WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
CAL Flames
01:00
 
TOR Leafs
ANA Ducks
01:00
 
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
riforma-2o-pilastro-commissione-del-nazionale-cambia-rotta
Keystone
La riforma del secondo pilastro dà parecchio filo da torcere al Parlamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
6 ore

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
7 ore

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
9 ore

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
10 ore

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
10 ore

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
10 ore

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
11 ore

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
13 ore

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
1 gior

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
1 gior

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
1 gior

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
1 gior

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
1 gior

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
1 gior

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
1 gior

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
20.08.2021 - 18:190
Aggiornamento : 19:58

Riforma 2o pilastro, commissione del Nazionale cambia rotta

La maggioranza borghese sostiene un modello di compensazione alternativo per evitare ‘l’effetto innaffiatoio’. Il Ps e i partner sociali deplorano.

Berna – La riforma del 2° pilastro continua a dare filo da torcere alla Commissione della sicurezza sociale del Nazionale (Csss-N). Dopo aver accettato, in giugno, la proposta di compromesso elaborata dalle parti sociali, la Csss-N è tornata sui suoi passi e ora la respinge. Propone invece un nuovo modello di compensazione.

Come compensare la riduzione delle rendite derivante dall’abbassamento dal 6,8 al 6% dell’aliquota di conversione minima (significa che una pensione di 100mila franchi passerà da 6'800 a 6mila franchi)? La questione è al centro della riforma. La Csss-N adesso respinge il compromesso delle parti sociali, ripreso dal Consiglio federale, poiché a suo avviso il previsto supplemento di rendita – finanziato congiuntamente da lavoratori e datori di lavoro attraverso un contributo salariale dello 0,5% – funziona secondo il principio dell’innaffiatoio e interferisce eccessivamente nell’autonomia degli istituti di previdenza.

Modello alternativo

Il modello della maggioranza - 14 voti a 10 - propone un modello di compensazione alternativo con il quale intende migliorare in modo mirato la rendita degli assicurati nella parte obbligatoria LPP e vicino alla stessa. Concretamente, la rendita di vecchiaia ai sensi della Legge sulla previdenza professionale di una generazione di transizione di 15 classi di età sarà aumentata di 2400 franchi all’anno per le prime cinque classi d’età dopo l’entrata in vigore della riforma, di 1800 franchi all’anno per le successive cinque classi d’età e di 1200 franchi all’anno per le ultime cinque classi d’età della generazione di transizione.

La rendita di vecchiaia LPP maggiorata può tuttavia essere applicata soltanto se supera la prestazione di vecchiaia regolamentare di una persona. La misura di compensazione sarà finanziata mediante contributi sul salario coordinato. Gli istituti di previdenza possono anche finanziare i contributi necessari attingendo ad accantonamenti non più necessari, si legge in una nota dei Servizi del Parlamento.

Costi più che dimezzati

Mentre la proposta di compensazione del Consiglio federale destinata alla generazione di transizione genera costi annui di circa 1,7 miliardi, sulla base di prime stime il nuovo modello della CSSS-N comporterebbe una spesa di circa 800 milioni l’anno. Prima di adottare una decisione definitiva, la commissione ha incaricato l’Amministrazione di calcolare le ripercussioni finanziarie dei modelli ancora in discussione.

Quello alternativo reso noto oggi è assai controverso. Una forte minoranza crede che non sia in grado di ottenere il consenso della maggioranza, poiché le persone di età inferiore a 50 anni e gli assicurati con reddito elevato dovrebbero fornire un contributo finanziario alla compensazione senza ricevere nulla in cambio.

È quanto pensa il Ps, ad esempio. In una nota il partito deplora la “grave battuta d’arresto’ subita dal “famoso compromesso svizzero”, concretizzatosi nella fattispecie nell’accordo tra le parti sociali “gettato dalla finestra”. “La maggioranza di destra della CSSS-N chiaramente non si preoccupa del delicato equilibrio trovato dalle parti sociali”, scrive ancora il Ps, bollando come “inaccettabile” il progetto da lei sostenuto. I partner sociali (Unione svizzera degli imprenditori e sindacati) che hanno elaborato il compromesso ripreso dal Consiglio federale affermano in una nota che la riforma rischia di andare incontro a “un misero fallimento”. L’Associazione svizzera delle istituzioni di previdenza (Asip) parla invece di “piccolo passo nella giusta direzione”

Giovani, lavoratori a tempo parziale e con redditi bassi

Anche altri aspetti della riforma – la cui trattazione verrà finalizzata dopo la sessione autunnale – hanno fatto discutere in commissione. La Csss-N ha optato (18 voti contro 6 e un’astensione) per una riduzione della soglia d’entrata per assicurare alla previdenza professionale i lavoratori impiegati a tempo parziale e con redditi bassi. Di conseguenza, i lavoratori che percepiscono da un solo datore di lavoro un salario annuo superiore a 12 548 franchi saranno obbligatoriamente assicurati (18 voti contro 6 e 1 astensione). 

La commissione si è pure espressa a favore di un inizio del risparmio per la vecchiaia già a 20 anni invece che da 25 anni. Inoltre, la deduzione di coordinamento dovrebbe essere dimezzata, ciò che permetterà di prelevare i contributi Lpp su una parte più consistente del salario, nello specifico sulla parte tra 12'548 e 86'040 franchi. Gli accrediti di vecchiaia per gli impiegati di età compresa tra i 20 e i 44 anni dovrebbero ammontare al 9% del salario coordinato, mentre per quelli di oltre 45 anni al 14%. Infine si vuole estendere la possibilità di assicurazione volontaria, in particolare per migliorare la copertura dei giovani assicurati.

L’obiettivo dichiarato della commissione è di “proporre una soluzione ponderata e in grado di ottenere il consenso della maggioranza”. Per questo si procede con i piedi di piombo. Prima di approvare il progetto, la Csss-N vuole conoscere in dettaglio le conseguenze finanziarie delle sue decisioni. Ha commissionato vari calcoli aggiuntivi e si riserva il diritto di apportare ulteriori modifiche. La discussione continuerà dopo la sessione autunnale. L’esame da parte del plenum avverrà al più presto in occasione della sessione invernale delle Camere federali (29 novembre-17 dicembre). 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved