via-libera-a-terza-dose-per-persone-immunodepresse-o-a-rischio
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
rocco cattaneo
3 ore

Dal petrolio al sole: Rocco Cattaneo si illumina

Il consigliere nazionale Plr, ex amministratore delegato di City Carburoil, racconta la sua svolta verde. E spiega la sua mozione sulle discariche solari.
Svizzera
12 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
16 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
17 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
17 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
18 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
19 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
19 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
21 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
21 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
22 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
26.10.2021 - 13:05
Aggiornamento : 14:30

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65

Ats, a cura de laRegione

Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell’Autorità svizzera per l’omologazione e il controllo dei medicamenti.

Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

In linea con la decisione di omologazione adottata da Swissmedic, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) raccomandano alle persone con più di 65 anni la vaccinazione di richiamo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, la vaccinazione di richiamo non è né autorizzata né raccomandata per la popolazione in generale.

I dati scientifici disponibili mostrano che le persone vaccinate sono molto ben protette contro le forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90 per cento. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia. Pertanto, secondo la Cfv e l’Ufsp una vaccinazione di richiamo per l’intera popolazione non è attualmente opportuna.

Tuttavia, alcuni studi indicano che la protezione vaccinale può indebolirsi leggermente con il passare del tempo, in particolare nelle persone più anziane. L’Ufsp e la Cfv raccomandano pertanto la vaccinazione di richiamo per tutte le persone con più di 65 anni, da somministrare al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa. La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. Tra le persone particolarmente a rischio, questi gruppi sono quelli che più rischiano di ammalarsi gravemente.

Le vaccinazioni di richiamo iniziano a metà novembre

La raccomandazione di vaccinazione dell’Ufsp e della Cfv si basa sulla decisione di Swissmedic, che ha omologato la vaccinazione di richiamo con i due vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna per le persone particolarmente a rischio.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate nei prossimi giorni.
I sistemi informatici predisposti dalla Confederazione per la prenotazione, la documentazione e il monitoraggio saranno operativi dal 4 novembre. I cantoni sono responsabili dell’esecuzione delle vaccinazioni di richiamo. I cantoni decidono da quando le persone idonee possono registrarsi e si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre.

Persone con un sistema immunitario indebolito

Per le persone con un sistema immunitario indebolito la terza dose di vaccino è già raccomandata. Per chi è gravemente immunocompromesso non si tratta però di una vaccinazione di richiamo: la terza dose rientra nell’immunizzazione di base (“vaccinazione primaria”) se la risposta del sistema immunitario è debole o assente dopo due dosi. A queste persone la terza dose può essere somministrata dopo almeno 28 giorni.

La fornitura di vaccini è assicurata

La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non sono ancora vaccinati.
La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di Covid-19. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario.

Utilizzare l’accesso a bassa soglia

Le prime vaccinazioni di richiamo saranno somministrate probabilmente nelle case per anziani. Inoltre, per impedire la diffusione del virus nelle case di cura e per anziani ed evitare di mettere a rischio le persone più anziane, la prima e la seconda vaccinazione dovranno essere nuovamente offerte a tutti i residenti e i collaboratori di questi istituti che finora non si sono ancora fatti vaccinare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
moderna persone immunodepresse pfizer swissmedic terza dose vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved