ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
5 ore

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
10 ore

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
11 ore

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
1 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
1 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
1 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
1 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
Svizzera
1 gior

Caduta mortale per un ciclista 76enne a Dättlikon

L’incidente si è verificato ieri sera poco prima delle 19. A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo
Svizzera
2 gior

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica
Svizzera
2 gior

Automobilista trovato esanime in mezzo alla strada

Forse un malore la causa del decesso dell’uomo, rinvenuto privo di vita nel pomeriggio sulla strada tra Ginevra e Vésenaz
29.10.2021 - 16:58
Aggiornamento: 17:16

Riforma del secondo pilastro, compensazioni mirate

La commissione del Nazionale ha terminato l’esame del dossier. Vuole supplementi di rendita solo per il 35-40% dei pensionati interessati

riforma-del-secondo-pilastro-compensazioni-mirate
Keystone
La riforma della Lpp dà filo da torcere al Parlamento

Berna – Dopo la riforma dell’AVS, un altro grande cantiere attende il parlamento: la riforma della previdenza professionale (LPP 21) che prevede, in particolare, la riduzione dell’aliquota minima di conversione dal 6,8 al 6%.

Per attenuare questo “salasso”, la Commissione della sicurezza sociale del Nazionale (CSSS-N) ha previsto un sistema di compensazione che dovrebbe interessare il 35-40% circa dei pensionati toccati dalla riforma. Nella votazione sul complesso la CSSS-N raccomanda al plenum di accogliere la riforma del Consiglio federale, emendata, per 14 voti a 8 e 2 astensioni.

Compensare in modo mirato

Alla luce della riduzione dell’aliquota minima di conversione (l’aliquota mediante la quale calcolare l’avere di vecchiaia) per 14 voti a 11, la CSSS-N vuole compensare in modo mirato le risultanti diminuzioni delle rendite. La rendita prevista secondo il regolamento della cassa pensioni sarà confrontata con l’importo minimo legale maggiorato del supplemento di rendita. Il calcolo del supplemento di rendita finale terrà conto delle prestazioni sovraobbligatorie della cassa pensioni.

Il supplemento ammonta al massimo a 2’400 franchi l’anno per le prime cinque classi d’età, al massimo a 1’800 franchi per le cinque successive classi d’età e al massimo a 1’200 franchi per le ultime cinque classi d’età.

Diversamente da quanto previsto in precedenza, la maggioranza propone che il supplemento di rendita venga finanziato solidalmente da tutti gli assicurati soltanto nella misura in cui gli eventuali accantonamenti costituiti dalle singole casse pensioni non siano sufficienti. A tale scopo il fondo di garanzia deve riscuotere dalle casse pensioni importi pari allo 0,15% dei salari assicurati secondo la LPP.

Soglia d’entrata dimezzata

Due forti minoranze della CSSS-N propongono altri modelli di compensazione. Una sostiene il modello del Consiglio federale, che prevede un supplemento di rendita per tutti i nuovi pensionati. L’altra minoranza prevede un supplemento di rendita, che sarebbe versato per le prime 20 classi d’età e che diminuirebbe di classe d’età in classe d’età, soltanto per gli assicurati con un avere di vecchiaia fino a poco più di mezzo milione di franchi. Questo modello ingloberebbe attorno al 70% dei pensionati.

La Commissione è ritornata sulla questione di come debbano essere assicurati i lavoratori a tempo parziale al servizio di vari datori di lavoro. Propone ora che tutti coloro che hanno un salario annuo complessivo superiore a 12 548 franchi debbano affiliarsi a una cassa pensione (13 voti a 11 e 1 astensione).

Il modello governativo

Stando al Consiglio federale, la diminuzione dell’aliquota di conversione minima si tradurrà in una riduzione del 12% delle rendite.

Per attenuare tale effetto, il progetto governativo – che riprende il modello elaborato su sua richiesta dall’Unione svizzera degli imprenditori, dall’Unione sindacale svizzera e da Travail.Suisse – prevede parallelamente un meccanismo di compensazione per almeno i prossimi 15 anni: nei primi cinque anni dopo l’entrata in vigore della riforma, chi va in pensione riceverà a vita un supplemento mensile di 200 franchi. Poi, chi finirà in pensione nei cinque anni successivi ne otterrà 150 e coloro che inizieranno a percepire una rendita nel terzo lustro dall’entrata in vigore della riforma ne intascheranno 100.

In seguito, il governo stabilirà annualmente l’ammontare dell’importo per i neo-pensionati. Questo supplemento, indipendente dall’importo della rendita, sarà finanziato con un contributo pari allo 0,5% del reddito annuo soggetto all’AVS fino a 853’200 franchi (nel 2020).

Bassi redditi e tempo parziale

La proposta dell’esecutivo contempla miglioramenti anche per i dipendenti a tempo parziale e per i lavoratori a basso reddito. La cosiddetta deduzione di coordinamento, che determina il salario assicurato nella cassa pensioni, sarebbe dimezzata da 24’885 a 12’443 franchi.

Ciò significherebbe più contributi, ma anche una pensione più elevata per piccoli redditi. In questo modo, secondo il Consiglio federale, un numero significativo di donne, di lavoratori a tempo parziale e di assicurati con redditi modesti beneficerebbero di una migliore sicurezza sociale per la vecchiaia e l’invalidità.

Lavoratori anziani

Il progetto prevede inoltre di ridurre il divario contributivo tra giovani e anziani assicurati: i nuovi accrediti di vecchiaia sarebbero pertanto meno graduati rispetto a oggi. Sul salario soggetto alla LPP, per la fascia di età dai 25 ai 44 anni, si applicherà un’aliquota del 9%, mentre per i lavoratori oltre i 45 anni la quota sarebbe del 14%.

Al giorno d’oggi gli accrediti di vecchiaia si attestano al 15% per le fasce di età 45-54 anni e al 18% per i lavoratori sopra i 55 anni. In questo modo gli oneri salariali per i lavoratori anziani dovrebbero diminuire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved