ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
1 ora

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
2 ore

Nel 2023 non ci dovrebbe essere recessione

A sostenere la crescita sono in particolare i consumi privati, mentre l’edilizia influisce negativamente sui risultati
Svizzera
2 ore

Per un caffè crème fra un po’ non basteranno 5 franchi

Sull’arco di dieci anni l’aumento è del 6,8% (+28 centesimi), con il prezzo medio che nel 2012 era di 4,11 franchi
Svizzera
3 ore

Ben 21 nuovi elicotteri di soccorso per la Rega

Fra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso rinnoverà la sua intera flotta
Svizzera
4 ore

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
5 ore

Covid: 1’400 ricoveri per effetti indesiderati dei vaccini

Fra il 2020 e il 2021, 8’232 persone ricoverate a causa del coronavirus sono decedute negli ospedali
Svizzera
6 ore

Trasfusioni e omosessuali: possibile modificare l’esclusione

In Svizzera, dal 2017, gli uomini che hanno avuto rapporti sessuali con uomini negli ultimi 12 mesi non possono donare sangue
Svizzera
6 ore

Hotel: incremento dei visitatori, ma non in Ticino (-14,9%)

Per l’estate scorsa dieci regioni turistiche su tredici presentano un aumento di pernottamenti rispetto al 2021
Svizzera
7 ore

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
8 ore

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
18 ore

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
26.10.2021 - 13:05
Aggiornamento: 14:30

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65

Ats, a cura de laRegione
via-libera-a-terza-dose-per-persone-immunodepresse-o-a-rischio
(Keystone)

Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell’Autorità svizzera per l’omologazione e il controllo dei medicamenti.

Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

In linea con la decisione di omologazione adottata da Swissmedic, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) raccomandano alle persone con più di 65 anni la vaccinazione di richiamo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, la vaccinazione di richiamo non è né autorizzata né raccomandata per la popolazione in generale.

I dati scientifici disponibili mostrano che le persone vaccinate sono molto ben protette contro le forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90 per cento. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia. Pertanto, secondo la Cfv e l’Ufsp una vaccinazione di richiamo per l’intera popolazione non è attualmente opportuna.

Tuttavia, alcuni studi indicano che la protezione vaccinale può indebolirsi leggermente con il passare del tempo, in particolare nelle persone più anziane. L’Ufsp e la Cfv raccomandano pertanto la vaccinazione di richiamo per tutte le persone con più di 65 anni, da somministrare al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa. La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. Tra le persone particolarmente a rischio, questi gruppi sono quelli che più rischiano di ammalarsi gravemente.

Le vaccinazioni di richiamo iniziano a metà novembre

La raccomandazione di vaccinazione dell’Ufsp e della Cfv si basa sulla decisione di Swissmedic, che ha omologato la vaccinazione di richiamo con i due vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna per le persone particolarmente a rischio.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate nei prossimi giorni.
I sistemi informatici predisposti dalla Confederazione per la prenotazione, la documentazione e il monitoraggio saranno operativi dal 4 novembre. I cantoni sono responsabili dell’esecuzione delle vaccinazioni di richiamo. I cantoni decidono da quando le persone idonee possono registrarsi e si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre.

Persone con un sistema immunitario indebolito

Per le persone con un sistema immunitario indebolito la terza dose di vaccino è già raccomandata. Per chi è gravemente immunocompromesso non si tratta però di una vaccinazione di richiamo: la terza dose rientra nell’immunizzazione di base (“vaccinazione primaria”) se la risposta del sistema immunitario è debole o assente dopo due dosi. A queste persone la terza dose può essere somministrata dopo almeno 28 giorni.

La fornitura di vaccini è assicurata

La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non sono ancora vaccinati.
La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di Covid-19. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario.

Utilizzare l’accesso a bassa soglia

Le prime vaccinazioni di richiamo saranno somministrate probabilmente nelle case per anziani. Inoltre, per impedire la diffusione del virus nelle case di cura e per anziani ed evitare di mettere a rischio le persone più anziane, la prima e la seconda vaccinazione dovranno essere nuovamente offerte a tutti i residenti e i collaboratori di questi istituti che finora non si sono ancora fatti vaccinare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved