ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
10 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
13 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
17 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
17 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
23 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 gior

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
1 gior

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
26.10.2021 - 13:05
Aggiornamento: 14:30

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65

Ats, a cura de laRegione
via-libera-a-terza-dose-per-persone-immunodepresse-o-a-rischio
(Keystone)

Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell’Autorità svizzera per l’omologazione e il controllo dei medicamenti.

Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

In linea con la decisione di omologazione adottata da Swissmedic, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) raccomandano alle persone con più di 65 anni la vaccinazione di richiamo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, la vaccinazione di richiamo non è né autorizzata né raccomandata per la popolazione in generale.

I dati scientifici disponibili mostrano che le persone vaccinate sono molto ben protette contro le forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90 per cento. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia. Pertanto, secondo la Cfv e l’Ufsp una vaccinazione di richiamo per l’intera popolazione non è attualmente opportuna.

Tuttavia, alcuni studi indicano che la protezione vaccinale può indebolirsi leggermente con il passare del tempo, in particolare nelle persone più anziane. L’Ufsp e la Cfv raccomandano pertanto la vaccinazione di richiamo per tutte le persone con più di 65 anni, da somministrare al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa. La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. Tra le persone particolarmente a rischio, questi gruppi sono quelli che più rischiano di ammalarsi gravemente.

Le vaccinazioni di richiamo iniziano a metà novembre

La raccomandazione di vaccinazione dell’Ufsp e della Cfv si basa sulla decisione di Swissmedic, che ha omologato la vaccinazione di richiamo con i due vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna per le persone particolarmente a rischio.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate nei prossimi giorni.
I sistemi informatici predisposti dalla Confederazione per la prenotazione, la documentazione e il monitoraggio saranno operativi dal 4 novembre. I cantoni sono responsabili dell’esecuzione delle vaccinazioni di richiamo. I cantoni decidono da quando le persone idonee possono registrarsi e si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre.

Persone con un sistema immunitario indebolito

Per le persone con un sistema immunitario indebolito la terza dose di vaccino è già raccomandata. Per chi è gravemente immunocompromesso non si tratta però di una vaccinazione di richiamo: la terza dose rientra nell’immunizzazione di base (“vaccinazione primaria”) se la risposta del sistema immunitario è debole o assente dopo due dosi. A queste persone la terza dose può essere somministrata dopo almeno 28 giorni.

La fornitura di vaccini è assicurata

La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non sono ancora vaccinati.
La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di Covid-19. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario.

Utilizzare l’accesso a bassa soglia

Le prime vaccinazioni di richiamo saranno somministrate probabilmente nelle case per anziani. Inoltre, per impedire la diffusione del virus nelle case di cura e per anziani ed evitare di mettere a rischio le persone più anziane, la prima e la seconda vaccinazione dovranno essere nuovamente offerte a tutti i residenti e i collaboratori di questi istituti che finora non si sono ancora fatti vaccinare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved