Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
3
Lugano
4
2. tempo
(1-3 : 2-1)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
3
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 1-2)
Davos
3
Berna
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Zugo
5
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
3
2. tempo
(0-3 : 1-0)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
ginevra-sparo-e-uccise-un-amico-16-anni-di-carcere
archivio Ti-Press
I fatti risalgono al maggio 2016
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Ginevra vieta di fumare anche all’aperto

Sigarette, pipe e simili saranno banditi dalle fermate dell’autobus, di cortili delle scuole e nei centri sportivi
Svizzera
5 ore

‘Quarantene e telelavoro, probabile stop la prossima settimana’

Lo ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante una visita all’ospedale cantonale di Aarau. Nessuna modifica per ora al certificato Covid.
Svizzera
6 ore

Si andrà a votare contro ogni obbligo vaccinale in Svizzera

L’iniziativa popolare “Per la libertà e l’integrità fisica” è formalmente riuscita: raccolte 125’015 firme valide
Svizzera
6 ore

Processo Vincenz, la difesa chiede la piena assoluzione

Il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz ha sostenuto stamani che tutte le accuse della procura sono infondate
Svizzera
7 ore

In Svizzera Omicron rappresenta quasi il 95% dei casi

Resta stabile la situazione ospedaliera, con i pazienti Covid che occupano poco meno di un quarto dei letti in cure intense. 14 decessi in 24 ore
Svizzera
15 ore

Aiuti ai media, sostegno sacrosanto o mela avvelenata?

Il 13 febbraio si vota su un pacchetto da 151 milioni per sette anni. I consiglieri nazionali Alex Farinelli (Plr) e Marco Romano (Centro) a confronto.
coronavirus
1 gior

Via la mascherina a scuola in alcuni cantoni romandi

Da lunedì prossimo non sarà più obbligatoria nelle elementari dei cantoni Vallese, Friburgo e Vaud
Svizzera
1 gior

Di nuovo fuori uso il registro donazione organi in Svizzera

Era tornato temporaneamente attivo dopo la scoperta di una falla nel sistema di sicurezza. Adesso è stato rimesso offline.
03.12.2021 - 18:520
Aggiornamento : 20:06

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni

Il tribunale criminale di Ginevra ha condannato oggi un uomo di 42 anni a 16 anni di prigione per assassinio. Nel maggio 2016, nel quartiere Libellules di Chatelaine (Ge), l’uomo aveva sparato a freddo a un amico, vicino di casa con cui aveva avuto un alterco qualche giorno prima, crivellandolo di proiettili.

Per i giudici, l’accusato si è reso colpevole di una “vera e propria esecuzione”. Ha agito con un “sangue freddo agghiacciante”, svuotando due volte il caricatore della sua pistola semiautomatica sulla vittima, raggiungendola nella sala da tè dove si era rifugiata per “sterminarla come un cane”.

Il tribunale ha sottolineato il “comportamento terrificante” dell’imputato, che ha fatto vivere “l’indicibile” al suo vicino, nonostante lo conoscesse da anni e con lui avesse stabilito un’amicizia. La colpa dell’accusato è “di una gravità estrema”. È stata inoltre commessa per un “movente eminentemente futile”.

Secondo la corte, il “sentimento d’inferiorità” di cui soffre il 42enne, la sua frustrazione, “i fallimenti nella sua vita”, il tutto associato a una personalità borderline e paranoica, hanno potuto costituire una miscela esplosiva. L’imputato voleva vendicarsi dell’affronto ricevuto dopo l’alterco. La sua rabbia si è “cristallizzata” sulla sua vittima.

Egocentrismo

Il tribunale ha rimproverato all’accusato il suo egocentrismo: i giudici hanno deplorato tra l’altro i tentativi dell’imputato di giustificarsi costantemente, di evocare traumi subiti durante l’infanzia per spiegare le sue azioni.

I giudici hanno inoltre disapprovato il comportamento del 42enne che ha puntato, nel corso di tutto il procedimento, a infangare la memoria della vittima. L’ha fatta passare per uno spacciatore, un boss, un ricattatore, quando in realtà era una persona “disponibile e scherzosa”, a cui piaceva chiamare i suoi amici con nomignoli.

D’altra parte, la corte non ha considerato la premeditazione. Secondo i giudici nessun elemento permette di affermare che l’accusato abbia cercato il suo vicino nei giorni successivi alla lite avuta con quest’ultimo. Sulla base della perizia, hanno ammesso che l’imputato fosse solo marginalmente responsabile.

Un massacro

I fatti risalgono al maggio 2016 nel quartiere Libellules. L’accusato ha prima sparato tre colpi alla sua vittima mentre quest’ultima stava tornando a casa, nel vicolo dell’immobile. Si è poi allontanato, ha ricaricato l’arma, prima di raggiungere il vicino nella sala da tè dove si era rifugiato.

Nello stabilimento, in presenza di altri clienti, l’accusato ha puntato l’arma in direzione della sua vittima e gli ha sparato una volta al petto, poi tre volte alla testa. Ha lasciato la sala da tè, ha rimesso i proiettili nella sua pistola, poi è rientrato nel locale e ha sparato altri due colpi alla testa del suo amico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved