del 35enne.

La decisione della Corte d’appello non è definitiva e può essere ancora impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved