ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
49 min

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
2 ore

Pietra tombale sull’autonomia del Governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
17 ore

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
19 ore

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
20 ore

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
23 ore

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
1 gior

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
03.12.2021 - 18:52
Aggiornamento: 20:06

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni

Ats, a cura de laRegione
ginevra-sparo-e-uccise-un-amico-16-anni-di-carcere
archivio Ti-Press
I fatti risalgono al maggio 2016

Il tribunale criminale di Ginevra ha condannato oggi un uomo di 42 anni a 16 anni di prigione per assassinio. Nel maggio 2016, nel quartiere Libellules di Chatelaine (Ge), l’uomo aveva sparato a freddo a un amico, vicino di casa con cui aveva avuto un alterco qualche giorno prima, crivellandolo di proiettili.

Per i giudici, l’accusato si è reso colpevole di una “vera e propria esecuzione”. Ha agito con un “sangue freddo agghiacciante”, svuotando due volte il caricatore della sua pistola semiautomatica sulla vittima, raggiungendola nella sala da tè dove si era rifugiata per “sterminarla come un cane”.

Il tribunale ha sottolineato il “comportamento terrificante” dell’imputato, che ha fatto vivere “l’indicibile” al suo vicino, nonostante lo conoscesse da anni e con lui avesse stabilito un’amicizia. La colpa dell’accusato è “di una gravità estrema”. È stata inoltre commessa per un “movente eminentemente futile”.

Secondo la corte, il “sentimento d’inferiorità” di cui soffre il 42enne, la sua frustrazione, “i fallimenti nella sua vita”, il tutto associato a una personalità borderline e paranoica, hanno potuto costituire una miscela esplosiva. L’imputato voleva vendicarsi dell’affronto ricevuto dopo l’alterco. La sua rabbia si è “cristallizzata” sulla sua vittima.

Egocentrismo

Il tribunale ha rimproverato all’accusato il suo egocentrismo: i giudici hanno deplorato tra l’altro i tentativi dell’imputato di giustificarsi costantemente, di evocare traumi subiti durante l’infanzia per spiegare le sue azioni.

I giudici hanno inoltre disapprovato il comportamento del 42enne che ha puntato, nel corso di tutto il procedimento, a infangare la memoria della vittima. L’ha fatta passare per uno spacciatore, un boss, un ricattatore, quando in realtà era una persona “disponibile e scherzosa”, a cui piaceva chiamare i suoi amici con nomignoli.

D’altra parte, la corte non ha considerato la premeditazione. Secondo i giudici nessun elemento permette di affermare che l’accusato abbia cercato il suo vicino nei giorni successivi alla lite avuta con quest’ultimo. Sulla base della perizia, hanno ammesso che l’imputato fosse solo marginalmente responsabile.

Un massacro

I fatti risalgono al maggio 2016 nel quartiere Libellules. L’accusato ha prima sparato tre colpi alla sua vittima mentre quest’ultima stava tornando a casa, nel vicolo dell’immobile. Si è poi allontanato, ha ricaricato l’arma, prima di raggiungere il vicino nella sala da tè dove si era rifugiato.

Nello stabilimento, in presenza di altri clienti, l’accusato ha puntato l’arma in direzione della sua vittima e gli ha sparato una volta al petto, poi tre volte alla testa. Ha lasciato la sala da tè, ha rimesso i proiettili nella sua pistola, poi è rientrato nel locale e ha sparato altri due colpi alla testa del suo amico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved